Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Vivere il balcone in inverno

di 0 commenti

Il balcone in inverno

Il clima rigido dell’inverno spinge inevitabilmente a trascurare gli spazi della casa all’aperto. Eppure aree come il balcone o un terrazzo possono essere vissute anche durante i mesi più freddi, solo in maniera diversa.

il balcone in inverno: Sedie con pelliccia Moyo
Sedie con pelliccia Moyo

Per prima cosa, ad esempio, è opportuno passare all’esterno le ore più calde della giornata e comunque quelle in cui  i raggi del sole raggiungono il vostro balcone (a differenza di quanto si fa in estate, quando si va alla ricerca delle ore più fresche).

E’ comunque sufficiente attrezzarsi in maniera adeguata e prestare alle piante le dovute attenzioni, per fare del balcone la migliore appendice esterna della casa anche in inverno.

Il minore utilizzo può infatti far assumere al balcone un aspetto trascurato. Prendetevene invece cura, tenendo puliti gli arredi e inserendo qualche pianta tipica della stagione.

In questo modo, l’aspetto dello spazio all’aperto sarà anche più invitante per spingerlo a viverlo pienamente.

Come arredare il balcone nei mesi freddi

Durante diversi viaggi che mi hanno portato a visitare praticamente tutti i Paesi del Nord Europa, ho potuto osservare come la gente non rinunci a sorseggiare piacevolmente una bibita ai tavolini fuori da un locale, anche con temperature piuttosto rigide.
Tutti gli esercizi commerciali offrono quindi accanto alle loro sedute all’aperto dei caldi plaid da adagiare sulle gambe.

Attrezzarsi con una coperta di questo tipo può essere il primo passo per godersi un balcone anche in pieno inverno.
Il plaid però non basta: per stare davvero bene, coprite anche le sedie con qualcosa di caldo, come una pelliccia o una coperta.

Per attenuare il vento e ridurre la circolazione di aria fredda, predisponete un telo sulla ringhiera che funga da paravento.

Non mancano i dispositivi per riscaldarsi anche all’aperto. Una soluzione molto suggestiva è ad esempio il braciere, usato anche nei giardini e che, oltre a riscaldare, crea un’atmosfera romantica e sognante. E’ però da utilizzare con estrema cautela, per evitare che diventi una fonte di pericolo. Assolutamente sconsigliato, invece, se ci sono bambini in giro.

Ci sono poi le classiche stufe da esterno, quelle da tempo utilizzate per gli spazi pubblici, che oggi si possono trovare in commercio a prezzi assolutamente accessibili per scaldare anche balconi e giardini privati.

Come proteggere le piante del balcone in inverno

il balcone in inverno: Stufa da balcone Angle di Attika
Stufa da balcone Angle di Attika

Le piante da balcone risentono particolarmente dei mesi invernali, anche perché hanno a disposizione solo un piccolo pane di terra nel vaso in cui vivere.

Se avete un balcone particolarmente esposto a freddo e vento, iniziate quindi per prima cosa dalla scelta di piante adatte a sopravvivere in questa stagione.

Prendete però in considerazione la possibilità di perdere qualche piantina nel corso dell’inverno. Del resto un errore può capitare anche a giardinieri esperti e non c’è da abbattersi.

Tenete d’occhio le previsioni meteorologiche e innaffiate prima dell’arrivo del gelo.

Per le piante da balcone un’ottima soluzione è il cassone freddo, una sorta di piccola serra. Si può costruire anche in fai da te, predisponendo un cassetto in cui inserire le piante da ricoprire con del vetro o del policarbonato trasparente.
Arieggiate le piante durante le ore di sole e ricopritele bene quando piove, grandina, nevica o c’è vento.

Il vento in particolare è la cosa più pericolosa per una pianta durante l’inverno. Se il vostro balcone è molto ventilato, proteggetelo opportunamente con dei pannelli frangivento (ce ne sono anche di molto belli di design).

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *