Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Tetti verdi. Milano Roof Garden, un’opportunità con incentivi

di 0 commenti

Logo del progetto Milano Roof Garden

L’obbiettivo del progetto Milano Roof Garden è indirizzare i privati verso la realizzazione di giardini pensili, anche grazie ai recenti incentivi.
Unendo risparmio energetico e miglioramento della qualità urbana, la società di progettazione Lombardini 22, di concerto con la paesaggista Patrizia Pozzi, ha deciso di utilizzare gli sgravi fiscali come leva per rendere appetibile e conveniente la progettazione e la realizzazione di coperture a verde.
 
Il Comitato per lo Sviluppo del verde pubblico del Ministero dell’Ambiente, con la delibera del 14 aprile scorso (prot.10017 del 13.05.2014 ) ha esteso le detrazioni fiscali del 65% anche alle coperture a verde, includendole di fatto tra gli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche delle unità immobiliari.
 
Per poter usufruire della detrazione fiscale, è tuttavia necessario che la certificazione energetica dell’edificio attesti l’effettivo miglioramento delle prestazioni energetiche prodotte dal tetto verde realizzato.
Sono da escludere quindi le coperture a verde di solo valore estetico e/o paesaggistico, che non producono, in termini quantitativi, risultati sull’effettivo risparmio energetico dell’edificio.

Quali i vantaggi di un tetto verde? Perché un condominio o un privato dovrebbero voler convertire i loro lastrici solari in tetti verdi?

Tetti verdi a MilanoSecondo alcune ricerche un tetto verde di tipo estensivo, consente di raggiungere ottimi livelli di isolamento degli ambienti, sia per quanto riguarda il periodo invernale che estivo.
Rispetto ad un ordinario tetto piano, un tetto verde può arrivare a far registrare, all’interno degli ambienti, una temperatura fino a 21°C inferiore.
 
Inoltre, nel periodo estivo, quando gli strati del tetto verde risultano ben asciutti, la riflessione del calore raggiunge livelli ottimali, garantendo un buon comfort interno e limitando l’utilizzo di sistemi di condizionamento degli ambienti.
 
Per quanto riguarda l’isolamento invernale, ed il relativo minor utilizzo dei sistemi di riscaldamento, in termini di costi in bolletta, secondo uno studio olandese del 2006, un ufficio potrebbe arrivare a risparmiare fino a 4,47 m3 gas all’anno.
 
Secondo tale studio un ufficio consuma circa 1.250 MJ/mq all’anno che può essere ripartito nel seguente modo:

  • 39% per il riscaldamento dell’edificio;

  • 4% legato all’attivazione degli impianti di condizionamento.

 
Con la predisposizione di un tetto verde è possibile ridurre del 23% il consumo energetico relativo al riscaldamento e del 75% il consumo energetico da condizionamento estivo.
 
Per quanto riguarda un nucleo familiare
invece, i consumi possono essere mediamente di circa 91 euro all’anno. Occorre considerare però che, rispetto alla situazione italiana, in olanda i sistemi di condizionamento dell’aria estivi sono meno utilizzati; si suppone quindi che in Italia la media del risparmio in bolletta possa essere ritenuta superiore.
 
I tetti verdi, inoltre, sono da considerarsi un toccasana per l’ambiente urbano. Questo perché da un lato sono in grado di ridurre le isole di calore dovute all’eccessiva cementificazione caratteristica delle città, e dall’altro sono in grado di ridurre la quantità di acqua scaricata nella rete fognaria cittadine, rilasciando la stessa in atmosfera mediante evaporazione.
 
Da notare infine che il valore aggiunto dei green-roof è la vera e propria valorizzazione dell’estetica dell’edificio, che può far accrescere il valore dello stesso sul mercato.

 

Leggi  Perché una casa in legno?
Articolo scritto da:

Arianna Mortellaro

Leggi tutti gli articoli

Architetto, spirito “siculo”, eclettico e dinamico, dedica il suo tempo libero alla riscoperta di antichi saperi (e sapori) perduti, e ad una vita quotidiana più sana e proiettata verso un futuro più eco-sostenibile.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Lascia un commento

wpDiscuz