Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

Le acque reflue domestiche

di Architetto 4 commenti in

Cosa sono le acque reflue domestiche. Le acque nere, grigie e meteoriche

Le acque reflue domestiche sono quelle provenienti dai sistemi di scarico delle abitazioni, e vengono di solito distinte:

  • in acque nere provenienti dal w.c.
  • in acque grigie provenienti dagli altri apparecchi idrici di bagno e cucina
  • in acque meteoriche provenienti dalle precipitazioni atmosferiche e smaltite attraverso le pluviali.

Lo smaltimento delle acque reflue domestiche

Le acque provenienti dagli apparecchi igienici domestici e quelle meteoriche devono essere infatti smaltite attraverso due sistemi di canalizzazione separati, che possono essere eventualmente canalizzati congiuntamente solo all’esterno dell’edificio, in base a quanto stabilito dalla normativa nazionale e dai vari regolamenti locali.

Le due tipologie di impianto di scarico

Lo scopo dell’impianto di scarico è quello di allontanare le acque reflue dall’abitazione, facendole confluire nella fognatura urbana.

Esistono due tipi fondamentali di impianto di scarico: quello a doppia tubazione, in cui lo smaltimento di acque nere e grigie è separato e quello a tubazione unica, in cui esse confluiscono in un’unica colonna di scarico.

Quello a doppia tubazione è sicuramente un sistema più igienico, perché impedisce la formazione del reflusso delle acque del wc con la conseguente formazione di cattivo odore, però negli edifici più recenti, soprattutto nei condomini, in cui i servizi igienici sono incolonnati, si utilizza il sistema a tubazione unica.

Ogni apparecchio igienico (wc, bidet, doccia, vasca, lavandino, lavello, lavatoio), deve essere fornito di un sifone che lo collega all’impianto di scarico. Si tratta di un tubo dalla forma ricurva che ha lo scopo di impedire il ritorno delle acque di scarico e la formazione di cattivo odore. Esso deve essere ispezionabile, perché la forma ricurva può favorire l’accumulo di sostanze in sospensione che ne provocano l’ostruzione.

La stanza di soggiorno deve avere i una dimensione minima di 14 mq e in essa può essere compreso anche l’angolo cottura, dotato di impianto di aspirazione forzata per il piano cottura.

Per garantire il corretto funzionamento dell’impianto di scarico è importante progettare adeguatamente anche il sistema di ventilazione. Per far ciò, le estremità delle colonne di scarico devono essere aperte e posizionate all’esterno dell’edificio ad una certa altezza, in modo che i cattivi odori e i vapori non penetrino all’interno dell’edificio.
In fase di progettazione dell’impianto di scarico bisogna valutarne anche la rumorosità, facendo in modo che esso rispetti i requisiti acustici previsti dal DPCM 5.12.97 “Requisiti acustici passivi degli edifici– Impianti a funzionamento discontinuo”.

Riassumendo un impianto di scarico è costituito dalle seguenti parti:

  • tubazioni orizzontali che raccordano i singoli apparecchi alle colonne di scarico verticali: in realtà queste tubazioni non sono perfettamente orizzontali ma hanno una leggera pendenza di circa l’1% e anche maggiore per il w.c.;
  • tubazione verticale di scarico (colonna fecale);
  • pozzetti alla base delle colonne di raccordo alla fognatura (devono essere posizionati ad ogni cambio di direzione delle tubazioni);
  • sfiato di ventilazione sul tetto.

Gli scarichi delle acque reflue domestiche per le nuove abitazioni

Per i nuovi immobili è necessario presentare al comune una domanda di autorizzazione allo scarico delle acque reflue in fognatura. Ogni Comune ha però regole proprie e modulistica differente per effettuare la richiesta.
Vi rimandiamo pertanto ai siti dei vari enti locali o alla consulenza di un tecnico del posto.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista con studio in Crispano (Napoli). Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare. È giornalista pubblicista. Il suo blog è www.guidaxcasa.it.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

4 Comments su "Le acque reflue domestiche"

Ordina da:   più recente | meno recente

Buongiorno. E’ possibile scaricare le acque della cucina nella pluviale? Se si, serve un’autorizzazione? Per il Comune di Napoli.
Grazie

Le norme variano da comune a Comune. Alcuni impongono la separazione tra le acque meteoriche e quelle di scarico, perché hanno due sistemi fognari distinti, altri fanno confluire tutte le acque in un unico sistema di fognatura e richiedono la separazione solo per le nuove abitazioni. Dovrebbe informarsi consultando il Regolamento Edilizio di Napoli. architetto Carmen Granata

è possibile scaricare acque wc nella colonna dove scaricano solo le cucine grazie .

no devono essere convogliate separatamente

wpDiscuz