Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Un jukebox per arredare casa

di 0 commenti

Spariti da bar, ristoranti e sale da ballo, negli ultimi anni, i jukebox sono tornati di moda come oggetti d’arredo per impreziosire le zone living delle nostre case e per dare un tocco retrò a negozi e uffici.
 
La storia dei jukebox ha inizio nei primi anni ’30 e ruota intorno alla lotta commerciale tra le tre principali case produttrici americane: Wurlitzer, Seeburg e Rock-Ola. Nei primi anni, gli apparecchi avevano il mobile in legno e permettevano di selezionare un massimo di 12 dischi, tutti rigorosamente a 78 giri. Negli anni successivi, la concorrenza tra le aziende portò a una continua innovazione del prodotto che giunse ai vinili da 45 e ai jukebox che potevano contenere più di 100 diverse canzoni.
 
Il Jukebox Rock-OlaL’evoluzione dei modelli fu dettata dal design dei jukebox più che dall’innovazione tecnologica.
Sin dall’inizio, il jukebox è stato un accessorio alla moda che simboleggiava la voglia di divertirsi dei giovani americani. Nel 1940, ad esempio, fu realizzato un jukebox la cui sommità invece di essere squadrata era ad arco, conferendo all’apparecchio un design più morbido e accattivante. Dal 1940 al 1970, ogni decennio fu caratterizzato da un diverso design dei jukebox in commercio.
 

Il jukebox è un oggetto d’arredo adatto a ogni tipo di abitazione, perfetto per rifinire l’arredamento di un solotto o la sala d’attesa di un ufficio. Senza contare che tutt’oggi è presente in moltissimi bar e ristoranti, non solo per abbellire la sala, ma anche per poter riascoltare il suono vintage dei vecchi vinili.
 

 Il modello Wurlitzer 1015
Tra i più belli in assoluto per arredare casa, ci sono lo storico modello Wurlitzer 1015 che nel dopoguerra fece innamorare un’intera generazione di americani, e il famoso Seeburg HF100G passato alla storia come il jukebox della serie Tv Happy Days.

Leggi  Come riscaldare uno spazio esterno

 

Articolo scritto da:

Alessandro Rossi

Leggi tutti gli articoli
Alessandro Rossi, Chief Financial Officer (CFO) di CoContest. CoContest è la prima piattaforma al mondo di crowdsourcing dedicata al mercato dell’interior design, che permette a chiunque necessiti di idee progettuali per ristrutturare un appartamento o un locale di poter trovare la soluzione ideale in tempi rapidi e con costi contenuti.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *