Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come e perché nasce CasaNoi.it, il primo socialmarket immobiliare

di 2 commenti

Un disegno illustra le differenze: mercato immobiliare con agenzie e mercato immobiliare solo per privati

Molti ci considerano folli e imprudenti. Un ennesimo sito immobiliare? Ma se nel web ce ne sono anche troppi! Cosa potrà dire di nuovo? Quanta fatica farà per emergere?


L’idea iniziale

Siamo partiti da semplici domande. Nei portali immobiliari, la casa offerta viene “presentata” nel modo migliore? Le persone interessate ricevono informazioni sufficienti? Queste informazioni sono corrette? I successivi contatti si sviluppano con facilità? C’è sicurezza? E così via.

Giuseppe Palombelli, ideatore e CEO di CasaNoi.it, Gianni Bitetti ed io abbiamo dedicato quattro mesi a pensare, a confrontarci, senza vincoli di tempo e impegni stringenti. Un lusso che capita poche volte nella vita. Senza schemi precostituiti.

Fotoritratto di Bitetti, Sara Grita, Giuseppe Palombelli. Foto Pietro Pesce.

 

In quei mesi preziosi – ottobre 2011/gennaio 2012 – abbiamo osservato il mercato immobiliare, incontrato e intervistato proprietari e persone che cercavano casa, riflettuto sui loro bisogni, analizzato il processo che parte da un semplice annuncio e termina con un rogito notarile. Abbiamo individuato nuovi servizi per aiutare le persone.

 

Un mare di idee, tutte belle, ma che fare per farle funzionare? Come metterle in partica e a disposizione di tutti?

L’idea prende forma

Abbiamo quindi deciso di incanalare le nostre energie con l’aiuto di professionisti del web. Cercando, abbiamo conosciuto Francesco Fullone, Jacopo Romei e Nicolò Volpato, brillanti trentenni imprenditori (le loro aziende si chiamano Ideato e GNV).

 In sole due giornate entusiasmanti di progettazione di massima, ci hanno aiutato a “creare” CasaNoi.it. Con un sistema di analisi intuitivo: ogni azione che si vuole sviluppare su un sito è una “storia” (user story).  Noi ne avevamo una trentina. Decisamente  troppe.

 

Le “storie” sono state ordinate secondo priorità e quel che uscito è stato il “nocciolo” di CasaNoi.it: un luogo dove le persone hanno la possibilità di comunicare direttamente tra di loro della casa offerta o cercata, senza intermediari.

 

Così è nato il nostro nome (CASA + NOI) ed è per questo che ci definiamo “il primo socialmarket immobiliare”.

In altre parole, chi meglio del proprietario può raccontare la propria casa? E come facilitare l’incontro e il dialogo con le persone che cercano casa in una data zona?

L’idea si realizza

Nei quattro mesi successivi le pagine del sito sono state disegnate e il codice sviluppato. Nel giugno 2012 CasaNoi.it era online con la prima versione beta.

Ringraziamento

Il logo di CasaNoi.it, a forma di casetta con baloon del fumetto, disegnato da Martina Venettoni, Margodesign, RomaUn grazie particolare all’autrice del nostro logo: Martina Venettoni, anche lei imprenditrice trentenne, titolare di Margodesign.

Articolo scritto da:

Sara Grita

Leggi tutti gli articoli
Webwriter, copywriter, blogger. Nata e cresciuta a Milano, ho lavorato a Roma, Bologna e ancora Roma nelle produzioni video, tv, teatrali, come responsabile della comunicazione. Ho partecipato all'ideazione e alla fondazione di CasaNoi. Questo blog nasce per condividere tutte le informazioni su casa e ambiente ed è aperto alle domande dei lettori.

Ti potrebbero interessare

2 commenti su “Come e perché nasce CasaNoi.it, il primo socialmarket immobiliare
Inserisci un nuovo commento

  1. Gentile Patrizia,
    siamo felici che il nostro sito http://www.casanoi.it ti piaccia e che approvi l’idea di fondo: uno spazio solo per proprietari e privati, in cui chi vende o affitta casa si presenta (basta annunci anonimi!) e può ricevere contatti diretti dalle persone interessate, senza alcun intermediario – e quindi senza provvigioni da pagare.
    Continua a seguirci: a breve potenzieremo il sito con una funzione assolutamente innovativa.
    Un saluto dal team di CasaNoi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *