Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

Cos’è il rogito?

di CEO di CasaNoi.it 22 commenti in

Cos’è il rogito notarile?

Dopo il compromesso si passa alla fase finale della  compravendita, quella che ci porterà al possesso della nostra nuova casa, chiavi in mano. Il rogito notarile è il contratto definitivo che trasferisce la proprietà immobiliare e deve essere redatto da un notaio.

Cosa deve contenere

L’atto notarile deve includere tutti i dati già contenuti nel compromesso di vendita, ovviamente aggiornati:

  • il nome e tutte le informazioni identificative delle parti (venditore e acquirente)
  • la provenienza del bene, ovvero l’indicazione del precedente passaggio di proprietà
  • la sussistenza di ipoteche e l’indicazione di vincoli quali eventuali servitù attive o passive insistenti sull’immobili
  • l’identificazione dell’immobile
  • le proprietà con cui confina e i dati registrati al Catasto
  • le clausole contenute nel contratto preliminare di vendita (detto anche compromesso)
  • il prezzo pagato, le modalità dell’avvenuto pagamento (assegno, bonifico etc) ed eventuali acconti/anticipi versati precedentemente

Registrazione e trascrizione

Il contratto definitivo di compravendita va registrato entro 20 giorni e trascritto presso l’Agenzia del Territorio da parte del notaio stesso, che provvede anche a pagare le imposte per conto dell’acquirente. Ad un mese dalla registrazione, si effettua la voltura, ossia la trascrizione del passaggio di proprietà presso l’Agenzia del Territorio.

Le spese

Da ricordare che tutte le spese del rogito sono completamente a carico della parte acquirente che ha il diritto di scegliere il notaio di fiducia. Al momento della firma dell’atto notarile, viene corrisposto al notaio il suo onorario, oltre al rimborso delle imposte di registro, ipotecarie e catastali o IVA, tasse, diritti, e altre spese conseguenti alla compravendita, quali le visure, la voltura, la planimetria, la tassa archivio notarile, le trascrizioni e i bolli.

Leggi  Tasso di interesse del mutuo: fisso o variabile e durata
Articolo scritto da:

Giuseppe Palombelli

Leggi tutti gli articoli
Esperto in valutazioni estimative e finanziamenti ipotecari per privati ed imprese, ha lavorato in Banche e Intermediari del Credito. E' amministratore di società immobiliari e Ceo di CasaNoi. Per contatti: giuseppe@casanoi.it

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

22 Comments su "Cos’è il rogito?"

più recente meno recente

Ho acquistato un immobile,digitato il 28 dicembre presso un notaio ma ad oggi non mi è stato ancora consegnato il documento che attesta la mia proprietà con i dati catastali.quanto tempo può occorrere ancora? Grazie

Gentile Luisa,
sicuramente il contratto di compravendita è stato registrato e trascritto, e la voltura catastale effettuata.
Può chiedere al notaio la documentazione di rito che viene consegnata di prassi dopo il rogito agli acquirenti:
– copia autentica dell’atto con gli estremi di registrazione e trascrizione
– visura catastale aggiornata da cui risulta il nuovo proprietario
Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

Posso anteporre la mia firma come potere decisionale insieme ai miei figli per l acquisto di un immobile?

Gentile lettore, se la casa verrà intestata interamente ai tuoi figli, questi potranno esercitare i loro diritti di proprietà liberamente. Per mantenere un “controllo decisionale” puoi intestare a te stesso l’usufrutto o la nuda proprietà. Approfondisci con un notaio. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

Salve io e mia moglie siamo proprietari al 50& ciascuno di un immobile io vorrei cedere il mio 50& lei lo puo comprare come prima casa ?

Gentile Luigi, tua moglie può richiedere le agevolazioni all’acquisto del 50% dell’abitazione (no donazione) se il 50% già di sua proprietà è stato acquistato con le agevolazioni prima casa, ovvero se non ha mai richiesto le agevolazioni all’acquisto. Dovrà inoltre avere il requisito della residenza nel comune entro 18 mesi del rogito. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

Buonasera,siamo 6 fratelli e dobbiamo vendere un appartamento,essendo stato acquistato da uno dei fratelli non abbiamo fatto nessuno compromesso preliminare,abbiamo pattuito solo verbalmente la cifra. Tutte le carte che serviranno per il rogito sono in mio possesso. Chiedo se queste carte posso consegnarle al notaio di mia sorella/cognato il giorno pattuito per il rogito e se sono sufficenti i documenti che ho mandato via mail,o dovrò appunto darle al notaio prima. Grazie per la risposta.

Gentile Luigi, devi dare tutti i documenti della casa al notaio subito, affinché possa redigere il contratto di compravendita ed effettuare tutti i controlli. Puoi darli anche in copia o via mail, se preferisci tenere gli originali. E’ preferibile portare fisicamente tutte le carte dal notaio, anche quelle che magari non ti sembrano importanti, e selezionarle insieme. La vendita tra familiari necessita degli stessi accertamenti di una compravendita ordinaria. Serve atto di provenienza, successione con imposte pagate, autorizzazioni edilizie, agibilità, ricevute IMU/TASI pagate, condominio, etc.. Contatta lo studio notarile. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

Buongiorno,stiamo acquistando una casa/capannoni abbastanza vecchia del nostro paese (fino a 1 anno fa ci abitavano dentro la propria famiglia) che a quando ci ha detto quello del agenzia ha delle parti non registrate al catasto,ciò e come non esistesse?! Avendo dato anche un bel anticipo per la compra vendita ora stiamo attendendo da un bel Po di giorni (a quel che dice lui) che la catasto registri le cose , la mia domanda è quanto tempo ci mette il catasto a finire il tutto???? La ringrazio molto in anticipo

Gentile Dea, approfondisci la questione con il notaio di tua fiducia che redigerà l’atto. L’immobile per essere venduto deve essere regolare sotto l’aspetto catastale e – soprattutto – edilizio-urbanistico. Il notaio è il professionista con le competenze idonee a tutelarti. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi