Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

Cos’è il permesso di costruire?

di Architetto 4 commenti in

Cos’è il Permesso di Costruire?

Il Permesso di Costruire, disciplinato dal Testo unico dell’Edilizia (d.p.r. 380/2011), in particolare al Capo II, è il titolo autorizzativo rilasciato dal Comune per eseguire interventi di trasformazione urbanistica del territorio.

Esso ha sostituito il precedente istituto della Concessione Edilizia, che, a sua volta, aveva sostituito nel 1977, con la legge n. 10 (la cosiddetta Bucalossi), la preesistente Licenza Edilizia.

Con l’entrata in vigore di procedimenti amministrativi volti alla semplificazione burocratica, come Dia, Scia e Cila, il Permesso di costruire ha finito per essere utilizzato essenzialmente per le nuove costruzioni, per gli ampliamenti o per interventi di ristrutturazione rilevante..

Poiché le Regioni hanno però autonomo potere legislativo in materia urbanistica, esse possono anche prevedere procedure amministrative diverse per quegli interventi che solitamente sono soggetti al rilascio di Permesso di Costruire.
Un esempio è rappresentato dagli ampliamenti realizzabili mediante Piano Casa, per i quali molte Regioni prevedono il ricorso alla Scia. ire.

Come e a chi si richiede il permesso di costruire? Qual è l’iter? Quali sono i tempi di rilascio?

La richiesta di Permesso di Costruire deve essere presentata allo Sportello Unico dell’Edilizia del Comune.

Alla richiesta si deve allegare un progetto, redatto da un professionista abilitato come architetto, ingegnere o geometra, comprendente gli elaborati grafici che descrivano dettagliatamente l’intervento da realizzare. Inoltre il professionista deve attestare, mediante allegata asseverazione, la conformità alla strumentazione urbanistica vigente nel Comune, nonché alle norme in materia edilizia e urbanistica, come la rispondenza al regolamento igienico-sanitario, alle norme antisismiche, di isolamento termico e acustico, ecc..

Leggi  Cos'è la ristrutturazione edilizia?

Come per i procedimenti “semplificati”, dunque, il tecnico dovrà asseverare (quindi autocertificare) la sussistenza di questi requisiti, ma in questo caso sarà compito del Comune verificarli e in caso positivo rilasciare il permesso.

Nel caso in cui l’immobile sia soggetto a particolari vincoli di carattere ambientale, storico, artistico o archeologico, sarà necessario richiedere un parere o nulla osta preventivo alla Soprintendenza competente.

Ma vediamo come si svolge l’iter per il rilascio del permesso. Una volta ricevuta l’istanza, l’amministrazione comunale nomina, entro 10 giorni, un responsabile del procedimento.

Questi ha tempo 60 giorni per valutare la rispondenza del progetto ai requisiti richiesti e formulare una proposta di provvedimento. La proposta può essere costituita dal rilascio del titolo autorizzativo richiesto, dal suo diniego, o, nel caso in cui l’istanza necessiti di poche modifiche per essere accolta, il responsabile del procedimento può richiedere delle integrazioni. Il proponente ha tempo 15 giorni per integrare la documentazione. Una volta elaborata la proposta di provvedimento, questa viene indirizzata al dirigente dell’ufficio, il quale ha tempo 30 giorni per formulare il provvedimento definitivo da notificare all’interessato. o.

Questi termini temporali sono oggi molto importanti, perché in virtù del D.L. n.70 del 2011, poi convertito in legge n. 106, è stato introdotto nel procedimento il cosiddetto silenzio-assenso. In pratica, una volta trascorsi questi termini, senza ricevere risposta dall’amministrazione comunale, il Permesso di Costruire si intende rilasciato.

Il rilascio del permesso è subordinato, comunque, al pagamento di oneri concessori, commisurati alle spese di urbanizzazione e al costo di costruzione dell’opera.

Leggi  Come chiudere un balcone per realizzare una veranda

Il titolo viene rilasciato salvo il diritto di terzi, vale a dire che nel caso in cui terze persone dimostrassero lesioni ai propri diritti, possono a esso opporsi, anche se legittimamente rilasciato.

Come avviene il rilascio del permesso di costruire in presenza di vincoli ambientali, paesaggistici o culturali?

In presenza di vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, il procedimento di rilascio del permesso di costruire si deve concludere con l’adozione di un provvedimento espresso. Nel caso in cui una delle amministrazioni competenti neghi un parere, nulla osta, etc., decorso il termine per l’adozione del provvedimento finale, la domanda di rilascio del permesso di costruire si intende respinta. Il responsabile del procedimento, entro 5 giorni, comunica al richiedente il provvedimento di diniego dell’atto di assenso, indicando il termine e l’autorità cui è possibile ricorrere. In questo modo si garantisce maggiore certezza ai tempi di conclusione del procedimento.

Qual è la durata del permesso di costruire?

Una volta ottenuto il Permesso, il richiedente ha tempo un anno per dare avvio ai lavori e 3 anni per ultimarli.

Cos’è il permesso di costruire in sanatoria?

Nel caso in cui si eseguano delle opere in assenza o in difformità dal Permesso di Costruire, è possibile richiedere un Permesso in Sanatoria, purchè sussista il requisito di doppia conformità urbanistica, cioè di conformità contemporanea alla normativa vigente al momento in cui si è commesso l’abuso e a quella vigente al momento della richiesta di sanatoria.
In questo caso è prevista una sanzione pecuniaria pari al doppio degli oneri concessori necessari nel caso di normale richiesta.

Leggi  Le costruzioni antisismiche
Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

4 thoughts on “Cos’è il permesso di costruire?
Inserisci un nuovo commento

    1. Gen.le Sissy,
      la domanda non è molto chiara: cosa intende per permesso di costruire “di soli due mesi”?
      Attendo un suo chiarimento per poterle dare una risposta.
      Cordiali saluti,
      arch. Carmen Granata

  1. Buonasera, la domanda è: un unico lotto di 2000 mq costituito da zona edificabile (B) e zona agricola (E)è edificabile per intero o no? Grazie

    1. Gentile Pietro,
      il piano regolatore non segue i confini delle singole proprietà o delle singole particelle.
      Devi informarti in comune. Comunque con buon senso la cubatura/metratura realizzabile si calcola sulla frazione di lotto ricadente in zona edificabile.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi e consulente del credito Auxilia Finance SpA. Contatti per richieste mutui e surroghe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *