Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come pulire il forno di casa

di 0 commenti

La pulizia del forno di casa

Nei giorni di festa e dopo i relativi banchetti vi sarà capitato di fare un uso più intensivo del solito di forno e fornelli, con conseguente presenza di incrostazioni, grasso, tracce di unto, macchie di bruciato, odori persistenti.

Sono diversi i motivi per cui la pulizia del forno è molto importante:

  • contribuisce a mantenere la corretta igiene in cucina
  • permette di conservare l’elettrodomestico in buono stato
  • evita che gli odori dei cibi cucinati in precedenza possano contaminare altre pietanze.

In commercio esistono naturalmente molti prodotti chimici per lavare il nostro elettrodomestico, ma la pulizia del forno può essere effettuata usando esclusivamente prodotti naturali, di quelli normalmente reperibili in cucina.

I detersivi chimici non solo sono inquinanti, ma usati per la pulizia di un elettrodomestico come il forno risultano pericolosi. Se non sono rimossi completamente possono infatti finire nei cibi alle prime cotture in cui il forno viene riutilizzato.

L’uso dei prodotti naturali risulta invece non tossico e anche più economico.

In ogni, caso, la pulizia deve essere condotta in due fasi:

  1. per prima cosa è necessario ammorbidire le incrostazioni interne, formatesi lungo le pareti del forno durante le precedenti cotture
  2. dopo aver rimosso lo sporco più ostinato, si può effettuare la pulizia vera e propria.

Come pulire il forno con prodotti naturali

Per ammorbidire le incrostazioni interne, accendete il forno a una temperatura di circa 150 gradi.
Mettete sul fuoco una pentola con circa 4 litri di acqua e portatela a leggero bollore. Versate quindi un bicchiere di aceto nella pentola d’acqua e mettetela nel forno spento per almeno 3 ore. Il liquido, con il calore, contribuirà a sciogliere le incrostazioni più persistenti e renderà più semplice la pulizia.

Sarà possibile infatti rimuoverle facilmente con una spazzolina di plastica, in modo da non danneggiare le pareti del forno.

Forno Candy

Per pulire le pareti si può realizzare un detersivo casalingo realizzato utilizzando i seguenti ingredienti da sciogliere in mezzo litro di acqua:

  • 1 cucchiaino di detergente ecologico per piatti o di sapone liquido
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco
  • 2 cucchiai di bicarbonato.

Versate il composto in un flacone dotato di erogatore spray per poterlo spruzzare sulle pareti.
Se il forno nel frattempo si è raffreddato riaccendetelo a 50 gradi per far agire più velocemente il composto.

Procedete quindi alla pulizia utilizzando una spugnetta non abrasiva, passandola accuratamente su tutte le parti, compreso le guide interne e le griglie.

Importante: dopo la pulizia bisogna effettuare un accurato lavaggio con acqua, per evitare che la successiva accensione del forno possa sviluppare vapori di aceto.

L’odore dell’aceto è molto persistente, per cui se continuate a sentirlo ancora dopo la pulizia, potete eliminarlo in questo modo: inserite nel forno riscaldato una pentola con un litro di acqua e il succo di due limoni. Il limone infatti è ottimo per eliminare i cattivi odori.

Non solo. Il limone è anche un ottimo sgrassatore ed è ideale per rimuovere residui di olio o macchie di grasso. Si può usare semplicemente tagliandolo a metà e strofinandolo sulle superfici da sgrassare come se fosse una spugna.

Come pulire il vetro del forno

Il vetro dello sportello del forno è di tipo coibentato, cioè è un doppio vetro con interposta un’intercapedine.

La sua pulizia può essere effettuata in maniera analoga a quanto abbiamo illustrato per le pareti. Il problema sorge però quando le guarnizioni si consumano e piccole gocce di grasso o particelle di cibo si insinuano nell’intercapedine tra i due vetri.

In questo caso, sarà inutile pulire le superfici dall’esterno perché lo sporco si annida internamente. E’ pertanto necessario smontare le due lastre di vetro seguendo le istruzioni della casa produttrice.

Fate attenzione, perché se lo sporco penetra spesso all’interno, vuol dire che le guarnizioni sono troppo consumate o, se il forno è nuovo, è presente qualche difetto.
In questo caso sarà opportuno far intervenire un tecnico.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *