Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Come scegliere il lavabo per il bagno

di 0 commenti

Tipologie di lavabo per il bagno

Scegliere il lavabo da installare in bagno non è semplice, perché ne esistono numerose tipologie diverse:

  • sospeso
  • da incasso
  • a semincasso
  • da appoggio
  • integrato
  • a sbalzo
  • monoblocco
  • a colonna.

La scelta della tipologia giusta dipende non solo dai gusti personali in fatto di arredo, ma anche dalle proprie abitudini e dallo spazio a disposizione in bagno.
Esaminiamo quindi le caratteristiche dei vari modelli.

Lavabo sospeso

Il lavabo sospeso è fissato direttamente alla parete tramite staffe o tasselli. E’ quindi completamento libero nella parte inferiore e presenta una linea essenziale e pulita.
Di contro, necessita di essere integrato con mensole o mobili per poter ricavare dei punti di appoggio.

Questo tipo di lavabo è tradizionalmente realizzato in ceramica, per cui è anche più economico rispetto ad altri modelli.
Oggi è però possibile utilizzare per la sua costruzione anche materiali più ricercati, come il Corian, materiale costoso ma molto malleabile, che permette quindi di realizzare forme molto originali.

Solitamente il lavabo sospeso presenta il sifone a vista. Oggi è possibile però rimediare anche a questo inconveniente estetico, ad esempio utilizzando particolari materiali di rivestimento della parete che tengono nascoste le tubazioni.

La rubinetteria può essere installata nella classica soluzione inserita nel lavandino, ma anche a parete.

Lavabo da incasso o semincasso

Lavabo a semincasso Ideagroup
Lavabo a semincasso Ideagroup

Il lavabo da incasso è inserito in un top tagliato a misura e può essere:

sopra piano
sotto piano.

Nel primo caso, il bordo sporgerà al di sopra del top, mentre nel secondo la ceramica scomparirà completamente sotto di esso.

Di solito il lavabo è in ceramica, mentre il top può essere scelto in materiali differenti (marmo, legno, vetro, ecc.).

Il top deve però essere profondo almeno 50 cm, per cui questa soluzione richiede abbastanza spazio.
Se non ne avete a sufficienza, potete adottare la soluzione a semincasso, dove una parte del lavabo è incassata nel top, mentre la restante sporge.
In questo caso l’ingombro del mobile si può ridurre fino a 35 – 40 cm.

Lavabo integrato

Lavabo integrato Porcelanosa
Lavabo integrato Porcelanosa

Il lavabo integrato è costituito da una superficie unica e continua comprendente top e bacino.
E’ una soluzione più costosa rispetto ai tradizionali lavabi da incasso o semincasso, ma decisamente più moderna.

Questo tipo di lavabo non è vincolato alla profondità del top: è possibile scegliere versioni da 50 cm, come da 35 – 40 cm. Queste ultime saranno soltanto più scomode perché il lavandino sarà più piccolo.

Il lavabo a sbalzo rappresenta invece una soluzione alternativa tra quello a semincasso e quello integrato. Si tratta infatti di un lavabo integrato, ma in parte sporgente dal piano. Costituisce un’ottima scelta se gli spazi in bagno sono ridotti.

Lavabo da appoggio

Lavabo da appoggio Hidra
Lavabo da appoggio Hidra

Il lavabo da appoggio rappresenta la soluzione più moderna e di maggiore tendenza. Il lavabo, solitamente realizzato in ceramica, viene appoggiato su un piano preforato e può presentare le forme più svariate, per cui è una scelta dal notevole risultato estetico.

La rubinetteria può essere a parete, oppure appoggiata sul piano in diversi modi. Il rubinetto deve essere un miscelatore con canna alta.

Fate particolare attenzione all’altezza del piano. Solitamente il top è posizionato a un’altezza di 85 – 90 cm. Con un lavabo da appoggio, deve essere invece posto più in basso, in modo che l’altezza totale, comprensiva del lavandino, raggiunga queste dimensioni.
In caso contrario, l’utilizzo del lavabo sarebbe troppo scomodo.

Lavabo a colonna

Il lavabo con il catino appoggiato a una colonna in ceramica rappresenta la tipologia più classica e oggi è poco utilizzato.

Viene scelto di solito per arredare bagni dal gusto retrò, oppure per il secondo bagno, visto che il suo costo è piuttosto economico.

Lavabo monoblocco

La soluzione monoblocco comprende un corpo unico di cui fanno parte sia il lavabo che la colonna, nascondendo tutte le tubazioni.

Ne esistono due versioni:

  1. sospesa da terra e fissata a muro
  2. con appoggio a terra.

Quest’ultima tipologia è stata pensata specificamente per l’installazione a centro stanza: naturalmente in questo caso sono richiesti interventi di muratura, perché gli scarichi devono essere portati a terra.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli

Architetto libera professionista con studio in Crispano (Napoli). Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare. È giornalista pubblicista. Il suo blog è www.guidaxcasa.it.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Lascia un commento

wpDiscuz