Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come fare una proposta d’acquisto

di 3 commenti

Hai visitato diversi appartamenti  e sei rimasto folgorato da uno in particolare? Credi che possa essere la casa dei tuoi sogni o almeno quella che nel panorama attuale più ci si avvicina? Puoi passare alla fase più importante della compravendita: la proposta d’acquisto.

Gli elementi della proposta d’acquisto


Innanzitutto ricorda di non sottoscrivere mai una proposta irrevocabile di acquisto dopo una sola visita: è bene effettuare più di un sopraluogo dell’immobile prescelto.
La proposta di acquisto, a differenza del rogito notarile, è un accordo privato tra acquirente e venditore. Va redatta in forma scritta e deve contenere gli elementi identificativi dell’immobile, il prezzo e le relative modalità e tempistiche di pagamento, le garanzie che il venditore deve presentare per conferire validità all’accordo, i termini entro i quali il venditore deve accettare la proposta, nonché la data e il luogo del futuro rogito o stipula.
Insieme alla proposta si consegna un assegno come piccolo acconto che deve riportare la dicitura non trasferibile ed essere intestato unicamente al proprietario – e non all’eventuale mediatore, che riceverà la commissione pattuita solo a  vendita conclusa. Questo assegno potrà essere incassato dal proprietario solo in caso di accettazione scritta della proposta e questo importo diverrà caparra confirmatoria.

RISTRUTTURAZIONE CASA?
Richiedi 5 preventivi

a ditte della tua zona
GRATIS e senza impegno

Richiedi ora i tuoi preventivi

Il servizio è una collaborazione
con

Le garanzie che il venditore si impegna a presentare riguardano gli aspetti catastali, l’eventuale presenza di qualsiasi vincolo pendente sull’immobile, iscrizioni ipotecarie etc. che vanno verificate per tempo presso il Catasto e la Conservatoria dei Registri Immobiliari. Dovrà inoltre presentare al rogito un’attestazione dell’amministratore del condominio, per dimostrare di essere in regola con i pagamenti.

Leggi  I documenti della tua casa

Nel caso, molto comune, che l’acquirente faccia richiesta di mutuo, è buona prassi informare il venditore e inserire la clausola “proposta valida salvo erogazione del mutuo”.

Se la proposta d’acquisto viene accettata

Il venditore può accettare o meno l’offerta, sempre per iscritto.
In caso di rifiuto è tenuto a restituire l’assegno.
Se la proposta è accettata, l’acconto si tramuta in caparra e l’acquirente deve mantenere la propria offerta, a meno che non sia trascorso il tempo massimo indicato.
Infatti se il termine di validità dell’offerta è scaduto, automaticamente la proposta diviene inefficace e l’acconto viene restituito.
C’è anche il caso in cui il venditore accetta la proposta e in seguito si rifiuta di vendere: egli  dovrà restituire il doppio dell’acconto versato dall’acquirente.

Laura Candeloro

Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
CasaNoi.it è la piattaforma dedicata all'incontro diretto tra offerta e ricerca di case. Il blog di CasaNoi si occupa delle tematiche della casa: Compravendita e Affitto, Mercato immobiliare, Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, e molto altro.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

3 Comments su "Come fare una proposta d’acquisto"

Ordina da:   più recente | meno recente

[…] natura della proposta d’acquisto è fortemente discussa dalla giurisprudenza in quanto non è definibile come un vero e proprio […]

[…] differenza tra compromesso e proposta di acquisto sta nel fatto che il primo impegna impegna sia venditore che compratore, mentre la seconda solo la […]

[…] il venditore accetti, entro i termini stabiliti, la proposta d’acquisto , si passa alla fase successiva, quella più importante nella trattativa della compravendita […]