Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

La casa in legno è anche “smart house”

di 0 commenti

Smart House in Legno

Fino a non molti anni fa il nome casa in legno faceva pensare a una baita di montagna o a un piccola abitazione prefabbricata. L’evoluzione dei materiali costruttivi è andata così avanti…da ritrovarsi, nuovamente, al punto di partenza: case in legno, oggi? Cosa c’è di innovativo?
Tutto. 
Le case in legno, realizzate secondo i più avanzati criteri della bioedilizia, garantiscono oggi un alto risparmio energetico e le massime prestazioni in termini di sicurezza e di benessere. Qualità che, abbinate all’inconfondibile design made in Italy, rendono queste case perfettamente adatte ad ogni contesto geografico e climatico: in città, al mare, in campagna o in montagna. 

Per saperne di più, abbiamo intervistato Francesco Telarucci, giovane imprenditore della Edileco Telarucci, impresa generale di costruzioni attiva dal 1948, leader nella regione Marche, che sta portando avanti un progetto in bioedilizia dalle caratteristiche più avanzate.

Quattro appartamenti in bioedilizia…ma non solo

Siete impegnati in un progetto innovativo: la costruzione di quattro appartamenti case in legno, a Civitanova Marche. Com’è nata l’idea?

F.T.: In 70 anni di attività nel settore delle costruzioni, mio nonno prima e mio padre poi, hanno sempre lasciato ampio spazio all’innovazione. Innovazione in un settore, quello dell’edilizia, che è sempre arrivato con ritardo rispetto ad altri settori industriali (penso al settore dell’automobile, per esempio), ma che diventa fondamentale in un mercato non è più racchiuso tra confini regionali e nazionali, ma che ragiona a livello globale.
Entro l’anno consegneremo quattro alloggi in bioedilizia nella zona di Civitanova Marche, nonché “smart house” sperimentali, in un intervento a consumo energetico zero. Proprio così! Il nome “CivitaNUOVA” è stato scelto per rappresentare il modo NUOVO di unire virtuosamente ambiente e tecnologia.
Abbiamo scelto il legno come materiale principale per questo nuovo progetto edilizio non solo perché è un materiale naturale, rinnovabile, riciclabile, non inquinante, altamente isolante, dotato di resistenza sismica, ma anche perché è risultato il più adatto per consentire di installare all’interno elementi di innovazione tecnologica legati alla domotica integrata.

Qual è l’identikit della persona che sceglie oggi di abitare in una casa in legno?

F.T.: Oggi chi è interessato ad abitare in una casa in legno è una persona molto informata, che si è già documentata ampiamente e ha già fatto la sua scelta di benessere abitativo collegato al risparmio energetico, alla tutela dell’ambiente. Una persona che vuole salubrità all’interno delle mura domestiche, che ricerca comfort e praticità, un design elegante e funzionale e, soprattutto, attenta ai consumi.
Che siano single o giovani coppie, famiglie con un bimbo in arrivo o persone d’età…quel che li accomuna è la ricerca di una più alta qualità della vita.

Bioedilizia e domotica integrata per una casa intelligente

Prima diceva che le vostre case in legno non solo rispettano l’ambiente e garantiscono il benessere abitativo, ma sono progettate per “includere” tecnologia e funzionalità che ottimizzano i consumi e semplificano la vita. Quali?

F.T.: Il progetto CivitaNUOVA è stato progettato e predisposto seguendo “i concetti” di casa intelligente o, per utilizzare una dizione internazionale, “smart house”.  Per noi smart house significa inserire all’interno delle abitazioni forti elementi di innovazione tecnologica legati alla domotica integrata.
Fino a ieri la domotica – il cui nome deriva proprio da domus, cioè la casa, abbinata alla robotica –  consentiva di effettuare una serie di attività, più o meno utili (come accendere e spegnere le luci da remoto, attivare e disattivare l’allarme da remoto, ecc.) da un unico pannello, posto all’interno della casa, oppure da una sorgente di segnale collocata a distanza.

La nostra idea è differente… La Edileco Telarucci lavora per realizzare una casa intelligente che sia in grado di capire e in seguito riconoscere quali sono le normali abitudini dei suoi abitanti. L’obiettivo è ridurre al minimo gli sprechi, e quindi i consumi, ed aumentare il livello di comfort percepito dai proprietari. Le nostre case intelligenti migliorano davvero la qualità della vita di chi le abita!

Scopri tutti i particolari del progetto CivitaNUOVA: clicca qui

Articolo scritto da:

Sara Grita

Leggi tutti gli articoli

Nata e cresciuta a Milano, ho lavorato a Roma, Bologna e ancora Roma nelle produzioni video, tv, teatrali, come responsabile della comunicazione. Questo vagabondare, unito all’ampliarsi della famiglia, ha fatto sì che cambiassi spesso casa, sperimentando in prima persona che il dialogo franco e trasparente genera sempre fiducia: l’economia collaborativa (sharing-economy) è concreta e reale. Ho partecipato all’ideazione e alla fondazione di CasaNoi.it. Questo blog nasce per condividere tutte le informazioni su casa e ambiente ed è aperto alle domande dei lettori.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Lascia un commento

wpDiscuz