Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Check up degli impianti di casa

di 0 commenti

impianti-di-casaUn controllo periodico degli impianti di casa è fondamentale per assicurarne un efficiente funzionamento e nel contempo permettere di risparmiare sulle spese di gestione.

Una casa efficiente può infatti garantire un risparmio annuale sui costi in bolletta fino al 15%.

La fine della stagione estiva è il momento migliore per effettuare una pulizia dei filtri e delle ventole del condizionatore per evitare che vi si annidino muffe e batteri. Allo scopo è utile utilizzare specifici prodotti sanificanti e disinfettanti.

Questo intervento di manutenzione è tanto più importante se il condizionatore è utilizzato anche come pompa di calore, per cui verrà accesso ai primi freddi per riscaldare gli ambienti.

L’intervento può essere anche una buona occasione per verificare lo stato di carica del circuito del gas ed effettuare un rabbocco, se necessario.

Prima che arrivi il momento di accendere il riscaldamento, è opportuno provvedere al controllo annuale della caldaia. Una caldaia mantenuta in buona efficienza, infatti, consente di ottenere un risparmio in bolletta fino al 20%.

Questi sono gli interventi minimi e i controlli da far effettuare:

– la pulizia del bruciatore e degli altri componenti

– il test di tenuta del gas

– l’analisi dei fumi.

Dopo aver controllato la caldaia, bisogna passare a verificare lo stato dei radiatori. Bisogna quindi controllare, dopo aver acceso l’impianto di riscaldamento, che tutti i termosifoni si riscaldino in maniera uniforme ed entro un congruo lasso di tempo.

Sempre con l’impianto acceso, bisogna poi verificare che non ci siano perdite da nessuna valvola.  Bisogna quindi spurgare l’aria, per permettere all’acqua di circolare liberamente e riscaldare al meglio l’ambiente.

A proposito di valvole, ricordiamo che manca poco alla scadenza del 31 dicembre 2016, data entro cui tutti i condomìni con impianto centralizzato dovranno dotarsi di sistemi di contabilizzazione del calore e le singole unità immobiliari che si servono di tali impianti di valvole termostatiche.

E’ importante non coprire i caloriferi con tende o altro per non impedire la corretta circolazione dell’aria calda. Questo comportamento scorretto è infatti una delle principali cause degli sprechi energetici.

Un modo per risparmiare fino al 30% sui costi di riscaldamento è quello di utilizzare un termostato. Il termostato consente di impostare in ogni stanza la temperatura ideale o accendere l’impianto solo nelle ore più fredde, senza sprechi energetici. Per mantenere al massimo l’efficienza, è opportuno programmarlo per l’accensione del riscaldamento solo nei momenti in cui serve un ambiente caldo o quando si sta per tornare a casa.

Per installarlo non è neanche necessario effettuare grandi spese per i lavori edilizi. Ne esistono infatti anche del tipo wireless, per cui non occorre ricorrere a interventi murari. Questi termostati di nuova generazione sono in genere gestibili da remoto tramite App, mediante l’utilizzo di smartphone o tablet.

In ogni caso, in inverno è bene non impostare il termostato a una temperatura superiore a 19 – 20°C.

Tra l’altro, c’è anche una norma nazionale, il DPR 412/1993, che fissa la temperatura di 20°C come quella ideale per il confort ambientale interno.

L’efficienza degli impianti di riscaldamento e di raffrescamento, tuttavia, può non essere sufficiente, se non sia abbina con una buona coibentazione dell’involucro dell’edificio. Il primo passo in questa direzione è l’installazione di infissi con profili a taglio termico e doppi o tripli vetri.

In inverno si fa anche un uso maggiore dell’impianto di illuminazione, vista la diminuzione di ore di luce diurne.

Il momento in cui si effettua un check up complessivo degli impianti può quindi essere quello opportuno per cambiare le lampadine, se ci sono ancora quelle a incandescenza o alogene.

Le lampade a Led o a fluorescenza hanno un costo maggiore ma consentono di risparmiare sui costi, rispetto a quelle del vecchio tipo, fino all’85 o al 90%.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *