Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come abbinare tavolo e sedie

di 0 commenti

Come abbinare tavolo e sedieChe si tratti del tavolo della cucina o del tavolo del soggiorno – sala da pranzo, abbinarvi le sedie in maniera corretta non è un dettaglio da trascurare nell’arredamento della casa. La scelta non è semplice, soprattutto perché il mercato offre un’ampia varietà di prodotti.

Non esistono regole precise da seguire per effettuare l’abbinamento nel modo giusto, tanto che si possono scegliere le sedie in linea o in contrasto con lo stile del tavolo. L’importante è farlo con buon gusto e valutare attentamente l’accostamento.

Del resto sono diversi anni che l’acquisto e la scelta delle sedie e del tavolo viene fatto separatamente e non più necessariamente insieme.

Per partire, bisogna considerare lo stile generale della zona pranzo.

Lo stile antico prevede tavoli in legno scuro abbinati a sedie ricoperte da tessuti preziosi, come damasco e rasatello nei disegni e nelle nuances più classiche.

Per una zona pranzo in stile shabby chic, tavoli e sedie dovranno essere in legno decapato e le sedie potranno essere rivestite con tessuti a righe o a fiori in toni pastello.

In una sala da pranzo rustica è necessario privilegiare il legno sia per il tavolo che per le sedie. Le essenze più usate per tradizione sono ciliegio e rovere ma oggi va molto anche lo stile nordico, che predilige il legno nella sua veste naturale.

In genere si tende a non spezzare la linea materica, per cui se il tavolo è in una certa essenza di legno, lo saranno anche le sedie. Piuttosto, si può decidere di alternare alle classiche sedute una bella panca.

In un ambiente di stile contemporaneo si possono invece osare accostamenti a contrasto e utilizzare materiali all’avanguardia.
Di solito in questo tipo di ambiente il tavolo è in legno molto chiaro, pulito e minimale, o in cristallo, in grado di rendere lo spazio essenziale e luminoso.
In quest’ultimo caso, le sedie abbinate possono essere in cuoio nero o bianco per conferire un tocco chic oppure in un colore vivace come il rosso per un aspetto più stravagante.

Per un abbinamento più eccentrico, si può osare con sedie realizzate in polimeri come metacrilato, tecnopolimeri o compositi.

Per tavoli in laccato le sedie più adatte saranno invece in metallo o in plexiglass.

In linea generale, a un tavolo molto lineare e monocolore si possono affiancare anche sedie dalla linea particolare e dai colori in contrasto che attirino l’attenzione, mentre se si desidera far risaltare di più il tavolo, è preferibile abbinare sedie che si limiteranno alla loro funzione pratica e quindi più lineari o addirittura trasparenti.

tavoli-e-sedie-ikea_NG1Una delle tendenze più attuali è quella di accostare al tavolo sedie di diverse tipologie: si può quindi mixare antico e moderno, vintage e classico, colori e forme, l’importante è farsi guidare sempre da gusto e originalità.

Dopo aver analizzato gli aspetti stilistici dell’abbinamento, vediamo invece alcuni aspetti legati più prettamente alla funzionalità degli arredi.

Bisogna ricordare infatti che una sedia pensata per il soggiorno non necessariamente sarà adatta per l’uso in cucina, così come una ideata per lo studio non sarà idonea a un tavolo da pranzo. Ci sono comunque alcune sedie che, grazie alle loro caratteristiche, possono essere collocate bene tanto in cucina che in soggiorno.

Prima di acquistare le sedie, bisogna scegliere il tavolo, in modo da rispettare le giuste proporzioni fra l’altezza della seduta e quella del piano. A un tavolo alto 74 – 76 cm, bisogna abbinare delle sedie con una seduta alta 45 – 47 cm in modo che ci sia una differenza piano – seduta non superiore a 30 cm.

I tavoli classici sono più alti, intorno a 80 – 83 cm, per cui l’abbinamento con sedie moderne, seppure possibile, deve essere comunque fatto scegliendo sedute di altezza non inferiori a 47- 48 cm.

Per una sedia da cucina l’altezza totale non deve essere maggiore di 90 cm, perché in questo locale i movimenti sono più rapidi e frequenti e uno schienale può diventare di intralcio. Per lo stesso motivo, sono da evitare anche le sedie con braccioli o troppo pesanti. Anzi, più l’ambiente è piccolo e più la scelta dovrà cadere su sedie di dimensioni ridotte.

I materiali devono essere pratici, igienici e semplici da pulire, per cui vanno bene plastiche, tessuti sintetici antimacchia, ecopelli e cuoio. Ottima è anche la fibra di legno, materiale naturale, anallergico, anti acari, idrorepellente e igienico.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *