Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come scegliere la pittura per la facciata

di 0 commenti

La pittura per tinteggiare la facciata degli edifici

scegliere la pittura per la facciata: foto facciata
Piacenza, Palazzo Galli. Foto tratta da Noveri.it

La tinteggiatura delle facciate di edifici condominiali e case private richiede una scelta attenta della pittura da utilizzare.

La vernice infatti non deve rispondere solo a criteri estetici, come il colore o la finitura, ma bisogna considerare il fatto che le facciate sono esposte ogni istante agli agenti atmosferici.

Pioggia, neve, vento, umidità, smog, attaccano ogni momento i muri esterni di un fabbricato, per cui la pittura deve essere scelta in base ai fattori climatici e ambientali.

In commercio è possibile trovare numerose tipologie di prodotti adatti alla tinteggiatura di esterni.
In questo articolo ne vedremo una rassegna e scopriremo a quali condizioni sono più adatti.

Pittura a base di calce

Questa pittura è un prodotto minerale naturale utilizzato sin da tempi antichi, idoneo agli ambienti a rischio di formazione di muffe. La calce contiene infatti un minerale attivo efficace contro la loro formazione.

A base di calce idraulica, deve essere diluita in acqua e può essere applicata su intonaci, pitture preesistenti o rivestimenti, sempre a base di acqua.

Con un aspetto esteriore che appare opaco e molto naturale, la pittura non crea film sulla superficie della parete che resta traspirante e asciutta.

Il costo di questo tipo di finitura, ideale per il trattamento degli edifici storici, si aggira sui 3 – 4 € a metro quadro.

Pittura ai silicati

Le pitture ai silicati, a base di silicato di potassio e pigmenti, presentano molte caratteristiche simili a quelle a base di calce, ma oltre a essere traspiranti, sono anche impermeabili, caratteristiche che le rendono particolarmente adatte all’uso in esterni.

In virtù di questa loro peculiarità, l’umidità proveniente dall’esterno non attecchisce sulle pareti, mentre la pioggia non viene assorbita. Il silicato di potassio protegge inoltre dall’attacco di funghi e dalla proliferazione della vegetazione.

Ideali per luoghi a forte presenza di umidità, le pitture ai silicati costano intorno ai 10 € al metro quadro.

Pittura al quarzo

La pittura al quarzo ha elevata resistenza dovuta alla presenza di resine sintetiche contenute nella sua formulazione a base di acqua. E’ molto adatta a colmare piccole imperfezioni del supporto su cui viene applicata. Ciò avviene proprio grazie alla presenza di particelle di quarzo.

Una parete trattata con questi prodotti diventa idrorepellente, per cui la soluzione appare particolarmente adatta a luoghi umidi e piovosi.

Il costo è di circa 8 € al metro quadro.

Pittura silossanica

La pittura di questo tipo presenta nella sua composizione sia resine ricavate dalla silice sia resine siliconiche, unendo quindi le proprietà delle une e delle altre.

Le resine silicee permettono di creare una sorta di legante che consente alla pittura di aderire bene al supporto, mentre quelle siliconiche hanno ottime doti di idrorepellenza e traspirabilità. Questo aspetto è particolarmente importante, perché le pitture sintetiche idrorepellenti hanno spesso il difetto di sfogliarsi, staccandosi col tempo dal supporto.

La vernice silossanica ha inoltre una particolare struttura reticolare che le rende molto resistenti ad agenti atmosferici e inquinanti, nonché a muffe e parassiti e agli sbalzi termici.

Il prezzo è di circa 11 € al metro quadro.

Pittura elastomerica

Pittura elastomerica Weber
Pittura elastomerica

Si tratta di un prodotto adatto a prevenire la formazione di crepe e microlesioni in facciata. Come si comprende già dal nome, infatti, ha una struttura molto elastica in grado di sopportare forti sollecitazioni.

La composizione è a base di resine acriliche che possono essere addizionate con resine silossaniche o con quarzo.

Oltre a essere resistenti, a garantire aderenza al supporto, indeformabilità, idrorepellenza e permeabilità al vapore, hanno proprietà riempitive che consentono di uniformare superfici irregolari dovute alla presenza di crepe e irregolarità e non solo a prevenirne, come detto, la formazione.

Il costo può andare dagli 8 ai 10 € al metro quadro.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *