Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?
Le guide di CasaNoi

Come si registra il contratto di comodato d’uso

di CEO di CasaNoi.it 34 commenti in

La registrazione di un contratto di comodato d’uso (vedi fac-simile di contratto) di un immobile può effettuarsi presso qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate (non è necessario recarsi presso l’ufficio del proprio domicilio fiscale). Il proprietario dell’immobile presenta richiesta di registrazione dell’atto e l’ufficio restituisce timbrate e firmate le copie degli atti registrati. Passo per passo, ecco cosa si deve fare allo sportello Agenzia delle Entrate

  1. Produrre due copie, con firma in originale, dell’atto da registrare (una per l’Uff.Registro, l’altra per proprietario. Al comodante va una semplice copia senza bolli) .
  2. Compilare il Modello 69 disponibile presso qualsiasi Agenzia delle Entrate e relativo alla richiesta di registrazione.
  3. Procurarsi una marca da bollo, da € 16,00, da applicare ogni 100 righe su ogni copia degli atti da registrare. Le marche da bollo non devono portare una data successiva alla data della stipula del contratto di comodato, per cui, se ad es. il contratto di comodato è firmato in data 1 settembre 2013, le marche da bollo non devono portare una data successiva al 1 settembre 2013.
  4. Effettuare il versamento, tramite modello F23, dell’imposta di registro, pari ad € 200,00. Il codice tributo da indicare è 109T.
  5. Portare in Agenzia delle Entrate le copie degli atti da registrare, le fotocopie delle carte d’identità del comodante e del comodatario, le marche da bollo, il Modello 69 compilato e la copia del modello F23 attestante il versamento dell’imposta di registro.

 

Ecco i link all’Agenzia delle Entrate per Istruzioni per la compilazione del Modello 69 e Istruzioni per la compilazione del modello F23.

Articolo scritto da:

Giuseppe Palombelli

Leggi tutti gli articoli
Laureato in scienze agrarie, ha lavorato in diverse realtà del settore immobiliare-finanziario: valutazioni estimative, manager in banche e società di distribuzione collegate (mutui fondiari retail e corporate), amministratore di società immobiliari e di costruzioni, altre organizzazioni. Da una sua idea imprenditoriale, condivisa in team, ha fondato CasaNoi

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

34 Comments su "Come si registra il contratto di comodato d’uso"

Salve,

Il comodatario può fare la richiesta di registrazione del contratto di comodato presso all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate?

Complimenti per l’ottimo lavoro con il blog.

La ringrazio in anticipo.

Gentile Rafael, la registrazione puà essere effettuata da parte di entrambi i contraenti: anche dal comodatario. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

Chi deve pagare la registrazione di un contratto di comodato D ‘uso di un immobile, proprietario o comodatario?

Gentile Bruna, il comodato è un atto di cortesia del proprietario verso un’altra persona a cui viene permesso l’uso gratuito di un proprio bene immobile. Non esiste una regola per il comodato per la ripartizione della spesa di registrazione. Nella locazione, dove c’è un rapporto economico, la spesa di norma viene ripartita a metà, salvo diverso accordo. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

salve, ho comprato una casa a torino ,per farci abitare mio figlio, ma e andato al comune per chiedere il cambio di indirizzo e non potevano farlo, in quanto si doveva fare un comodato d’uso gratuito,preciso che io abito in altro comune. Vorrei sapere se va registrato anche questo contratto oppure no. La ringrazio anticipatamente. 22/04/17

Gentile lettore, alcuni comuni richiedono una dichiarazione del proprietario che acconsente alla residenza nell’immobile di priprietà; nel suo caso immagino che il comune richieda un contratto di comodato registrato. Suo figlio può chiedere. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

Buon giorno
Devo registrare un contratto di comodato d’uso gratuito, se faccio una delega al comodatario quest’ultimo può recarsi all’agenzia per la registrazione dello stesso essendo io impossibilitato ?
Grazie

Gentile Fabio, puoi comodamente effettuare una registrazione telematica tramite un professionista. Comunque può provvedere ciascun dei contraenti. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

Salve io sono un ragazzo divorziato di cui vorrei portare la residenza in casa della fidanzata ma lei a paura ke in futuro ci si potrebbero essere dei problemi kol mio passato un comodato d’uso gratuito degli arredi ed elettromestici mi potrebbe aiutare z la mia soluzione colgo loccasione x porgervi i miei saluti

Gentile Federico, non capisco quali timori può avere la tua fidanzata se convivete nella casa dove vive senza alcun compenso per te né contratto. Per la residenza basta una semplice dichiarazione del proprietario. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

wpDiscuz