Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

La relazione notarile preliminare del mutuo

di CEO di CasaNoi.it 9 commenti in

La relazione notarile preliminare (RNP) è una certificazione notarile che la banca richiede prima dell’erogazione di un mutuo.

Nella relazione notarile preliminare, il notaio – incaricato da chi acquista casa e/o da chi contrae un mutuo ipotecario – identifica l’immobile, attesta in modo trasparente la proprietà e l’assenza di eventuali trascrizioni pregiudizievoli. Il notaio incaricato redige la relazione, poi l’invia alla banca, la quale a sua volta ne verifica il contenuto.

Ricapitolando, la RNP attesta alla banca le seguenti informazioni:

  • l’esatta identificazione dell’immobile che si acquista, con descrizione e dati catastali
  • l’attuale proprietario/i
  • i passaggi di proprietà degli ultimi 20 anni
  • l’esistenza eventuale di vincoli pregiudizievoli (ipoteche, pignoramenti, etc.).

A quale scopo viene richiesta?

Con la relazione notarile, la banca effettua queste verifiche:

  • identificazione dell’immobile ai fini dell’iscrizione ipotecaria: controlla che ci sia corrispondenza tra la descrizione/identificazione catastale della perizia e quella del notaio
  • identificazione del proprietario, per verificare che non si trovi in stato di fallimento/insolvenza e che sia legittimato a ricevere assegni ad erogazione del mutuo
  • assenza di trascrizioni pregiudizievoli, quali ipoteche, pignoramenti, sentenze, etc ,che possano pregiudicare la validità della propria ipoteca (normalmente le banche iscrivono ipoteca di primo grado). che possano pregiudicare la propria ipoteca.

Quando si effettua la RNP?

In caso di compravendita, generalmente la RNP viene effettuata poco prima della stipula, solo dopo che il proprietario ha consegnato tutti i documenti della casa e dopo che il tecnico della banca ha effettuato la perizia. In altre parole, prima la banca effettua la perizia e, se il valore è congruo e la documentazione in ordine, è possibile procedere all’incarico al notaio.

Chi contrae un mutuo acquisto casa, quali sono i documenti necessari da richiedere al venditore?

Quando si deve richiedere un mutuo acquisto casa, la banca richiede molti documenti relativi all’immobile. La banca, infatti, fa effettuare una perizia estimativa da un tecnico di fiducia, in quanto la casa rappresenta la garanzia ipotecaria per l’erogazione di un finanziamento importante. Spesso l’ottenimento di questi documenti richiede molto tempo e fatica, in quanto il proprietario stesso li deve ricercare.

Se già si è messo in conto di finanziare l’acquisto della casa, è buona norma richiedere al venditore per tempo i documenti della casa necessari alla Banca e al notaio per gli accertamenti e la relazione notarile preliminare:

Sono documenti molto importanti non solo per gli acquirenti, ma anche per la banca.

Articolo scritto da:

Giuseppe Palombelli

Leggi tutti gli articoli
Esperto in valutazioni e mutui ipotecari per privati ed imprese, ha lavorato in banche e società di distribuzione collegate. E' amministratore di società immobiliari e Ceo di CasaNoi. Per contatti: giuseppe@casanoi.it

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

9 Comments su "La relazione notarile preliminare del mutuo"

Buonasera, acquisto prima casa, la banca ha dato parere favorevole per il reddito, passato perito tutto bene, manca la relazione del notaio dato che doveva essere regolarizzato il mappale. Scade in proposta il termine per la delibera, se non vogliamo più comprare l’immobile perdiamo la caparra in deposito? A tutti gli effetti il mutuo senza relazione notarile lo si considera deliberato?

Gentile Benedetta, da quanto scrivi il mutuo è sostanzialmente deliberato; la stipula è subordinata alle verifiche tecnico-legali sull’immobile, che la banca esegue visionando la relazione notarile unitamente alla perizia già effettuata (perizia e relazione notarile devono riportare gli stessi identificativi catastali). Il ritardo è imputabile alla pratica catastale in corso. Non ho capito se vuoi acquistare la casa o se vuoi uscire dal contratto. Nel primo caso dovete prorogare la scadenza della proposta, in accordo con il venditore; nel secondo caso la questione è molto delicata. Se non trovi adesione da parte del venditore, ti suggerisco di chiedere assistenza ad… Read more »

Grazie mille Sig.Palombelli.

Buonasera volevo chiedere se c’ è possibilità che la banca concede mutuo in caso di donazione,se ci sono delle eccezioni per cui sia possibile.Grazie

Gentile Fra, dipende dalle politiche del credito; alcune banche intervengono. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

Buonasera,gradirei un’informazione,ho richiesto un mutuo per acquisto 1 casa e consolidamento debiti,è stata effettuata la perizia dell’immobile,e attendo la relazione preliminare da parte del notaio,la mia domanda è la seguente:
Ci sono possibilità che il mutuo nn venga deliberato,(dal punto di vista tecnico notarile tutto ok)la banca per richiedere una rnp ha una sua certezza nel l’erogazione.Mi potrei aspettare sorprese negative?

Gentile Luana, da quanto scrivi non è chiaro se l’istruttoria bancaria è stata conclusa. La certezza dell’erogazione l’avrai con la delibera definitiva della banca. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi.it

Buona sera, la domanda della signora è molto chiara, vostra risposta aleatoria. E vi spacciate anche per professionisti!
Buona serata

Gentile Igor, ti ribadisco che la Banca prima di erogare visiona la perizia e controlla la relazione notarile. Se non ci sono elementi negativi delibera definitivamente e passa alla fase contrattuale. Dalla relazione notarile a volte emergono criticità che bloccano l’operazione: ad esempio la continuità delle trascrizioni, una provenienza per donazione, pregiudizievoli. Ugualmente non basta che venga effetttuata una perizia per erogare un mutuo: è necessario che la banca la visioni e dia il suo benestare. I casi posssono esssere molteplici. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

wpDiscuz