Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Casa vacanze: come affittare casa per brevi periodi

di 25 commenti

Affittare casa per brevi periodi: i 10 consigli di Confedilizia

Come affittare una casa vacanzeQuando si decide di prendere in affitto o affittare una casa per brevi periodi, è importante che sia il proprietario della casa sia l’affittuario temporaneo seguano delle regole. Confedilizia ha rilasciato 10 consigli su come affittare una casa vacanze senza correre rischi. Scopriamoli insieme.

Il Decalogo di Confedilizia

Premessa. Come ricorda la Confedilizia nel suo sito, la casa vacanze deve essere completamente arredata e non bisogna fornire alcuna biancheria all’inquilino per non ricadere nella disciplina degli affittacamere.

1. Locazioni turistiche – Di solito, quando l’affitto della casa non supera i 30 giorni, il contratto di locazione non va registrato, ma basta una scrittura privata firmata dal proprietario e dall’inquilino. Ma la Confedilizia ha redatto 3 contratti di locazione turistica:

  • la locazione ad uso villeggiatura (utile anche per una villeggiatura superiore ai 30 giorni)
  • la locazione di case per brevi vacanze;
  • la locazione per week-end.

 

2. Esigenze turistiche – Nel contratto vanno specificate le esigenze turistiche, ossia i motivi che hanno portato alla stipula dell’atto e possono essere un viaggio, un soggiorno per svago, una villeggiatura, ecc.

 

3. Contratto per locazioni ad uso villeggiatura – È il modello di contratto che Confedilizia propone per regolare gli affitti delle casa vacanze che durano massimo 2 o 3 mesi. Nel contratto sono presenti le clausole sulle modalità di pagamento del canone, sulla sua rivalutazione in corso di contratto e sul deposito cauzionale. Non viene previsto il rinnovo tacito.
 
4. Contratto per locazioni brevi vacanze – Questo modello regola le locazioni di 10/15 giorni o al massimo 1 mese. Nel contratto sono presenti le clausole specifiche relative alla disdetta del contratto, all’entità delle spese accessorie e all’utilizzo di spazi accessori come la cantina o il posto macchina.

 

5. Contratto week-end – Questo contratto invece si può usare quando si dà in locazione un immobile per un fine settimana o per pochi giorni. Prevede la pattuizione forfettaria dei consumi di luce, acqua, gas ecc.

6. Obbligo di custodia e verbale di consegna – Il conduttore è responsabile degli eventuali danni all’immobile. Perciò, prima della stipula del contratto, è opportuno che l’inquilino e il proprietario controllino insieme lo stato dell’immobile, i mobili e la funzionalità degli elettrodomestici in modo da evitare spiacevoli inconvenienti. Inoltre, è consigliabile prevedere un verbale di consegna.

 

7. Animali – Nel contratto è sempre bene specificare se gli animali sono ammessi oppure no.

 

8. Regolamento degli inquilini e Regolamento di condominio – Nel contratto è bene scrivere che il conduttore deve rispettare il Regolamento degli inquilini e il Regolamento di condominio, se esistente.

 

9. Riparto spese di bollo e di registro – Sul contratto di locazione si appone la marca da bollo di 16 euro ogni 4 facciate o ogni 100 righe.
Se la locazione dura più di 30 giorni, il contratto deve essere registrato con onere a carico delle parti. C’è l’obbligo di registrazione anche quando si stipulano diversi contratti per più periodi che, sommati, superano i 30 giorni.
Le imposte di registro e di bollo non sono dovute se si applica la cedolare secca sugli affitti.

 

10. Denuncia di cessione di fabbricato – Se il conduttore è un cittadino extracomunitario, il locatore deve comunicarlo entro 48 ore alle Autorità locali.
Il decalogo è scaricabile in formato pdf, mentre i modelli di contratto sono reperibili presso le sedi territoriali dell’associazione. Inoltre, se vuoi affittare una casa vacanze, ti ricordiamo che solo su CasaNoi puoi pubblicare GRATIS un annuncio per mettere in affitto un immobile e/o per cercare una casa.

Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
Il blog di CasaNoi si occupa delle tematiche della casa: Compravendita e Affitto, Mercato immobiliare, Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, e molto altro.

Ti potrebbero interessare

25 commenti su “Casa vacanze: come affittare casa per brevi periodi
Inserisci un nuovo commento

  1. Ho aperto una casa vacanze, nel comune di palermo, mi sono registrato sul portale di airnbn e non ho fatto nessun contratto come cedolare secca, al momento della dichiarazione come mi debbo comportare

  2. avrei un quesito da porre l’agenzia delle entrate afferma che non serve inviare il contratto (che in realtà non c’è) per affitti brevi una settimana quindi come faccio a dimostrare nel 740 che voglio applicare la cedolare secca? esempio affitto 900€ ,percentuale all’ente on line del 15% che non svolge alcun servizio burocratico. cifra incassata 765 € cosa denuncio sul 740 ? 900 o 765 oltre le spese del gas e luce e rifiuti. grazie per i chiarimenti

