Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Tende per la cucina

di 0 commenti

La funzione delle tende in cucina

Il ruolo delle tende per la cucina è spesso ingiustamente trascurato. A differenza di altre stanze della casa, come il salotto o la camera da letto, in questa stanza non si dà molta importanza a questo complemento d’arredo, forse perché qui la questione privacy non sempre è altrettanto fondamentale.

tende per la cucina da arredamento.it

Eppure, la cucina è sicuramente l’ambiente della casa più frequentato, soprattutto dai componenti della famiglia in vari momenti della giornata, ma spesso anche dagli ospiti.

Le cucine moderne sono infatti sempre più curate e accoglienti. Diamo quindi la giusta importanza anche alle tende.

Applicare la giusta tenda alla finestra servirà a filtrare la luce ma anche a completare con un tocco di stile in più l’atmosfera di tutto l’ambiente.

Ma ci sono anche casi in cui si può rinunciare alle tende in cucina? Per le verità in alcuni casi è preferibile.

Capita, ad esempio, quando la finestra è troppo vicina ai fornelli e le tende potrebbe rappresentare un potenziale pericolo.
Se però è indispensabile filtrare la luce anche in quel punto, si può optare per soluzioni alternative, come le tende a rullo, meno pericolose.

Lo stile delle tende per la cucina

Per scegliere la tenda adatta alla vostra cucina, la prima cosa da valutare è lo stile di arredo, a cui il complemento dovrà uniformarsi.

In base quindi allo stile della stanza (classico, rustico, moderno, contemporaneo, ecc.) così dovrete scegliere la tipologia di tenda, per mantenere una opportuna coerenza stilistica.

Gli stili delle cucine sono ovviamente numerosi, ma per semplificare, possiamo dividere le tipologie di tende in due grandi famiglie:

  • tende classiche
  • tende moderne.

Le tende moderne per adattarsi allo stile delle cucine a cui si abbinano devono essere lineari e dai colori uniformi, senza cedere a compromessi con elementi decorativi come orli, ricami, volants, fiocchi ed altro.

Di contro, con le tende classiche ci si può sbizzarrire con questi elementi scegliendo anche soluzioni che mettono in risalto la fattura artigianale del prodotto, nonché con colori caldi e fantasie.

Queste due tipologie di tende si distinguono spesso anche per dimensioni, in quanto quelle classiche possono essere anche più lunghe e vaporose.

I colori delle tende in cucina

Tende per la cucina Gani Tende
Tende per cucina Gani Tende

Per scegliere il colore della tenda in cucina si può partire dallo stesso principio valido per le tende in generale: se volete enfatizzare e mettere in risalto questo complemento d’arredo, preferite un colore definito in netto contrasto con quello delle pareti.

Se le pareti hanno colori chiari o comunque sono dipinte con tinte neutre, potete scegliere un tessuto a fantasia o con pattern colorati (pattern: motivo decorativo che è possibile replicare all’infinito nella creazione di sfondi, tessuti, ecc.).

Se invece le pareti sono tinteggiate con colori decisi o lo sono i mobili della cucina, scegliete tessuti di colore chiaro.

Quali tessuti per le tende della cucina?

Insieme con i colori, anche i tessuti hanno un ruolo molto importante per definire il mood della cucina e per filtrare opportunamente l’intensità della luce.

Ad esempio, se la cucina è molto soleggiata, potete scegliere oltre ai colori scuri anche tessuti pesanti per le tende.

Attenzione a non esagerare, però. La luce è molto importante in cucina, sia per le funzioni che vi si svolgono sia per lo stile di tutto l’ambiente.

Preferite quindi i tessuti leggeri, non soltanto perché lasciano passare meglio la luce, ma anche perché sono più semplici da pulire.

Non bisogna dimenticare, infatti, che le tende in cucina sono facilmente inclini ad assorbire odori e vapori per cui vanno lavate più spesso.

E quali bastoni?

Tende per la cucina

Ultimo elemento importante da considerare per le tende da cucina, sono i bastoni. Anche in questo caso, infatti, rispetto alle considerazioni di carattere generale, bisogna fare attenzione all’ambiente particolare a cui è destinato.

Il legno, ad esempio, è un materiale facilmente suscettibile a modifiche fisiche quando soggetto ad alterazioni di temperatura e umidità.

Queste condizioni sono particolarmente frequenti in una stanza dove si usano i fornelli, per cui è preferibile scegliere ferro e alluminio anche per le cucine classiche.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *