Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Tutto ciò che occorre sapere per ristrutturare casa

di 0 commenti

Costi e tempi per una ristrutturazione

ristrutturare casa-in-poco tempo-spendendo-pocoQuando si sta per affrontare un intervento per ristrutturare casa sono due le incognite che pesano di più: i tempi e i costi.
La questione tempo è di fondamentale importanza sia per chi la casa l’abita già e dovrà fare i conti con numerosi disagi per diversi mesi, sia per chi deve ristrutturare un alloggio per potervisi trasferire.
Il problema dei costi invece è particolarmente sentito in questo periodo di crisi economica in cui le famiglie si trovano a fare i conti con budget limitati e spesso sono costrette a ridimensionare le proprie intenzioni iniziali.

La consulenza di un tecnico

L’importante è avere bene a mente questi aspetti quando si inizia, per non incorrere in brutte sorprese durante il corso dei lavori. Per evitare errori è quindi importante affidarsi alla consulenza di un tecnico qualificato fin dalle prime fasi degli interventi.

Il professionista incaricato dovrà valutare sin dal primo colloquio con il cliente una serie di aspetti:

  • ascoltare le esigenze della famiglia
  • valutare la fattibilità tecnica e normativa delle richieste esposte
  • quantificare l’investimento economico necessario
  • esporre i possibili miglioramenti energetici da attuare
  • valutare la convenienza di eventuali agevolazioni fiscali.

Naturalmente tutti questi aspetti cambieranno a seconda che l’immobile da ristrutturare sia un appartamento o una casetta unifamiliare, che si trovi in città o in un piccolo centro, e così via.

La riqualificazione energetica e i costi degli impianti

Allo stato attuale i costi che maggiormente incidono in una ristrutturazione sono i costi legati agli impianti. Quelli presenti nelle case italiane sono infatti di frequente obsoleti e non a norma per cui richiedono un rifacimento spesso totale.

Leggi  Eco Cooler, condizionatore fai da te senza elettricità

D’altro canto, una delle esigenze principali a cui rispondere in caso di ristrutturazione è quella di rendere l’immobile più efficiente dal punto di vista energetico. In questo caso, gli interventi di impiantistica potranno essere onerosi, ma si dovrà mettere in preventivo la possibilità di ottenere un significativo ritorno economico nel corso degli anni, grazie alla diminuzione dei costi in bolletta dovuti ai minori consumi energetici.

Detrazioni fiscali per le ristrutturazioni e per riqualificazione energetica

Per chiunque intenda mettere mano a un intervento di riqualificazione di un edificio esistente è interessante ricordare che si può ricorrere a diverse agevolazioni fiscali.
Sono ancora in vigore per quest’anno le detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni e del 65% per riqualificazione energetica. A queste vanno aggiunte le ulteriori detrazioni del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati ad arredare la casa ristrutturata. Dal prossimo anno, salvo modifiche legislative, dovrebbero andare a regime ed essere entrambe assorbite da un’agevolazione unica con aliquota pari al 36%.
Naturalmente le spese previste dovranno comunque essere sostenute per intero, ma si potrà ottenere un ritorno economico solo nel corso degli anni, sottoforma di sconto fiscale.
Un’agevolazione fiscale di cui si può usufruire immediatamente è invece quella legata all’aliquota Iva applicata, che per i lavori di ristrutturazione scende dal 22 al 10%.

Da non escludere, infine, la possibilità di richiedere un finanziamento specifico per questa situazione, il mutuo per ristrutturazione, per l’appunto.

Costi di ristrutturazione

Per avere un’idea dei costi che potrà avere l’intervento di ristrutturazione bisogna considerare la variabilità dei prezzi applicati da regione a regione e, naturalmente, l’entità dell’intervento da realizzare, che può andare da piccoli interventi migliorativi fino a una modifica totale dell’appartamento.

Leggi  L’orientamento corretto della casa

Mediamente il costo al metro quadro per una ristrutturazione si aggira tra i 200 e i 600 euro a metro quadro ma, per avere un’idea precisa della spesa, è consigliabile farvi redigere dal vostro architetto un computo metrico estimativo.

Tenete conto però che tale computo può dare un’idea precisa della spesa a cui andate incontro solo se redatto sul progetto definitivo che si andrà a realizzare. E’ scontato che se il progetto sarà poi completamento stravolto i costi si andranno a modificare. In ogni caso, sulla base del computo stilato dal professionista sarete in grado di valutare se l’intervento è alla portata del vostro budget e, in caso contrario, stabilire delle priorità e rimandare a un altro momento lavori non indispensabili.

Tempi di ristrutturazione

Per quanto riguarda i tempi, gli interventi sull’esistente possono essere in genere realizzati con procedure autorizzative molto rapide, che non richiedono l’attesa del rilascio di un titolo da parte del comune.

Scia e Cila infatti consentono di incominciare i lavori il giorno stesso della presentazione, mentre per gli interventi più pesanti, per i quali è necessaria la Dia, occorre attendere 30 giorni prima di poter cominciare. Ciò è vero se non esistono particolari vincoli per i quali è invece necessario attendere il rilascio dello specifico Nulla Osta, come ad esempio l’autorizzazione paesaggistica in caso di vincolo paesaggistico.

I tempi di esecuzione delle opere variano invece in base alla loro entità. Una ristrutturazione semplice che non comporti interventi strutturali dovrebbe completarsi nell’arco di un paio di mesi.

Per evitate inconvenienti, fatevi mettere per iscritto dalla ditta incaricata i tempi da rispettare per la realizzazione dei lavori, con eventuali penali pecuniarie in caso di mancato rispetto dei patti.

Leggi  Come utilizzare il climatizzatore in maniera efficiente

Le certificazioni dopo una ristrutturazione

Al termine dei lavori effettuati non dimenticate di acquisire tutte le certificazioni previste dalla legge (APE se dovuto, certificazioni di conformità degli impianti, ecc.) e di procedere all’aggiornamento catastale ma, se come previsto il tecnico sarà incaricato anche dalla direzione dei lavori, sarà il professionista stesso a provvedere di ricordarvi tali adempimenti.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *