Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come pulire le porte interne

di 0 commenti

La pulizia delle porte interne

Pulire le porte interne della casa è una operazione importante per l’igiene domestica, ma si rivela fondamentale anche sul lato estetico.

Le porte sono tra gli elementi della casa più esposti al contatto con le mani, le scarpe e la polvere del pavimento. Non c’è niente di più brutto che scoprire in controluce antiestetiche ditate e aloni sulla loro superficie e sulle maniglie!

Come pulire le porte interne Foto Porte scorrevoli Enderle
Porte scorrevoli Enderle

La pulizia è necessaria per proteggere le porte e aumentarne la durata nel tempo e andrebbe quindi svolta almeno ogni settimana.

Le porte interne sono però di tanti tipi diversi: ci sono quelle in legno, quelle laccate, quelle in vetro, e non tutte hanno lo stesso sistema di apertura. Lo stesso metodo di pulizia non si può applicare in maniera indistinta a tutte.

Vediamo allora una breve guida per eseguire la pulizia delle porte dalla A alla Z e per ogni tipologia diversa.

Per iniziare: eliminare la polvere!

Il primo passo da compiere, uguale per tutte le tipologie di porte, è l’eliminazione completa della polvere.
Per farlo, utilizzate un panno morbido cominciando dall’alto e proseguendo verso il basso, facendo attenzione ai punti in cui si annida, come le scanalature.

Fate attenzione anche a eventuali batuffoli o capelli che potrebbero raccogliersi alla base: eliminateli con una scopa o con un’aspirapolvere.

Dopo aver eliminato la polvere, si potrà incominciare la fase di pulizia più approfondita.

Indipendentemente dal materiale con cui è fatta la porta, l’operazione è sempre delicata ed è necessario utilizzare un panno morbido e pulito e una piccola quantità di acqua, in modo da non bagnare troppo la porta. E’ inoltre preferibile evitare prodotti aggressivi come acidi e diluenti ma anche resine e cera d’api, che potrebbero rendere grasse le superfici.

Un metodo valido è quella di utilizzare una soluzione composta dal 90% di acqua e dal 10% di alcool o aceto di mele.
Dopo aver deterso tutta la superficie, passate un panno asciutto per eliminare ogni residuo di acqua.

Come pulire le porte in legno

Il legno è un materiale molto poroso e quindi è necessario non utilizzare detergenti aggressivi. La soluzione migliore è diluire un po’ di detergente neutro in acqua. Si può utilizzare ad esempio del detersivo per piatti neutro da passare con un panno in microfibra o del sapone di Marsiglia.

In questa fase la pulizia andrà condotta dal basso verso l’alto, per eliminare ogni residuo di acqua saponata. In alternativa si può utilizzare una spugnetta umida con un po’ di aceto di mele.

E’ necessaria poi una seconda passata solo con panno inumidito e infine l’ultima fase in cui occorrerà asciugare.

Se ci sono delle macchie si può versare del talco, appoggiarvi un panno di cotone e tenervelo per una decina di minuti. Per rimuovere poi il talco si può passare un panno inumidito.

La pulizia delle porte laccate

Come pulire le porte interne. Foto Porte laccate Festinese
Porte laccate Festinese

La pulizia delle porte laccate è particolarmente delicata. Il consiglio è quello di detergere la superficie con un panno di pelle morbida appena umido da passare più volte fino all’eliminazione delle eventuali macchie.

C’è poi un rimedio della nonna, ma sempre valido. Consiste nel passare sulla superficie una patata tagliata a metà, ripulendo poi il tutto con un panno morbido e infine asciugando.

Il laccato bianco è però particolarmente delicato. Se avete porte di questo tipo, il consiglio è di utilizzare la già citata soluzione con aceto di mele o, in alternativa, un po’ di bicarbonato.

Come si puliscono le porte in vetro…

Per la pulizia delle porte in vetro si può utilizzare uno dei tanti detergenti usati solitamente per le finestre, magari preferendone uno poco schiumoso, in modo da fare meno fatica per asciugare.

Come pulire le porte interne. Foto Porta in vetro Vente Unique
Porta in vetro Vente Unique

L’importante è non impiegare spugne o panni abrasivi che potrebbero graffiare la superficie.

Anche per le porte in vetro possiamo riciclare un vecchio rimedio tradizionale, quello dei giornali appallottolati. In questo caso la pulizia va effettuata con movimenti rotatori.

…e le porte scorrevoli?

Le porte scorrevoli a scomparsa presentano una sorta di guarnizione antipolvere intorno all’anta.

Si tratta di una componente molto delicata che va pulita con attenzione, perché vi si può accumulare molto sporco.

Si può utilizzare un panno di cotone asciutto oppure un vecchio spazzolino da denti da intingere in acqua e sapone e poi risciacquare.

Pulizia di maniglie, serrature, cerniere

Per completare la pulizia passiamo alle parti in metallo: cerniere, serrature, maniglie, ecc. Per questi componenti esistono dei prodotti specifici, che però possono danneggiare il legno.

Nell’usarli non dimenticate quindi di proteggere la parte intorno con del nastro di carta.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *