Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Ristrutturare la cucina: interventi utili e fasi

di 0 commenti

La cucina non è solo la stanza nella quale prepari pranzi e cene, ma è anche il luogo dedicato alla convivialità, dove amici e parenti si riuniscono per consumare insieme i pasti.

Proprio questo aspetto lo rende uno degli ambienti più importanti della casa, da curare nei minimi dettagli quando si decide di ristrutturare il proprio appartamento.

Al fine di ottenere un risultato soddisfacente in grado di unire piacevolezza estetica e funzionalità, è possibile ricorrere a un servizio di  ristrutturazione chiavi in mano.

Un gruppo di professionisti, affiancato da ditte specializzate e fornitori, provvederà a trasformare la cucina in un ambiente moderno e confortevole, in grado di soddisfare le esigenze del cliente.

Ristrutturare la cucina: quali interventi?

Ristrutturare cucina

Nel momento in cui ci si appresta a ristrutturare la cucina, non ci si può limitare a sostituire i vecchi mobili, ma è fondamentale prendere in considerazione degli interventi che permettano di migliorare l’impianto idrico e ridurre i consumi.

Nel caso di opere di ristrutturazione che prevedano la riduzione dell’impatto ambientale e il miglioramento della classe energetica dell’abitazione, si potrà richiedere il bonus casa e il bonus mobili del 50% oppure il superbonus del 110%.

Tra gli interventi che permettono di richiedere questi bonus troviamo la sostituzione degli infissi, l’acquisto di mobili ed elettrodomestici a basso impatto ambientale, l’installazione di impianti per il fotovoltaico, la sostituzione delle caldaie.

Tra gli interventi di ristrutturazione non solo utili, ma anche fondamentali, soprattutto se la cucina è molto vecchia e non viene ristrutturata da diversi anni, sono:

  • rifacimento dell’impianto idrico
  • sostituzione degli infissi
  • tinteggiatura delle pareti
  • rifacimento della pavimentazione
  • sostituzione degli elettrodomestici e dei mobili.

In alcuni casi potrebbe essere necessario rinnovare anche l’impianto del gas e quello elettrico.

Ristrutturazione  della cucina: tutte le fasi

La ristrutturazione della cucina richiede tempo. Per prima cosa è necessario contattare l’azienda di interior design alla quale affidare il rinnovo del locale.

Dopo il primo contatto, si dovrà fissare un appuntamento per il sopralluogo del locale da ristrutturare. A questo incontro partecipa solitamente anche l’architetto che seguirà i lavori.

Una volta stabilita la tipologia di lavori che si intende eseguire, l’azienda provvederà a realizzare un progetto di ristrutturazione, nel quale verranno indicati tutti i lavori da eseguire, compresa la scelta e la disposizione dei mobili.

Quando il progetto sarà stato approvato dal cliente, l’azienda si occuperà di contattare i fornitori e le ditte che eseguiranno i lavori, nonché del disbrigo delle pratiche burocratiche.

Inizio dei lavori

A seconda del tipo di intervento che è stato richiesto, dopo aver svuotato il locale, eliminando il vecchio mobilio e gli elettrodomestici, i vari professionisti coinvolti provvederanno a rimuovere le vecchie tubature e gli impianti da sostituire.

Fatto questo, la ristrutturazione procederà con la posa dei nuovi impianti.
Verranno quindi rimessi a nuovo i pavimenti e le pareti e  si provvederà alla sostituzione degli infissi.

Per finire verranno posizionati i nuovi mobili e gli elettrodomestici.

Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
CasaNoi è il sito verticale sulla casa, con tante guide, informazioni e notizie utili, consultato ogni giorno da chi la vuole arredare, ristrutturare (interni ed esterni), dotare di nuovi impianti, acquistare, affittare. Le rubriche del blog: Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, Architettura, Terrazzi e giardini, Attualità e legislazione, Mercato immobiliare, Compravendita e Affitto e molto altro.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *