Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

5 cose da sapere sulle scale di sicurezza

di 0 commenti

Quando prevenire è meglio che curare

scale di sicurezza In molti film ambientati in grandi città, le scale di sicurezza (o scale antincendio) vengono utilizzate come luogo di corteggiamento per gli “sfortunati amanti” che non dispongono di un balcone.

Ciò può portare a pensare che non siano così importanti. Non è assolutamente vero!

Ogni struttura ha la necessità di essere messa in sicurezza ed è fondamentale affidarsi ad aziende certificate, esperte del settore, che sappiano consigliare la soluzione più adatta a seconda delle esigenze.

scale-sicurezza.it è un’azienda certificata EN 1090-1 e specializzata nella produzione di scale di sicurezza rivolte ai settori industriale, commerciale, civile e pubblico che offre soluzioni personalizzate in base al vostro progetto.

Sul sito ufficiale vengono presentate diverse soluzioni di scale di sicurezza certificate, ma di seguito cerchiamo di spiegare cosa è importante sapere sulle scale di sicurezza.

1 – Cosa sono e a cosa servono le scale di sicurezza

Le scale antincendio sono una misura vitale di sicurezza.
Il loro scopo principale è quello di fornire una via di fuga da situazioni di pericolo come, ad esempio, un incendio o calamità naturali in cui tutti i mezzi per muoversi all’interno dell’edificio (ascensore e scale) non possono essere utilizzati. Inoltre permettono ai soccorritori l’ingresso nel palazzo durante le manovre di soccorso.

Naturalmente, data la loro importanza, in Italia vige una normativa in cui tali scale di sicurezza sono obbligatorie in tutte le strutture aperte al pubblico, come ad esempio luoghi di lavoro, scuole, attività turistiche e alberghiere, ospedali, ma anche per abitazioni civili come i condomini.

2 – Cosa prescrive la normativa

La normativa prevede che la costruzione di ogni scala antincendio rispetti certe caratteristiche generali:

  • l’altezza del parapetto deve essere di almeno un metro e deve supportare forti sollecitazioni;
  • il corrimano deve essere a scomparsa;
  • non devono presentare sporgenze o rientranze che possano intralciare la fuga delle persone;
  • le rampe devono essere rettilinee con gradini molto ampi, rettangolari e con una pedata di almeno 30 cm e altezza massima di 17 cm.

3 – I materiali

I materiali utilizzati per la costruzione delle scale di sicurezza devono essere assolutamente non infiammabili e resistenti, come l’acciaio e il ferro.

Dal luglio del 2014 è entrata in vigore la norma EN 1090-1 la quale stabilisce determinati criteri e che obbliga le aziende produttrici a realizzare scale antincendio certificate CE.

4 – Le diverse tipologie

Esistono diversi tipi di scale di sicurezza:

Scala protetta – È un tipo di scala caratterizzata in un vano costituente compartimento antincendio con accesso diretto da ogni piano, con porte di resistenza REI. Durante un incendio, la scala protetta impedisce di essere attaccata dalle fiamme e dai fumi presenti nell’edificio.

Scala a prova di fumo interna – È un tipo di scala collocata in un vano costituente compartimento antincendio, avente accesso da ogni piano a mezzo di porte di resistenza al fuoco REI e dotate di congegno di autochiusura.

Scala a prova di fumo esterna – Identica alla scala a prova di fumo interna per costruzione, con l’unica sostanziale differenza che l’accesso avviene attraverso uno spazio all’aperto. Il vano scala viene realizzato con pareti e porte tagliafuoco.

Scala esterna di sicurezza – È un tipo di scala metallica caratterizzata da un parapetto esterno che corre lungo una delle facciate dell’edificio, alla quale si ricorre solamente quando non è possibile adottare soluzioni diverse.

5 – Come scegliere la scala ideale

scale di sicurezzaLa scelta della tipologia di scala più adatta dipende dal tipo di struttura e dalla posizione della stessa.

Ad ogni modo è possibile realizzare scale di sicurezza personalizzate e su misura in base agli spazi e alle singole esigenze dell’edificio.

Inoltre, va tenuto presente che la scala di sicurezza deve essere posta in un luogo in cui il suo percorso termini in un ambiente esterno e sicuro, dove le persone evacuate possano sostare e venire raccolte senza incorrere in nessun pericolo.

La sicurezza non va trascurata, ma salvaguardata!

 

Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
CasaNoi.it è la piattaforma dedicata all'incontro diretto tra offerta e ricerca di case. Il blog di CasaNoi si occupa delle tematiche della casa: Compravendita e Affitto, Mercato immobiliare, Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, e molto altro.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *