Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Rivestimenti in resina: quali vantaggi?

di 0 commenti

Resina non solo per i pavimenti

rivestimenti in resina satinata
Pavimento in resina satinata – Foto tratta da pavimentomoderno.it

La finitura in resina è una scelta molto moderna, adatta ad ambienti contemporanei.

La resina è infatti un materiale che si posa direttamente in opera anche su altri rivestimenti preesistenti senza che sia necessaria la loro rimozione e per questo motivo sta riscuotendo negli ultimi anni un discreto successo soprattutto per la realizzazione di pavimenti.

Ma il materiale può essere utilizzato per rivestire anche pareti, piani di lavoro e mobili. Insomma, si tratta di un materiale davvero molto versatile.

La sua versatilità  rende la resina adatta a qualunque ambiente della casa.

Pensate che potete utilizzarlo dal garage fino alle stanze più “difficili” della casa come bagni e cucine.

L’utilizzo in locali come garage e cantine è forse quello originario perché derivante dall’uso in ambienti industriali.

Il suo perfezionamento con finitura e aspetto più elegante ha portato poi la resina  in casa dove può essere utilizzata per realizzare appunto pavimenti caratterizzati da superfici senza soluzione di continuità.

La resina può però essere posata tranquillamente anche in ambienti umidi come bagni e cucine perché impermeabile e immune all’azione di agenti chimici. Evita inoltre la formazione di muffe e di agenti batterici.

I pregi di un rivestimento in resina

I vantaggi della scelta di un rivestimento in resina sono numerosi.

Vi ho già detto della comodità di avere un pavimento continuo privo di fughe, elemento che amplifica le dimensioni degli spazi.

A ciò occorre aggiungere che se scegliete la resina con una finitura lucida o semilucida otterrete in più un’amplificazione della luminosità naturale degli ambienti.

Leggi  Posa in opera di pavimenti: come disporre i vari formati?
rivestimenti in resina: Pavimento in resina ResinFloor
Pavimento in resina ResinFloor

Dal punto di vista estetico, la resina è un rivestimento senza tempo che resiste alle mode e ai mutamenti di gusto. Potrete quindi anche cambiare nel tempo mobili e stile della vostra casa, senza aver bisogno di modificare pavimento e rivestimenti.

Il materiale è particolarmente adatto alla camera dei più piccoli perché ha un livello di igiene molto elevato, è completamente atossico e in più è anche antiscivolo.
Il pavimento in resina è anche semplice da pulire e manutenere nel corso del tempo.

Anche se si può applicare direttamente su un massetto in cemento durante la costruzione, uno degli elementi a suo favore è la possibilità di posarlo su un pavimento esistente senza demolire.

Lo spessore finale è di circa 3 mm, per cui non è necessario apportare modifiche alle porte.

Colori e finiture per rivestimenti in resina

rivestimenti in resina: Rivestimento bagno in resina Elekta
Rivestimento bagno in resina Elekta

Le nuance che meglio si adattano a un rivestimento in resina sono quelle neutre, come le sfumature di grigi, beige e tortora che si adattano bene a ogni stile di arredamento.

Bianco e nero sono invece soluzioni più “estreme” e di difficile abbinamento. Il primo, in particolare, è un colore che si adatta ad ambienti minimalisti.

Per locali dove si può scegliere un tocco più vivace, invece, come le camere dei ragazzi, potrete optare per colori come quelli primari, giallo, rosso o blu.

Per quanto riguarda le finiture potrete scegliere tra gli effetti opachi e quelli lucidi, mentre per ambienti dal gusto più particolare potrete far realizzare finiture cangianti e variegate con l’aggiunta di particolari additivi.

Chi non teme di “osare” potrà inglobare oggetti, decorazioni o disegni all’interno dello strato in resina.

Leggi  Come calcolare la metratura del parquet da acquistare
rivestimenti in resina: Rivestimento cucina Resina Valtellina
Rivestimento cucina Resina Valtellina

Questo particolare tipo di finitura si ottiene inserendo l’elemento decorativo su uno strato di sottofondo per poi procedere a una finitura finale con uno strato di resina trasparente.

L’applicazione avviene per strati successivi dei quali si deve attendere di volta in volta la completa asciugatura.

Consigli per la posa in opera della resina

La resina è un materiale che si posa allo stato fluido. Si autolivella e indurisce solo dopo la posa fino a diventare una superficie solida e duratura nel tempo.

Per ottenere questo risultato però è importante che gli strati sottostanti siano in perfette condizioni per garantirne la tenuta.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *