Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Barriera al vapore: come evitare la condensa

di 0 commenti

Cos’è la barriera al vapore?

La barriera al vapore è uno strato di materiale poco o per nulla traspirante, quindi non permeabile al vapore.

Questo strato impedisce quindi il passaggio di vapore acqueo attraverso l’isolante termico e la struttura, evitando la formazione di condensa interstiziale.

Barriera al vapore: come evitare la condensa Barriera al vapore + pannello isolante Tecnoap
Barriera al vapore + pannello isolante Tecnoap

La differenza di tensione tra il vapore interno ed esterno può infatti favorire il passaggio dello stesso attraverso gli strati porosi dell’involucro edilizio.

Se lungo questo percorso il vapore incontra strati più freddi, può condensare dando vita a quel fenomeno di condensa interstiziale di cui si diceva sopra.

Questo avviene in particolare in inverno, nel passaggio del vapore dall’interno all’esterno della casa. Più raramente accade in estate, quando percorre il tragitto inverso.

Sappiamo quanto sia pericolosa la condensa che può dar vita a formazione di muffa, non solo antiestetica ma soprattutto nociva per la salute.

Per questo motivo diventa importante frapporre una barriera al vapore.
Inoltre i materiali isolanti perdono quasi completamente la loro capacità termo – isolante quando vengono a contatto con l’acqua e per questo motivo devono essere protetti.

Barriera al vapore: come evitare la condensa 

Per evitare il fastidioso fenomeno della condensa è opportuno creare delle murature con permeabilità al vapore via via crescente dal lato più caldo al lato più freddo.

A tal fine, lo strato che funge da barriera deve essere posizionato il più vicino possibile al lato caldo dell’elemento edilizio che separa l’interno dall’esterno (tetto o parete).

L’elemento edilizio deve essere inoltre traspirante, in modo da permettere al vapore eventualmente accumulato di fuoriuscire senza formare accumuli.

Leggi  La rimozione e lo smaltimento dell'Eternit e dell'amianto

Come è fatta una barriera al vapore

La barriera al vapore è costituita da una sottile membrana realizzata con materiali resistenti all’acqua, generalmente di origine plastica.

Le più diffuse in commercio, anche per il buon rapporto qualità prezzo, sono quelle in polietilene, utilizzate di solito nello spessore di 4 – 6 mm.

Ci sono in realtà alcuni materiali isolanti, come il polistirene estruso, che hanno nella loro stessa composizione uno strato facente funzione di barriera al vapore.

Solitamente per l’applicazione a solaio sono vendute in rotoli che possono essere tagliati in base alle dimensioni necessarie. Per le soluzioni da applicare a parete si possono invece trovare disponibili a pannello.

Al di là del materiale scelto, la barriera deve avere una superficie continua, priva di buchi e bolle, per evitare che l’umidità fluisca nelle cavità dell’edificio.

Qual è la differenza tra barriera al vapore e freno al vapore?

Barriera al vapore: come evitare la condensa. Barriera al vapore Giemmegi Group
Barriera al vapore Giemmegi Group

Nel novero dei prodotti utilizzati per evitare i danni causati dal vapore ai materiali isolanti, non esistono solo le barriere al vapore, ma anche:

  • le membrane traspiranti
  • i freni al vapore.

Ciò che distingue queste tre tipologie di materiali altro non è che il rispettivo grado di permeabilità al vapore.

Si va da un livello alto per le membrane a uno molto basso per i freni, fino ad annullarsi praticamente con le barriere.

Dove mettere la barriera al vapore?

La barriera al vapore si mette all’interno degli elementi costruttivi perimetrali:

  • pareti di tamponamento
  • solai interpiano o di copertura
  • strati di impermeabilizzazione di terrazzi e balconi.

Va posizionata a ridosso dello strato isolante seguendo l’andamento del flusso di calore, quindi sul lato da cui arriva l’aria calda dell’ambiente riscaldato.

Leggi  Pannelli fotovoltaici colorati

Non va invece messa sullo strato superiore dell’isolamento di un tetto, perché in questo modo intrappolerebbe il vapore.

La posa in opera deve essere effettuata sovrapponendo i teli per 10 – 15 cm da sigillare ai lati e lungo le giunture con appositi nastri adesivi isolanti.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *