Agevolazioni “prima casa” aggiornate 1.1.2015

832 commenti

quadro di Lyonel FeiningerIstituite a partire dal 1982 dal governo italiano per favorire l’acquisto di immobili ad uso abitativo, le agevolazioni sulla prima casa sono un utile strumento di risparmio a disposizione dell’acquirente. Ma chi ne ha effettivamente diritto? Di seguito trovate  le indicazioni complete e aggiornate al 1° GENNAIO 2015.

Chi ha diritto alle agevolazioni “prima casa”

Per poter usufruire delle agevolazioni “prima casa”, l’acquirente deve avere i seguenti requisiti di massima:
 

1) non essere in possesso di altro immobile già acquistato con le agevolazioni prima casa;

 

2) non essere proprietario esclusivo (o in comunione con il coniuge) di altra abitazione nello stesso comune in cui è situato l’immobile che sta acquistando;

 

3) avere la residenza nel comune, oppure dichiarare nell’atto di acquisto di voler stabilire entro 18 mesi la residenza nel comune in cui è situato l’immobile che sta acquistando.

 
Pertanto l’ottenimento delle agevolazioni “prima casa” non è vincolato al fatto che l’immobile acquistato diventi l’abitazione principale dell’acquirente. Può infatti essere acquistata con le agevolazioni “prima casa” anche un’abitazione affittata o da affittarsi dopo l’acquisto.
 
L’agevolazione prima casa non riguarda le abitazioni classificate di lusso, a prescindere dai requisiti dell’acquirente. Per abitazioni di lusso, che non godono delle agevolazioni prima casa, si intendono gli immobili ad uso abitativo appartenenti alle categorie catastali:

  • A/1 abitazioni di tipo signorile

  • A/8 ville

  • A/9 castelli/palazzi

Il proprietario o comproprietario di un’abitazione può usufruire delle agevolazioni “prima casa” quando sta per acquistarne un’altra?

Occorre distinguere diversi casi.
 
1) L’agevolazione spetta se la proprietà dell’immobile è pervenuta a titolo gratuito (come avviene in caso di eredità), ad eccezione del caso al punto 2)b di seguito descritto.
 
2) Non spetta invece se l’acquirente è:

a) già proprietario o comproprietario di un immobile, o anche di una porzione di immobile acquistato in tutto il territorio nazionale con l’agevolazione “prima casa”;

b) già proprietario esclusivo o in comunione con il coniuge di abitazione nel medesimo comune.

 
Unica eccezione la troviamo quando il comproprietario di una porzione di immobile, acquistato con l’agevolazione “prima casa”, incrementa la sua quota acquistando un’ulteriore quota dello stesso immobile: ad esempio, se un comproprietario al 50% acquista l’ulteriore 50% della casa.
Solo in questo caso è possibile usufruire dell’aliquota ridotta.

Come e quando si richiedono?

Le agevolazioni prima casa si richiedono direttamente e semplicemente al notaio durante il rogito per l’acquisto.

La decadenza delle agevolazioni prima casa

Ricapitolando, la perdita delle agevolazioni prima casa avviene nei casi in cui il beneficiario:

  • ha dichiarato il falso

  • non ha la residenza nel comune della prima casa entro i 18 mesi previsti

  • vende o dona l’immobile prima dei 5 anni dall’acquisto e non riacquista un’altra prima casa entro un anno.
    Comunque, chi vende casa prima dei 5 anni può evitare le sanzioni, presentando un’istanza all’Agenzia delle Entrate.

 
Leggi tutti i casi particolari relativi alle agevolazioni prima casa (nuda proprietà, casa all’estero, cambio di residenza, vendita della casa prima dei 5 anni, ecc).

 

Guarda la video guida del notaio

L’esperto di CasaNoi, il notaio Federico Alcaro, spiega cosa sono e come funzionano le Agevolazioni prima casa.

 

Sei un privato?
Pubblica subito i tuoi annunci gratuiti su CasaNoi.it

Iscriviti alla nostra newsletter
Riceverai notizie, aggiornamenti e consigli utili per la casa. La tua!

Iscriviti

Ti può interessare anche

Lascia un commento

832 Comments su "Agevolazioni “prima casa” aggiornate 1.1.2015"


Lettore
giovanni
15 giugno 2015

In riferimento alle agevolazioni prima casa le vorrei chiedere quanto segue: ho acquistato la prima casa ad agosto 2014 che è in fase di ristrutturazione e quindi non è abitabile. Per la ristrutturazione ho acceso un mutuo ipotecario. Ho la residenza nello stesso comune
della casa acquistata, ma non nella casa stessa perchè inabitabile. Vorrei chiederle se con queste condizioni posso usufruire delle agevolazioni fiscali per la prima casa, poi per le detrazioni fiscali per ristrutturazione edilizia, ed inifine se posso portare in detrazione gli interessi passivi del mutuo,
Grazie ed un cordiale saluto.

Esperto
19 giugno 2015

Gentile lettore, per le agevolazioni all’acquisto non hai problemi di decadenza poichè hai già la residenza nel comune. La detrazione degli interessi del mutuo è possibile se trasferisci residenza e dimora abituale entro 12 mesi dall’acquisto. Per la ristrutturazione in linea generale hai diritto alle detrazioni. Approfondisci l’argomento anche ai fini dell’iva agevolata al 10% (non sempre è possibile: dipende dal tipo di intervento edilizio). Un cordiale saluto.
Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

Lettore
emilio sfondrini
7 giugno 2015

salve,io e mia sorella nel 1991 abbiamo acquistato un fabbricato con annesso terreno edificabile senza utilizzare l’agevolazione della 1 casa di cui disponiamo la nuda proprietà ciacuno per il 50% (i miei genitori hanno il 50% ciascuno di usofrutto. Nel 1992 abbiamo costruito sul terreno in questione utilizzando la detrazione 1 casa..Ora , nello stesso Comune stiamo acquistando dal costruttore un appartamento; abbiamo diritto ad usufruire della detrazione ! casa visto che è stata utilizzata per costruire e non per acquistare?,

Esperto
19 giugno 2015

Gentile emilio, in linea di massima potrai chiedere le agevolazioni all’acquisto dell’abitazione dal costruttore. Infatti:
1) non possiedi altra abitazione su tutto il territorio nazionale acquistata con agevolazioni fiscali;
2) non possiedi nello stesso comune altra abitazione a titolo esclusivo (hai una quota di nuda proprietà);
3) hai già la residenza nel comune dove intendi acquistare. Comunque approfondisci con il notaio.
Un cordiale saluto,
Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

Lettore
Luca Strano
5 giugno 2015

Salve sono proprietario di una casa con mutuo prima casa completato ed ho intenzione di comprarne un’altra dove porterò la residenza immediatamente dopo l’acquisto.
L’immobile che voglio acquistare si trova in un altro comune e stessa provincia.
Posso usufuire delle agevolazioni prima casa nel caso che non vendo oppure affitto l’immobile precedentemente acquistato con agevolazione?grazie.

Esperto
19 giugno 2015

Gentile utente, solo se prima vendi l’attuale abitazione potrai richiedere nuovamente le agevolazioni fiscali per il nuovo acquisto. Ai fini delle imposte comunali, è l’abitazione principale che potrà avere esenzioni/riduzioni di imposta, a prescindere se è stata o meno acquistata con le agevolazioni. Ti ricordo che l’abitazione principale è l’abitazione di proprietà dove si ha la residenza e dove dimora abitualmente il nucleo familiare.
Un cordiale saluto. Continua a seguire CasaNoi.
Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

Lettore
gabriele fidanza
31 maggio 2015

per motivi di età non sono più in grado di abitare nella mia “prima casa” senza ascensore. Vorrei venderla e ricomprarne una più adatta.
Il problema è far coincidere i tempi fra vendita ed acquisto per poter usufruire su quest’ultimo dell’agevolazione “prima casa”. Esiste una qualche previsione di legge che mi eviti penosi inconvenienti in caso di non coincidenza delle due operazioni? Grazie

Esperto
5 giugno 2015

Gentile lettore,
la risposta è negativa. Se acquisti la nuova abitazione senza prima aver venduto quella acquistata con le agevolazioni fiscali, dovrai pagare imposte piene.
Un cordiale saluto
Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi

Lettore
Daniele
26 maggio 2015

Salve, devo acquistare un’abitazione con l’agevolazione della prima casa, dovendola ristrutturare, posso usufruire dell’iva al 4% come prima casa?….grazie

Esperto
5 giugno 2015

Gentile lettore,
da quanto scrivi ristrutturerai te l’abitazione dopo averla acquistata. In questo caso l’iva è al 10% (NOTA BENE: le ristrutturazione sono definite dall’Agenzia dell’Entrate). Cosa diversa è se effettui un’”acquisto ristrutturato”, ovvero se acquisti un’abitazione ristrutturata dall’impresa di costruzioni. Ti invitiamo ad approfondire: nella nostra sezione “siti utili per la casa” e troverai tutte le circolari e le informazioni.
Un cordiale saluto
Giuseppe Palombelli, CEO di CasaNoi