    1. Gentile Nadia, la cedolare secca va applicata sull’affitto lordo (900 euro per capirci). Come documentazione – in luogo del contratto – può bastare uno scambio di mail seguita dalla prestazione (affitto breve). L’importo lo dichiari tu stessa e proprio da oggi gli intermediari hanno l’obbligo della trattenuta. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  3. Salve, vorrei fare qualche domanda:
    Ho 2 appartamenti di mio padre e’ vorrei adottare la formula Casa vacanze SHORT LETS per fittarli solo settimanalmente, abito in Calabria e gli appartamenti sono situati in zona marittima,
    le mie domande sono queste:

    Per essere in regola con la legge, Cosa devo fare per registrarmi come case vacanze, short lets, affitti brevi?

    Esiste un regolamento per la mia regione, la Calabria, se si dove posso trovarlo ?

    Con affitti settimanali, non va dichiarato niente all’agenzia delle entrate, oppure va dichiarato qualche cosa?

    e se va dichiarata qualche cosa, questo va a gravare sul reddito ?

    Per gli ospiti che si fermano per una settimana, va fatto un contratto, e questo contratto va trasmesso all’agenzia delle entrate e alla polizia ?

    Posso farmi pubblicita’ su manifesti, volantini, e biglietti da visita e siti internet come case vacanze, short lets, affitti brevi, oppure devo avere qualche documentazione che certifica l’attivita’ ?

    La ringrazio anticipatamente

  4. Salve vorrei sapere se per affittare casa solo nel periodo estivo è necessario cambiare la mia residenza e se bisogna stipulare un contratto. Grazie

    1. Gentile lettore,
      per i contratti di affitto è sempre necessario stipulare un contratto. Per gli affitti di durata limitata non è necessaria la registrazione. Il trasferimento della residenza non è mai obbligatorio.
      Un cordiale saluto,
      Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

  5. Salve vorrei sapere se affittando una casa nel periodo estivo e abitarci nel resto dell’anno comporta il cambio di residenza

  6. Gentile redazione, per affittare una casa con contratto di locazione turistica oltre alla tipologia di contratto, è necessario che l’oggetto della locazione si trovi in contesti turistici già consolidati e riconosciuti come tali o si possono annoverare tra questi anche le semplici case di campagna?
    Grazie

  7. Salve,
    vorrei affittare il mio appartamento, situato a Napoli, per brevi periodi ai turisti. Le premetto che il mio appartamento per 8 mesi all’anno è affittato a studenti con regolare contratto, il restante dei mesi è vuoto. Posso semplicemente affittare effettuando uno dei contratti da lei sopra citati o devo effettuare una pratica come attività extra alberghiera?

  8. Buonasera ho un piccolo appartamentino attico di 50 mq e 50 mq terrazzo zona Trieste a Roma, molto bello e ben ristrutturato, con grandi vetrate. Poiché viene utilizzato da mio figlio saltuariamente vorrei affittarlo per brevi periodi, casa vacanze, ma mi dicono bisogna chiedere tanti tanti permessi, è’ vero o basta che gli impianti siano a norma e che i. Contratti siano registrati? grazie

    1. Gentile lettrice, è opportuno che un appartamento da affittare abbia certificazione dell’ impianto elettrico e dell’impianto gas; salubrità dei locali; caratteristiche di sicurezza generali (parapetti, scale, etc). Questo per evitare contestazioni o rischieste di risarcimento danni. Non tutte le locazioni devono essere registrate: dipende dall’uso. Ti ricordo infine che i redditi sono soggetti a imposizione fiscale. Cordiali saluti
      Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

  9. Ho un bilocale a Bologna in zona fiera e non volendo aprire la partita iva e avendo la residenza in un’altro appartamento volevo sapere la soluzione più adatta al mio caso fra affittacamere b&b short lets o casa vacanza o addirittura un’altra soluzione se esiste che non conosco.
    La ringrazio anticipatamente

    1. Gentile lettrice, l’argomento è molto complesso ed entrano in gioco normative regionali o provinciali. Non è possibile attraverso il blog dare una risposta esauriente. E’ necessario acquisire informazioni presso i competenti uffici e/o richiedere una consulenza specializzata.
      Un saluto
      Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

  10. un appartamento a Roma accastato A10, può essere organizzato e affittato come abitazione per brevi periodi;vacanze; turismo etc? Grazie

    1. Gentile Matteo,
      dovrebbe essere più specifico così possiamo darle una risposta più precisa.
      Per brevi periodi, cosa intende? Più o meno di 30 giorni? Intende fare una locazione turistica?
      Nell’articolo si parla di locazioni turistiche che sono sottoposte unicamente al Codice civile. Il proprietario ed inquilino stabiliscono di comune accordo tutte le condizioni che regolano la locazione. Inoltre, la Confedilizia ha redatto tre modelli di contratto (di cui parliamo nell’articolo) che possono essere usati per la locazione turistica e sono disponibili presso le loro sedi territoriali.
      Un cordiale saluto,
      La redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *