Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

La Poltrona Sacco di Zanotta

di 0 commenti

PoltronaSaccoZanottaIl suo nome originario era Lolita, ma per tutti è la “poltrona Sacco” o meglio ancora è entrata nell’immaginario collettivo come la “poltrona di Fracchia”.

Ideata nel 1968, anno di grandi rivoluzioni sociali e di conseguenza di cambiamenti radicali anche nella moda e nel design, la poltrona Sacco divenne in breve tempo un vero e proprio cult nel mondo delle sedute.

Sacco vinse nel 1970 il prestigioso premio di design Compasso d’Oro e due anni dopo entrò a far parte della collezione permanente del MoMa di NewYork e in seguito di quelle di numerosi altri musei internazionali, come il Musée des Arts Décoratifs di Parigi, il Victoria & Albert Museum di Londra, il Museo del Design alla Triennale di Milano.

A progettarla per Zanotta fu un trio di giovani e ancora sconosciuti architetti torinesi, Piero Gatti, Cesare Paolini e Franco Teodoro.

Non era facile reinventare il concetto di un arredo dalle forme ormai consolidate nel corso dei secoli che, pur avendo subito nel tempo innumerevoli variazioni, era rimasto essenzialmente uguale a se stesso.

I tre progettisti, grazie alla loro capacità di guardare le cose sotto nuovi punti di vista, furono in grado di farlo.

L’idea progettuale è molto semplice: si tratta di una sorta di involucro a fagiolo in PVC, riempito per tre quarti da palline in polistirolo semi – espanso ad alta resistenza, leggero e facilmente trasportabile.

La poltrona non presenta quindi alcun tipo di sostegno, ma proprio nella sua forma instabile risiede l’idea rivoluzionaria.

poltrone-saccoGrazie alla sua mancanza di rigidità infatti si adatta alla posizione di chi la usa, assumendo di volta in volta aspetti diversi.

Per la prima volta una poltrona si presentava quindi priva di una struttura programmata ma era l’utilizzatore stesso che la definiva in base alle sue esigenze.

Era un oggetto frutto degli ideali di quegli anni, di cui rappresentava una perfetta metafora, quando la libertà del soggetto mirava a superare i rigidi schemi prefissati.

Sacco divenne in breve simbolo del relax informale e anticonvenzionale, una poltrona “destrutturata” in cui immergersi e sprofondare completamente.

Ma la poltrona era anche realizzata con un materiale povero che introduceva nel mercato un prodotto seriale finalmente accessibile alla massa.

La nuova tipologia di seduta segnò così un taglio radicale con il passato, tanto che da allora si parlò di Radical Design.

In breve tempo Sacco diventò l’oggetto del desiderio di una élite amante dell’arte contemporanea e dell’arredo moderno, e fu presente nelle case di esperti d’arte ed esponenti del jet set internazionale.

In Italia, fu grazie alla televisione che divenne nota al grande pubblico. Paolo Villaggio la utilizzò infatti per una esilarante e indimenticabile scena in cui il povero Fracchia cercava in tutti i modi di sedersi venendo ogni volta inevitabilmente ribaltato.

Nel corso degli anni la poltrona è diventata anche un’icona dell’arte e della cultura pop ed è stata realizzata con i più svariati materiali, tra cui il jeans e la pelle, in innumerevoli varianti cromatiche e con diverse applicazioni, come quelle con frange e lustrini presentata nel 2008 per celebrare il quarantesimo anniversario del prodotto.

Ancora oggi riesce ad adeguarsi ai tempi con due nuove versioni, Medium e Small, decorate da disegni e scritte stampati con tecniche digitali, geometrie 3d e grandi occhi ammiccanti.

Le poltrone Sacco decorate con personaggi dei cartoni animati e dei fumetti sono particolarmente adatte per arredare le camerette dei bambini, visto che la loro ispirazione ludica risulta particolarmente apprezzata dai più piccoli.

Ma in genere, inserire la poltrona nel proprio arredamento significa non solo dotarsi di un oggetto comodo per una seduta rilassante, ma anche di un’autentica icona pop della storia del design.

L’attuale produzione di Zanotta prevede a catalogo i seguenti rivestimenti disponibili: Volo, Tela Egitto, Pied de poule, Sole, Techno (per esterni) e pelle.

Le versioni in Pied de poule e quella in Tela Egitto sono sfoderabili, mentre quella in tessuto Volo è disponibile in due versioni di stampe digitali, Solid e Up.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *