Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Tecla, casa in argilla stampata in 3D

di 0 commenti

Cos’è “Tecla”?

Tecla è un prototipo di casa in argilla stampata in 3D nata dalla genialità di una start up tutta italiana e in corso di realizzazione a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna.
La costruzione è iniziata nel settembre di quest’anno e dovrebbe concludersi con ogni probabilità all’inizio del prossimo.

Tecla, la casa in argilla stampata in 3D
Tecla, interni

Il progetto è stato sviluppato dallo studio Mario Cucinella Architects (specializzato in architettura ecosostenibile) in collaborazione con WASP (World’s Advanced Saving Project), un’azienda italiana leader nel settore della stampa tridimensionale.

Il nome del progetto costituisce un omaggio a Italo Calvino, visto che ricorda quello di una delle città immaginarie descritte nel suo celebre libro “Le città invisibili”.

La tecnologia utilizzata è la Crane WASP che prevede l’utilizzo simultaneo di molteplici stampanti collaborative.

Gli obiettivi del progetto Tecla

La tecnologia con cui è realizzata Tecla risponde a una duplice esigenza: da un lato ecologica e dall’altro sociale.

Tecla è realizzata infatti con un materiale come l’argilla, biodegradabile e riciclabile, che percorre l’obiettivo di limitare la produzione di rifiuti nel processo produttivo.
La terra cruda utilizzata allo scopo viene raccolta nel luogo stesso in cui la casa è costruita.

Dall’altro lato, però, è pensata anche per offrire la possibilità di realizzare alloggi a prezzi accessibili a tutti.

Come tutti sappiamo, la popolazione mondiale è in aumento esponenziale e, di conseguenza, diminuiscono le abitazioni disponibili. Proprio per questo si stanno studiando soluzioni abitative pensate per offrire un riparo a persone in qualsiasi condizione economica.

La stampa 3D da questo punto di vista rappresenta una risposta piuttosto interessante, perché permette di costruire edifici in tempi molto più rapidi rispetto alle tecnologie tradizionali.

Inoltre l’uso di materiali come l’argilla è pensato per ridurre al minimo gli scarti e le emissioni nocive in ambiente.

Come è fatta la casa in argilla?

Tecla, insediamento

Tecla, la casa in argilla stampata in 3D, è formata da una cellula base standard, la cui forma circolare si può riadattare secondo il contesto di rifermento.

Di base, si compone di due volumi che si compenetrano, di cui uno contiene la zona giorno e l’altro la zona notte con bagno.

All’esterno è presente un lago per la raccolta delle acque meteoriche e delle acque grigie, che possono essere riutilizzate per l’irrigazione del giardino, dopo essere state sottoposte a un processo di fitodepurazione.

L’energia elettrica che alimenta la casa viene prodotta da pannelli solari fotovoltaici.

La costruzione avviene attraverso il montaggio delle varie parti realizzate con la stampa in 3D replicabile in diversi contesti e a differenti dimensioni.

Chi è WASP, l’azienda che ha realizzato Tecla

dal nido di vespa vasaio a Tecla, casa di argilla stampata in 3D
Nido di fango della vespa vasaio

Come dichiara il fondatore dell’azienda Massimo Moretti, l’acronimo WASP prende ispirazione dalla vespa vasaio, che modella con il fango il proprio nido.

L’azienda realizza case stampate in 3D usando terra a chilometri zero, unendo quindi la più innovativa tecnologia moderna al materiale più antico conosciuto dell’uomo.

E’ dal 2012 che l’azienda sviluppa processi di costruzione basati su principi di economia circolare, ovvero in grado di rigenerarsi da se stessa e quindi ecosostenibile.

Articolo scritto da:

Carmen Granata

Leggi tutti gli articoli
Architetto libera professionista e giornalista pubblicista. Si occupa di progettazione e consulenza immobiliare anche online. Servizi dello Studio di Architettura Granata

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *