Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

Agevolazioni fiscali per Ristrutturazioni e Risparmio Energetico

di Architetto 0 commenti in

Guida alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni

Da alcuni anni sono previsti in Italia degli incentivi per chi effettua interventi edilizi su edifici esistenti, che hanno il duplice scopo di favorire il recupero del patrimonio edilizio e, allo stesso tempo, di far emergere il lavoro nero, molto diffuso in edilizia.

Tali incentivi consistono in detrazioni Irpef (quindi non sono contributi erogati, ma sconti fiscali), spalmate in 10 rate decennali di pari importo, ma sono previste diverse aliquote per vari lavori e categorie merceologiche, per cui è utile fare un riassunto schematico dei principali aspetti.

Ristrutturazioni e detrazione fiscale 50%: gli interventi detraibili

È prevista per interventi di:

  • manutenzione ordinaria (solo su parti comuni di edifici condominiali);
  • manutenzione straordinaria;
  • ristrutturazione edilizia;
  • restauro e risanamento conservativo.

La Guida dell’Agenzia delle Entrate comprende anche interventi che esulano da queste categorie e che rappresentano eccezione, per cui è utile prendere tale testo come riferimento.
Il tetto massimo di spesa detraibile è di 96.000 euro per ogni immobile.
Questa detrazione è prevista unicamente per gli edifici residenziali e l’aliquota rimarrà al 50% fino al 31 dicembre 2016.

Guarda la video guida

Risparmio energetico e detrazione fiscale 65%

È prevista per interventi di efficientamento energetico, cioè di miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici, che possono essere non solo ad uso abitativo, ma anche per altre destinazioni d’uso (ad es. uffici e negozi).
Condizione fondamentale è che sia presente un impianto di riscaldamento e che il miglioramento delle prestazioni sia dimostrato dal raggiungimento di determinati parametri previsti dalle normative vigenti.
L’importo massimo detraibile cambia a seconda dell’intervento:

  • per interventi di riqualificazione globale è di 100.000 euro;
  • per interventi sull’involucro (tetto, pareti, finestre) è di 60.000 euro;
  • per installazione di pannelli solari è di 60.000 euro;
  • per sostituzione impianti di riscaldamento è di 30.000 euro.

La scadenza per questa agevolazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2016.

Guarda la video guida

Bonus mobili ed elettrodomestici

Il bonus è strettamente legato alla detrazione 50%, e quindi può usufruirne solo chi usufruisce anche di tale detrazione. Esso consiste in una detrazione Irpef del 50% sulla spesa sostenuta per acquistare arredi ed elettrodomestici destinati ad arredare la casa ristrutturata, per un importo massimo di 10.000 euro.
La scadenza è fissata al 31 dicembre 2016.
I mobili il cui acquisto si può detrarre con bonus mobili sono: cucine, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché materassi e apparecchi di illuminazione. Restano esclusi, invece, tende, tendaggi e complementi d’arredo. Gli elettrodomestici devono essere almeno in classe A+ (o A per i forni) e possono essere: frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.
Non sono menzionati, nella Guida dell’AdE, televisori e computer, per cui non c’è alcuna certezza che possano rientrare in questa categoria.

Guarda la video guida

Quali spese sono detraibili?

Sono detraibili le spese sostenute per l’esecuzione dei lavori, per l’acquisto dei materiali e per gli onorari dei professionisti coinvolti nell’intervento.
Sono detraibili anche le spese pagate per oneri concessori, diritti di segreteria, bolli, allacci per le utenze, ecc.

Chi può ottenere la detrazione?

I soggetti che possono usufruire delle agevolazioni sono non solo i proprietari degli immobili oggetto di intervento, ma anche inquilini, comodatari, usufruttuari o familiari conviventi del proprietario, che abbiano sostenuto le spese e a cui siano intestate le fatture.

Come si richiede la detrazione?

Non è necessario effettuare una richiesta, ma è sufficiente dichiarare i dati catastali dell’edificio oggetto di intervento in dichiarazione dei redditi, effettuare i pagamenti nella maniera giusta e conservare alcuni documenti.
I pagamenti devono essere effettuati unicamente con bonifico bancario o postale, e recare nella causale i seguenti dati:

  • nominativo, c.f. o p.iva del beneficiario del pagamento;
  • nominativo e c.f. di chi effettua il pagamento;
  • numero e data della fattura;
  • riferimenti normativi della detrazione richiesta.

Ormai tutte gli istituti di credito hanno predisposto una modulistica specifica per il cosiddetto bonifico parlante ma, in caso di mancanza, indichiamo quale deve essere la causale:

  • per la detrazione 50%: bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis del Dpr 917/1986 e successive modifiche – Pagamento fattura n. ___ del_____ a favore di________________ p.iva______________.
  • Per la detrazione 65%: bonifico relativo a lavori di risparmio energetico che danno diritto alla detrazione prevista dalla Legge 296/2006 e successive modifiche – Pagamento fattura n. ___ del_____ a favore di________________ p.iva______________ .

Unicamente per il bonus mobili ed elettrodomestici è consentito il pagamento anche con bancomat o carta di credito.
Questi i documenti da conservare per eventuali controlli dell’AdE:

  • copia di bonifici e fatture;
  • eventuali permessi per la realizzazione dell’opera o, quando non necessari, autocertificazione dei lavori realizzati;
  • eventuale notifica preliminare all’Asl in caso di presenza di almeno 2 imprese in cantiere.

Per la detrazione 65% è richiesto, inoltre, l’invio di una comunicazione telematica all’Enea, da effettuarsi entro 90 giorni dall’ultimazione dei lavori, che descrive il tipo di lavori eseguiti e il miglioramento delle prestazioni energetiche ottenute. Per alcune categorie di lavori oggetto di questa detrazione, è richiesto anche l’invio di un Attestato di Prestazione Energetica.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista con studio in Crispano (Napoli). Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare. È giornalista pubblicista. Il suo blog è www.guidaxcasa.it.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Lascia un commento

wpDiscuz