Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

L’assicurazione sul mutuo della casa

di 2 commenti

Le assicurazioni sul mutuo obbligatorie e facoltative

Le polizze vita abbinate ai mutuiIn campo assicurativo esistono polizze mutuo casa di diverse tipologie:

– quelle che prevedono la copertura della casa ipotecata da vari rischi, quali il furto, l’incendio o il verificarsi di eventi calamitosi (soprattutto in territori a rischio)

– la polizza vita per proteggersi dal rischio di decesso e conseguente impossibilità a pagare il debito

– la polizza per la perdita di lavoro a seguito di licenziamento.

Tra queste, l’unica assicurazione obbligatoria è la tutela da scoppio e incendio.

L’assicurazione vita mutuo

La polizza vita invece ha l’obiettivo di tutelare i familiari dell’assicurato garantendo l’estinzione del debito in caso di decesso del mutuatario o di perdita del lavoro.

Di solito il principale portatore di reddito in un nucleo familiare è anche la persona a cui è intestato il mutuo, per cui la sua dipartita segnerebbe l’impossibilità a far fronte al pagamento delle rate.

L’assicurazione sul mutuo quindi è in pratica una polizza vita intestata al titolare del contratto.

Pur non essendo obbligatoria, la polizza può essere richiesta dalla banca all’atto della sottoscrizione del contratto e rappresenta comunque una tutela importante per la famiglia di chi ha richiesto il mutuo.

Il costo dell’assicurazione per il mutuo

Il costo della polizza dipende da vari fattori, quali:

– la durata del mutuo e quindi della polizza stessa

– l’età del contraente

– eventuali fattori di rischio legati al suo stile di vita, come l’uso di tabacco o la pratica di attività professionali o sportive particolarmente pericolose.

Esistono polizze a capitale regressivo che adeguano l’importo del premio al debito residuo da pagare. Il loro costo quindi decresce a mano a mano che il debito ancora da pagare diminuisce, arrivando fino a dimezzarsi.

Le polizze offerte dalle banche: vantaggi e svantaggi

Alcune banche si sono attrezzate con proprie polizze assicurative abbinate ai loro mutui, pensate per garantire l’estinzione del mutuo al verificarsi dell’evento assicurato, ad esempio la morte del titolare.

Tali soluzioni, però, prevedono il pagamento anticipato dell’intera polizza relativa a tutto l’importo assicurato, per cui, trattandosi di una somma piuttosto elevata, gli istituti di credito prevedono in genere un ulteriore finanziamento da aggiungere al mutuo o da pagare a parte.

La copertura assicurativa avrà così un costo inferiore, perché sarà pagata in anticipo, ma porterà con sé gli interessi maturati a causa del pagamento rateale.

Le polizze offerte dalle banche presentano però il vantaggio di avere un importo non legato all’età dell’assicurato. Si tratta di un beneficio non indifferente, considerato che di solito il premio aumenta coll’aumentare dell’età dell’assicurato.

Tale soluzione si rivela pertanto interessante per i soggetti di età superiore a 40 anni, mentre per i più giovani potrebbe essere svantaggiosa, visto che le polizze che tengono conto dell’età hanno un premio più basso in virtù della minore probabilità statistica di morte.

La Legge 27/2012 ha introdotto per le banche la possibilità di esigere la polizza al fine di concedere il mutuo.
Tuttavia, ha anche stabilito che esse abbiano il dovere di fornire al cliente almeno due preventivi di due differenti gruppi assicurativi, con cui non abbiano rapporti, tra cui scegliere. Il cliente ha facoltà di decidere autonomamente a quale assicurazione affidarsi, senza che ciò debba comportare un aggravio di spesa da parte della banca.

Pertanto le banche non possono più obbligare il cliente che richiede il mutuo a sottoscrivere una polizza di cui sono al tempo stesso venditrici e beneficiarie. Il cliente ha comunque 10 giorni lavorativi di tempo per scegliere la polizza richiesta.

I criteri base delle polizze mutuo casa

Al fine di evitare che le banche favoriscano la scelta di un gruppo assicurativo piuttosto che un altro, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni IVASS ha stabilito dei criteri di base a cui devono attenersi tutte le polizze per essere conformi:

– il rischio assicurato è la morte del contraente per qualsiasi causa, tranne se provocata da dolo dello stesso, o dei beneficiari, da catastrofi o da suicidio (quest’ultimo però solo se si verifica nei primi due anni dalla stipula);

– il capitale assicurato può essere anche decrescente, purchè pari al debito residuo del mutuo;

– la durata è pari a quella prevista per il rimborso del mutuo;

– il pagamento può essere anticipato o annuo, a discrezione dell’assicurato.

L’assicurazione perdita di lavoro

Un altro tipo di polizza assicurativa utile per la concessione del mutuo è quella che garantisce dalla perdita dell’impiego.

Come la polizza vita per il mutuo, infatti, essa copre dall’eventualità che il debito non possa essere estinto.

In caso di perdita del posto di lavoro, quindi, l’assicurazione provvede temporaneamente al pagamento della rata mensile, in genere almeno per 6 – 12 mesi, in modo da concedere il tempo necessario trovare un nuovo impiego.

Questo tipo di garanzia può essere prestata unicamente a chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Inoltre, sono esclusi dall’indennizzo coloro che vengano licenziati per giusta causa o che rassegnino volontariamente le dimissioni.

La surroga del mutuo e l’assicurazione sulla casa

In caso di richiesta di surroga del mutuo, anche la polizza assicurativa può essere trasferita. In alternativa, è possibile estinguere la prima polizza e stipularne una seconda.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

2 commenti su “L’assicurazione sul mutuo della casa
Inserisci un nuovo commento

  1. Buongiorno
    Quali sono le compagnie assicurative che stipulano polizze inerenti alla perdita del posto di lavoro abbinate ad un mutuo?
    Grazie
    Roberto Bergamini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *