Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

Cambio di residenza e decadenza agevolazioni prima casa

di 8 commenti

Abitazione - Cambio residenza e decadenza agevolazioni prima casa

Oggi  vediamo da vicino un caso di decadenza dalle agevolazioni prima casa per il mancato cambio di residenza entro i 18 mesi previsti dalla legge.

Nel 2010, la nostra lettrice Veronica ha acquistato una casa all’asta fuori dal suo comune di residenza e ha usufruito delle agevolazioni prima casa. Entro 18 mesi non le è stato possibile trasferire la sua residenza in quel comune e, quindi, è decaduta dalle agevolazioni. Infatti, sta attendendo la penale da pagare.

Ora vuole sapere se potrà acquistare una nuova abitazione con le agevolazioni prima casa, corrispondendo al Fisco quanto dovuto. La risposta è sì.

Naturalmente dovrà prima pagare la differenza di imposta, le sanzioni e gli interessi e – per ridurre l’ammontare degli interessi dovuti – le converrà anticipare l’accertamento dell’Agenzia delle Entrate e richiedere il conteggio.
Ma una volta pagato quanto dovuto, Veronica potrà richiedere le agevolazioni fiscali per acquistare una nuova casa.

Leggi  Acquisto casa agevolato quando la prima casa non è idonea
Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
CasaNoi.it è la piattaforma dedicata all'incontro diretto tra offerta e ricerca di case. Il blog di CasaNoi si occupa delle tematiche della casa: Compravendita e Affitto, Mercato immobiliare, Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, e molto altro.

Ti potrebbero interessare

8 commenti su “Cambio di residenza e decadenza agevolazioni prima casa
Inserisci un nuovo commento

  1. buongiorno.
    ho acquistato con agevolazioni prima casa nel maggio 2015 a dicembre stesso anno ho trasferito residenza.
    nel 2017 e 2018 affitto totalmente appartamento perché disoccupata e dormo in altra città a distanza di 25 km con amica che ora mi ha aiutata a trovare lavoro come tata regolare contratto.
    posso chiedere al comune dove lavoro residenza? il comune della prima casa mi ha inviato accertamento residenza e a dicembre scade mi cancelleranno dalle liste dei residenti.
    cosa posso fare senza perdere agevolazioni fiscali ?
    e se le permessi cosa vado incontro.?
    pago Imu e tasi ? e l’Iva che ho pagato al 4%??
    grazie …scusate ma sono disperata connivenza vigili che passano a sorpresa per sapere dove sono, manco fossi wanted.
    Anna

    1. Gentile Anna Rita
      – certamente puoi trasferire la residenza ma quando richiedi residenza serve conferma da parte della tua amica quale proprietaria
      – poiché la casa è affittata sei tenuta a pagare IMU e TASI
      – non perdi le agevolazioni all’acquisto prima casa (iva al 4%), a meno che non vendi prima dei 5 anni (a maggio 2010 non hai più vincoli).
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  2. Buongiorno. Ho un caso da esporvi. La mia compagna ha acquistato un appartamento come sua prima casa. Fino a prima dell’ acquisto viveva in affitto in un comune diverso da quello dove ha acquistato l’ appartamento.
    Ora, vorremmo vivere insieme nella casa di mia proprietà. Come ci si deve comportare? La mia compagna ha l’ obbligo di portare la residenza nel suo appartamento o la può portare da me? Inoltre, tra un po’ di tempo l’appartamento acquistato da lei verrebbe messo in vendita o affittato. Come ci si deve comportare in tal caso? Si perdono le agevolazioni fiscali? Ci sono sanzioni?
    Grazie in anticipo

    1. Gentile Stefano, distinguiamo tra:
      esenzione IMU: la tua compagna trasferendo la residenza perde questo diritto. idem se affitta la casa
      decadenza agevolazioni fiscali acquisto prima casa: in caso di vendita prima dei 5 anni senza riacquisto di abitazione principale
      plusvalenza: in caso di vendita prima dei 5 anni (escluse abitazioni principali).
      Trovi sviluppati gli argomenti nelle guide / post del ns blog.
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  3. Buongiorno, vorrei se possibile avere una informazione in merito al mio caso. Ho acquistato la prima casa godendo delle relative agevolazioni nel 2015. Ad oggi ho ricevuto una offerta di lavoro che se decidessi di accettare mi porterebbe a trasferirmi in un’altra regione. Se decido di vendere la casa, non essendo trascorsi i 5 anni e non ho intenzione di comprarne una nel luogo in cui mi trasferisco, incorro in sanzioni o esistono condizioni di “forza maggiore” che il fisco italiano ammette e gestisce? Grazie mille.

  4. Volevo sottoporvi un caso particolare. Supponiamo che una persona sposti la residenza entro 18 mesi nella casa per cui ha usufruito delle agevolazioni. Le agevolazioni non decadono e tutto è in regola. Successivamente, dopo pochi mesi, un anno, due anni, ecc ecc… cambia nuovamente residenza trasferendola in un’altra casa. Cosa succede? Si continua ad essere in regola oppure si perde l’agevolazione? Grazie.

    1. Gentile lettore, a mio giudizio è sufficiente trasferire la residenza entro i 18 mesi (dalla data del rogito) nel comune dove si acquista per non “decadere” dalle agevolazioni. Si può quindi spostare successivamente la residenza senza incorrere in sanzioni. Il Fisco potrebbe però contestare comportamenti manifestatamente elusivi. Un cordiale saluto.
      Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *