Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

La planimetria della casa diventa ARTE

di 2 commenti

Uno dei lavori su carta dell’artista Zarina Hasmi La planimetria è una rappresentazione in piano dello spazio o di una superficie (terreno, edificio, costruzione, ecc..). Più volte abbiamo sottolineato l’importanza di questo documento catastale. Una vera e propria carta d’identità della casa, da consegnare obbligatoriamente al notaio in caso di compravendita.

La planimetria, vista con occhi meno tecnici, è il perimetro della casa, è la sua pelle. Infatti le pareti domestiche, oltre ad avere una chiara funzione strutturale, hanno per chi vive al loro interno un grande valore simbolico. Ci proteggono, raccolgono le nostre emozioni e sono spesso lo specchio della nostra anima.

Il rapporto intimo con la casa

L’artista Zarina Hashmi nei suoi lavori su carta artigianale, minimali ma altamente evocativi, utilizza la planimetria proprio per esprimere il suo intimo rapporto con la casa e, in senso ampio, l’idea stessa di casa.

L’artista di origine indiana ha vissuto in esilio dall’età di 12 anni, da quando il padre, musulmano, si dovette spostare nel neonato stato del Pakistan. Zarina dunque nel corso della sua vita è andata costantemente alla ricerca di un luogo che la facesse sentire a casa.

Ripensare a casa

“La casa è il centro del mio universo, il mio nascondiglio, una casa con quattro pareti, qualche volta con quattro ruote”, dichiara l’artista in un’intervista. Il legame di Zarina con questo soggetto è strettamente connesso alla sua esperienza di vita da viandante. Zarina ha vissuto e lavorato in moltissimi luoghi: dalla Tailandia alla Francia, dalla Germania al Giappone, fino agli Stati Uniti. Così i suoi lavori, i fogli di carta, rappresentano la sua casa portatile.

Il valore della planimetria

Uno dei lavori su carta dell’artista Zarina Hasmi

Uno dei lavori su carta dell’artista Zarina Hasmi
I lavori e l’esperienza di vita di Zarina ci aiutano a riflettere sul fondamentale valore della casa, con un’attenzione particolare rivolta alla planimetria, intesa come “pelle”. Per saperne di più su Zarina e i suoi lavori, è possibile visitare virtualmente la sua mostra personale, in questi giorni al Guggenheim Museum di New York.
Articolo scritto da:

Martina Adami

Leggi tutti gli articoli
Critica e curatrice di arte contemporanea, vive e lavora a Roma. Al suo attivo vanta la realizzazione di mostre sia collettive sia personali; è stata assistente per una galleria d’arte, oltre ad essere collaboratrice di diversi artisti. Dal 2011 collabora con varie testate di arte contemporanea («Artribune», «Inside art», ecc.) scrivendo recensioni, interviste e articoli di approfondimento. Ha vissuto a Londra da dove è stata corrispondente estera per «Exibart», «Exibart International» e «Inside Art». Tra le esperienze più significative la collaborazione con l'Istituto Nazionale per la Grafica dove ha svolto ricerche bio-bibliografiche e seguito la digitalizzazione dell’archivio video. Adora girare in bicicletta, spostarsi da un'inaugurazione all'altra e visitare gli artisti nei loro studi. Il suo blog personale è www.martbug.it.

Ti potrebbero interessare

2 commenti su “La planimetria della casa diventa ARTE
Inserisci un nuovo commento

  1. casa come pelle ma anche e sopra tutto casa come cuore, Se infarri la casa ci protegge e ci avvolge come la pelle,è altrettanto vero che proprio all’interno della casa troviamo i nostri affetti più cari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *