Vuoi apparire su CasaNoi con la tua azienda?

La successione e le agevolazioni prima casa

di 304 commenti

Le agevolazioni prima casa in caso di successione e successivo acquisto

Successione e agevolazioni prima casaAbbiamo ricevuto molte domande da parte dei nostri lettori sulla possibilità di acquistare con le agevolazioni prima casa una nuova abitazione, quando già si possiede un’altra casa in eredità e per cui sono state pagate le imposte “prima casa” in sede di successione.

Cerchiamo di chiarire questo punto.

Non dobbiamo confondere le agevolazioni all’acquisto prima casa con le agevolazioni d’imposta prima casa in caso di successione.
Il legislatore non preclude a nessuno la possibilità di acquistare casa con le agevolazioni, neanche a chi ha ricevuto una casa per successione pagando le imposte ridotte.

Non si possono richiedere le agevolazioni prima casa per un successivo acquisto (a titolo oneroso), quando si verificano contemporaneamente queste due condizioni:

  • la persona possiede a titolo esclusivo o con il coniuge l’abitazione ricevuta in successione
  • l’abitazione ricevuta in successione ricade nello stesso comune dove si vuole acquistare la nuova casa

In tutti gli altri casi, si possono chiedere le agevolazioni al nuovo acquisto.
Ad esempio:

  • quando si possiede solo una parte dei diritti di proprietà: nuda proprietà, usufrutto, comproprietà / proprietà non esclusiva.
  • quando si ha la proprietà esclusiva (o con il coniuge) di un’abitazione situata in un comune diverso da dove si acquista

Le agevolazioni prima casa in caso di donazione o successione quando si possiede un’abitazione acquistata (a titolo oneroso) con le agevolazioni fiscali

Viceversa non è possibile usufruire della agevolazione per l’acquisto gratuito (donazione e successione) se si possiede un’abitazione acquistata a titolo oneroso con agevolazione prima casa .

Riportiamo due domande poste dai nostri lettori e le relative risposte del notaio.

La domanda del lettore

Sono sposato in separazione dei beni. Mia moglie possiede una casa avuta in eredità ed io ne possiedo una acquistata come prima casa. Ora ne stiamo acquistando un’altra sempre nello stesso comune, mia moglie può beneficiare delle agevolazione prima casa?

La risposta del notaio Federico Alcaro

Sua moglie può acquistare con le agevolazioni fiscali prima casa solo se l’abitazione che acquista ricade in un comune diverso dall’abitazione ricevuta in eredità. Infatti, la normativa esclude dalle agevolazioni coloro che possiedono a titolo esclusivo o con il coniuge un’altra abitazione situata nello stesso comune dove si vuole acquistare.

La domanda della lettrice

Nel 2010 ho ricevuto per successione la nuda proprietà di un appartamento a Roma, usufruendo delle agevolazioni di prima casa. Ora vorrei acquistare un appartamento nello stesso comune e vorrei sapere se posso richiedere nuovamente le agevolazioni per la prima casa.

La risposta del notaio Federico Alcaro

La risposta alla sua domanda è positiva.
Infatti, tra i requisiti prescritti per accedere alle agevolazioni all’acquisto della prima casa, è previsto che:

1) il richiedente non sia titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di altra casa di abitazione nel medesimo comune.
Come vede in questo elenco manca la nuda proprietà.

2) il richiedente non sia titolare esclusivo o in comunione con chicchessia della proprietà, usufrutto, uso, abitazione o nuda proprietà di altra casa acquistata con le agevolazioni prima casa.
Questo elenco, invece, comprende la nuda proprietà.

Tuttavia, molte circolari dell’Agenzia delle Entrate hanno aderito alla tesi per cui il godimento dell’agevolazione in sede di dichiarazione di successione non preclude l’ accesso all’agevolazione in caso di successivo acquisto a titolo oneroso, come nel suo caso. Pertanto, fintanto che lei pagherà un prezzo per il suo nuovo appartamento, potrà serenamente richiedere le agevolazioni.

Articolo scritto da:

admin

Leggi tutti gli articoli
CasaNoi è il sito verticale sulla casa, con tante guide, informazioni e notizie utili, consultato ogni giorno da chi la vuole arredare, ristrutturare (interni ed esterni), dotare di nuovi impianti, acquistare, affittare. Le rubriche del blog: Ristrutturazione, Arredamento e Fai da te, Ecologia e domotica, Architettura, Terrazzi e giardini, Attualità e legislazione, Mercato immobiliare, Compravendita e Affitto e molto altro.

Ti potrebbero interessare

304 commenti su “La successione e le agevolazioni prima casa
Inserisci un nuovo commento

  1. Nel 2010 ho avuto in successione causa morte mia mamma , l abitazione in cui abito con mio marito al 100% (unica figlia)..con i agevolazione prima casa.
    Ora volendo acquistare un altro immobile piu grande, in ristrutturazione, non di lusso nello stesso comune ,posso avere ancora l agevolazione prima casa , e vendere l appartamento avuto in successione entro 12 mesi.
    cordiali saluti
    marina

    1. Gentile Marina, ai fini dell’imposta ridotta sull’acquisto, la possibilità di vendere l’abitazione pre-posseduta entro i dodici mesi successivi l’acquisto, a mio parere è riservata a coloro che hanno acquistato a titolo oneroso. Nel suo caso non è applicabile perché la casa è pervenuta per successione e lei dovrebbe vendere prima di acquistare. Ci sono però pareri diversi. Si confronti con il notaio di fiducia. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  2. Buonasera, un paio di anni fa, a seguito della successione e condivisione di immobili, con madre e sorella siamo passate alla divisione dell’eredità con atto notarile. Con questa sono diventata proprietaria al 100% di due immobili non di lusso entrambi siti in un comune dell’emilia romagna, di cui uno venduto e uno che non vorrei vendere. in entrambi i casi si tratta/va di case in cui non ho mai abitato, in un comune in cui non ho mai preso residenza, e neppure affittate perché site in località turistica. Da sette anni sono invece residente in affitto in un comune della lombardia in cui vorrei acquistare casa. Ho diritto alle agevolazioni prima casa, ed in particolare sull’imposta di registro?

    1. Gentile Angela, hai diritto a richiedere le agevolazioni all’acquisto. Le tue attuali proprietà infatti si trovano in altri comuni e sono pervenute per successione e conseguente divisione. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  3. Salve, ho acquistato una prima casa in comproprietà con la persona che avrei dovuto sposare fra un anno, con le agevolazioni di imposta come prima casa.
    Ora accade che il matrimonio non si fa più, non stiamo più assieme, e io vorrei cedere la mia quota della casa a lei. Che cosa succede in questo caso con le imposte? perdo le agevolazioni e sono obbligato a pagare le differenze all’erario? Oppure non c’è in questo caso perdita dei benefici?

    grazie.

    1. Gentile Luca, se non riacquisti entro un anno decadi dalle agevolazioni all’acquisto di cui hai beneficiato (vedi la nostra guida sull’argomento). Potresti anche incorrere nella plusvalenza (vedi la ns guida sull’argomento). Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  4. Buongiorno, mia moglie è titolare di un appartamento ricevuto in eredità e sul quale ha in successione ha usufruito delle agevolazioni prima casa. Io sono titolare di un’altra casa acquistata 7 anni fa. Adesso per stabilizzare il compagno della madre abbiamo dato l’usufrutto temporaneo (6 anni) sulla casa di mia moglie e voremmo comprare un’altra casa cointestandocela. E’ possibile usufruire delle agevolazioni prima casa per me (sicuramente perchè sono passati 5 anni e l’unico vincolo sarà quello di vendere entro un anno la mia casa) ma anche per mia moglie che ha ricevuto 6 mesi fa la casa in eredità e per la quale ha già usufruito come detto delle ag.prima casa ma ha dato l’usufrutto? Se non è possibile qual è la strada migliore? Gli appartamenti sono nel solito comune di residenza, grazie saluti

    1. A mio parere tua moglie ha diritto a chiedere le agevolazioni all’acquisto sicuramente se acquistate in un altro comune perché non possiede immobili acquistati con agevolazioni fiscali (per la casa pervenuta per successione non ci sono problemi, anche se sono state richieste le agevolazioni).
      Se acquista nello stesso comune:
      – ha diritto perché non è proprietaria esclusiva di altra abitazione nel territorio comunale (c’è usufrutto temporaneo di altra persona)
      Nel secondo caso (stesso comune) non vorrei che la cessione di usufrutto temporaneo sia considerato un atto elusivo. Per sicurezza chiedete al notaio.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

      1. Grazie mille intanto. Un altro quesito, ma c’è il rischio che mia moglie decada dalle agevolazioni prima casa chieste in sede di successione nonostante il riacquisto entro un anno perchè l’usufrutto è temporaneo e non vitalizio? Saluti

  5. Buonasera,sono proprietario unico di appartamento a titolo di erede,con agevolazioni prima casa sia da parte dei miei genitori in sede di acquisto che a titolo di successione alla loro morte.posso fruire delle agevolazioni prima casa per acquisto di un nuovo immobile, senza alienazione del precedente,entrambi nello stesso comune?la circolare 68/e dell’agenzia delle entrate non precisa che deve essere un comune diverso in questa casistica,ma alcuni notai interpellati la applicano in maniera comunque restrittiva. grazie mille

    1. Chi possiede a titolo esclusivo abitazione nello stesso comune dove intende acquistare non ha diritto all’agevolazione fiscale per l’acquisto “1 casa”. Mi sembra questo il tuo caso. Trovi tutti i dettagli nella nostra guida specifica. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  6. Salve vorrei chiedervi un’informazione, sono sposato in separazione dei beni con mia moglie da 4 anni. Prima del matrimonio mio padre tramite atto di donazione mi ha intestato una casa dove attualmente vivo con mia moglie e mio figlio. Ora vorremmo costruire un piano sopra casa di mio cognato in un altro comune diverso da quello in cui abitiamo ora. Domanda. Se intestiamo la nuova costruzione a mia moglie possiamo usufruire delle agevolazioni fiscali per la prima casa? E ancora più importante saremmo soggetti al pagamento dell’imu Sulla seconda casa? Grazie in anticipo per la risposta.

    1. Gentile Giuseppe, tua moglie può acquistare/costruire con imposta agevolata prima casa ma deve trasferire la residenza nei termini. Come famiglia, se voi coniugi sarete proprietari di due abitazioni, avete diritto ad una sola esenzione IMU per la “dimora abituale” della famiglia (abitazione principale). Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  7. Buongiorno,

    Sono proprietario di una abitazione al 33% (33 %madre e 33% fratello) ricevuta per eredità dopo la.morte di mio padre.
    Posso usufruire del bonus prima casa nello stesso comune?
    Anche mia madre potrebbe usufruirne?

    Altra ipotesi, se in passato avessi acquistato una seconda casa ( pagandola cm tale), potrei ora usufruire del bonus prima casa?

    1. Gentile Stefano, puoi chiedere le agevolazioni prima casa perchè la tua è una comproprietà pervenuta per successione. Anche tua madre può chiedere la agevolazioni all’acquisto casa ma deve prima verificare che la sua attuale quota di proprietà non sia stata da lei acquistata (o dal marito in comunione dei beni) con le agevolazioni fiscali prima casa. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  8. Buongiorno, volevo una informazione. Mia moglie ha acquistato ad Agosto 2018 una casa con avevolazioni prima casa. Dal 2008 pero’ non ha ancora fatto successione di un appartamento in altro comune intestato ad entrambi i genitori di cui nel 2008 uno dei due e’ deceduto. Cosa comportera’ questo quando fara” successione??
    Grazie e buon lavoro

    1. Gentile Gennaro, anche se fosse stata comproprietaria o proprietaria esclusiva di abitazione in altro comune tua moglie poteva richiedere le agevolazioni all’acquisto della prima casa. Ti suggerisco di regolarizzare e chiudere la successione. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  9. Buon pomeriggio,
    in seguito alla morte di mia mamma nel 2017 e dopo avere effettuato la successione sono diventata erede (in piccola percentuale) insieme ai miei due fratelli e mio papà di alcune proprietà (casa e box)
    ….esattamente 1 casa e 3 box in provincia Milano e 1 casa e 1 box in puglia .
    Ora ho acquistato una casa e un box nello stesso comune in provincia di Milano dove c’è la casa ereditata con i box.
    Posso usufruire dell’agevolazione prima casa per questo nuovo acquisto? grazie mille
    Valeria

    1. Gentile Valeria, si ne puoi usufruire perché non sei proprietaria esclusiva di abitazione nello stesso comune dove acquisti (hai solo una quota). Il notaio ti potrà assistere al meglio. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  10. Salve,
    ho acquistato nel 2010 una casa in comproprietà con mio fratello e poi nel 2015 ho acquistatato l’intera proprietà dello stesso immobile, usufruendo delle agevolazioni prima casa in entrambi i casi.
    Ora sono costretto a vendere l’immobile e vorrei gentilmente sapere se decadró e in che misura dalle agevolazioni fiscali visto che il 50% della casa é stato acquistato meno di 5 anni fa. Grazie

      1. Buonasera,
        Vorrei un’informazione, circa 6/7 anni fa, mia mamma mi ha donato un immobile dove tutt’oggi son residente. Dal 2015 mi sono trasferita prima per studi e poi per lavoro in una città diversa da dove si trova l’immobile ricevuto in donazione.
        Con il mio ragazzo stiamo valutando di acquistare casa e di intestarla ad entrambi e di usufruire delle agevolazioni prima casa, a patto che io non ricordo se io ho già usufruito con la donazione di queste agevolazioni, ma la mia domanda è: posso adesso in fase di richiesta mutuo e rogito poter usufruire delle agevolazioni prima casa?
        Grazie mille

        1. Gentile Federica, hai diritto alle agevolazioni all’ACQUISTO (e al mutuo prima casa) perché acquisti in un altro comune e perché l’abitazione di cui sei già proprietario ti è pervenuta per DONAZIONE. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  11. Buonasera, sto per acquistare un immobile, ho il rogito tra 3 mesi, si tratta di prima casa per me. Sono figlio unico, mio padre è malato terminale, mi ha detto che è sua intenzione lasciarmi la sua casa, che si trova nello stesso comune. Da quanto ho capito trovandosi dello stesso comune, nel caso dovessi ricevere in eredità la casa prima della firma del rogito, non potrei usufruire per la mia nuova casa delle agevolazioni fiscali.
    Ho capito correttamente?
    Ci sono indicazioni che posso dare a mio padre affinché possa eventualmente cambiare per tempo il testamento?
    Grazie mille,
    Carlo

    1. Gentile Carlo, se alla data di acquisto sei già proprietario ESCLUSIVO di abitazione nello stesso comune, non puoi chiedere agevolazioni all’ACQUISTO. Tuo padre potrebbe donare o disporre per testamento parte dei diritti della casa ad altra persona. Ma mi rendo conto che da una parte si tratta di una soluzione “teorica” (ci sarebbe una persona ?) e che in questa situazione per suo papà sia tutto complicato. Ne parli con il suo notaio incaricato al rogito di acquisto. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  12. Ho ricevuto in donazione un immobile con I miei fratelli,in seguito abbiamo fatto un atto di divisione per avere ognuno la quota esclusiva il tutto con agevolazioni prima casa.adesso vorrei acquistare un nuovo immobile in altro comune posso usufruire agevolazioni prima casa sia su imposte che sul mutuo? Grazie.

  13. Buongiorno,
    Ho ricevuto in parte in eredità e in parte in donazione l’appartamento sito a Palermo dei miei genitori nel 2011 e contestualmente , con lo stesso atto, ho lasciato l’usufrutto dello stesso a mio padre (tutt’ora in vita).
    Ora vorrei acquistare un immobile nella provincia di Trapani dove lavoro. Potrò usufruire delle agevolazioni prima casa o conterà come seconda casa?

    1. Gentile Caterina puoi richiedere le agevolazioni all’acquisto della casa di Trapani. (anche in caso di precedente acquisto per successione o donazione agevolato, è possibile usufruire dell’agevolazione in caso di nuovo acquisto a titolo oneroso.). Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  14. Buongiorno.
    Ho comprato casa nel 2005 e adesso vorrei prenderne una piu grande e donare la mia a mia sorella.
    Potrei beneficiare,dopo la donazione, delle agevolazioni di prima casa anche se in successione ho ereditato anche a novembre un sesto della casa dei miei genitori ma in una regione diversa dove abito e lavoro?
    Nella casa dei miei genitori in questo momento vive mia madre.
    Mi conviene venderla o donarla a moa sorella??

    1. Gentile lettore, SI! puoi beneficiare delle agevolazioni all’acquisto. Avere una comproprietà pervenuta per successione non é escludente. La scelta tra donazione e vendita merita un approfondimento con il suo notaio quando avrai trovato la nuova casa da acquistare. Con la donazione vengono penalizzati i tuoi eredi legittimi. Per questo la donazione viene eseguita a beneficio del coniuge o dei figli. Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli. Fondatore CasaNoi, esperto in valutazioni estimative, compravendite e credito immobiliare. Consulente del credito. Contatti per consulenza mutui

  15. Buongiorno,
    Volevo chiedere:
    Se io posseggo per eredità il 25% della casa dei miei genitori, posso acquistare un’altra casa con le “agevolazioni fiscali prima casa”?
    Da quanto ho letto sopra direi di si corretto?
    Inoltre comunque la casa di trova in altro comune quindi direi che è ulteriormente confermato?
    Grazie

  16. Buona sera,piacere Alessandro, sono proprietario da pochi giorni di un mini appartamento. Ho usufruito delle agevolazioni prima casa. I miei Genitori hanno una seconda casa nello stesso comune dove si trova il mini appartamento di mia proprietà.
    Se adesso i miei genitori decidessero di regalarmi la loro seconda casa e io vendo il mini appartamento, e passo la residenza nella casa regalata a cosa vado in contro? la casa regalata viene considerata prima casa se riesco a vendere il mini appartamento? Devo pagare delle sanzioni visto che la vendo prima dei 5 anni richiesti?
    grazie per il tempo dedicato, cordiali saluti, Alessandro.

    1. Gentile Alessandro
      il primo consiglio è quello di valutare con attenzione – magari con l’assistenza del notaio che perfezionerà la donazione – cosa fare:
      – conviene effettivamente vendere la tua attuale proprietà?
      – magari è più semplice e conveniente diventare proprietario di due abitazioni.
      Sono 4 gli aspetti fiscali da considerare:
      1) imposte per la donazione – vedi guida
      Con la donazione normalmente si rientra nella franchigia sulle imposte di donazione propriamente dette. Pagherai invece imposta ipotecaria e catastale complessivamente del 3% sul valore catastale se non puoi chiedere applicazione imposte prima casa per la donazione (200+200 euro).
      2) decadenza dalle agevolazioni acquisto prima casa – vedi guida
      E’ forse l’aspetto principale da considerare se proprio decidi di vendere. Prova a valutare l’acquisto della seconda casa dei tuoi genitori al posto della donazione. Non si è soggetti a decadenza se si riacquista entro i 12 mesi dalla vendita un’abitazione principale.
      3) plusvalenza – vedi guida
      la plusvalenza non si paga se: si vende la casa dove si vive (abitazione principale per la maggior parte del periodo tra acquisto e vendita).
      4) IMU casa/case di proprietà
      puoi avere al massimo un’esenzione per la casa dove vivi (abitazione principale)
      Tutti i calcoli vanno fatti partendo dalle rendite catastali con le quali determinare i valori delle case ai fini fiscali (valore catastale).
      Vediamo i vari casi
      a) Ricevi in donazione senza vendere la tua attuale casa
      – per la donazione pagherai imposta ipotecaria e catastale del 3% sul valore catastale
      – puoi avere esenzione IMU solo per la casa dove vivi (abitazione principale); per l’altra pagherai IMU
      Non vendendo non decadi dalle agevolazioni prima casa ed non hai plusvalenza
      b) Acquisti dai tuoi genitori e vendi prima la tua attuale casa
      Ti consiglio di acquisire la nuova casa per compravendita. In questo modo eviti plusvalenza, decadenza agevolazioni fiscali e puoi richiedere nuovamente le agevolazioni fiscali prima casa. Ricorda però che la nuova casa dovrà essere abitazione principale! E avrai esenzione IMU.
      c) Ricevi in donazione dai tuoi genitori e vendi prima la tua attuale casa
      E’ l’ipotesi meno conveniente perchè incorri nella decadenza dalle agevolazioni prima casa. Per la donazione pagherai invece imposta fissa prima casa di 200+200 euro (eviti imposta ipotecaria e catastale del 3% sul valore catastale). Pagherai plusvalenza solo se la casa venduta non è stata abitazione principale per la maggio parte del tempo tra acquisto e vendita.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi e consulente del credito Auxilia Finance SpA. Contatti per richieste mutui e surroghe

  17. Buonasera,
    sono proprietaria al 100% di un appartamento sito in un comune in provincia di Monza e Brianza, ricevuto in eredità nel 2013 per la cui successione ho usufruito delle agevolazioni prima casa.
    Adesso io e il mio compagno stiamo comprando casa. Ero abbastanza certa di poter usufruire delle agevolazioni prima casa per l’acquisto finché ieri l’assistente di un notaio consultata per la richiesta di un preventivo mi ha detto che non posso usufruirne perché l’ho già fatto per la successione.
    Stiamo comprando a Varese quindi non nello stesso comune dove io ho la casa avuta in eredità.
    Adesso per l’acquisto posso usufruire delle agevolazioni oppure no?
    Ringrazio per la risposta, un cordiale saluto, Serena.

    1. Gentile Serena,
      possedere una casa pervenuta per successione non esclude la possibilità di chiedere le agevolazioni all’ACQUISTO (compravendita) di altra abitazione.
      L’importante è che:
      – la nuova casa sia in un altro comune
      – si trasferisca la residenza nel nuovo comune entro 18 mesi dal rogito (se si trasferisce la residenza proprio nella casa acquistata si avrà anche esenzione IMU).
      Non incide avere richiesto le agevolazioni prima casa in sede di successione.
      Sicuramente il notaio con le corrette informazioni potrà assisterla al meglio.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi e consulente del credito Auxilia Finance SpA. Contatti per richieste mutui e surroghe

  18. Buongiorno,
    sono comproprietaria del 50% di un appartamento pervenutomi per successione nel 2007, che attualmente è locato con contratto a canone concordato. Ora vorrei acquistare un appartamento a mio nome nello stesso comune: posso usufruire dell’agevolazione prima casa o il fatto che ne abbia usufruito in sede di successione annulla questa agevolazione?
    Grazie
    Francesca

    1. Gentile Francesca puoi richiedere l’agevolazione all’acquisto perchè:
      – non sei proprietaria esclusiva di abitazione nello stesso comune
      – non possiedi altra abitazione acquistate con i benefici fiscali (la successione non conta)
      – dovrai avere o tasferire la residenza nel comune entro 18 mesi dal rogito
      – dopo l’acquisto: per l’esenzione IMU dovrai trasferire residenza proprio nella casa acquistata, da adibire a dimora abitale della famiglia.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi. Contatti per consulenza mutui

  19. Buongiorno,
    nel 2012 ho ereditato al 50% con mia sorella. Ora ho intenzione di liquidare la sua parte e diventare proprietario al 100%, lo posso considerare come acquisto prima casa? Premetto che non ho altro intestato ne ho mai effettuato acquisti di immobili.

    Grazie

    Saluti

    1. Gentile Matteo,
      hai diritto alle agevolazioni all’acquisto della quota del 50% da tua sorella a condizione che tu abbia o trasferisca la residenza nel comune entro 18 mesi dal rogito.
      Se già vivi nella casa, hai già questo requisito e puoi avere anche esenzione IMU.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi. Contatti per consulenza mutui

  20. Buongiorno,
    nel 2006 ho ricevuto in eredità da mio padre, un appartamento nel comune di Roma, per il quale ho usufruito dell’agevolazione prima casa in sede di successione. Ora vorrei acquistare un appartamento nello stesso comune pur mantenendo quello ricevuto in eredità che attualmente è locato. Posso usufruire dell’agevolazione prima casa per questo acquisto? Se si, avrò poi l’obbligo di portare la mia residenza nell’appartamento acquistato? Faccio presente che io attualmente risiedo in casa con mia madre sempre nel comune di Roma.
    Grazie

    1. Gentile Alex
      – se lei è proprietario ESCLUSIVO della casa ricevuta in successione, non può chiedere le agevolazioni per acquisto casa in Roma. Non è determinante la provenienza per successione, ma l’essere proprietario di altra abitazione nello stesso comune.
      – per quanto riguarda l’IMU, questa va pagata per tutte le case di proprietà ad esclusione dell’abitazione principale, ovvero per la casa di proprietà dove vivi.
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi. Contatti per consulenza mutui

  21. Buonasera,
    io e mia figlia (minore) nel 2006 abbiamo ricevuto in successione da mio marito 2 appartamenti di cui 1 in nuda proprietà, usufruendo dell’agevolazione prima casa in sede di successione ognuna per ciascun appartamento. L’appartamento in nuda proprietà è stato ora rivenduto mentre l’altro è ancora a noi intestato. Volevo sapere: se decidessi di donare il mio 50% a mia figlia, potrebbe usufruire comunque dell’agevolazione prima casa per il pagamento delle tasse?
    Grazie

    1. Gentile Roberta,
      tua figlia può chiedere le agevolazioni per la donazione perché questa riguarda quote dello stesso immobile.
      Ecco un dettaglio della norma
      “in caso di ulteriore acquisizione per successione o donazione, i soggetti che hanno già fruito dell’agevolazione in argomento non possono goderne nuovamente, salvo che il trasferimento abbia ad oggetto quote dello stesso bene” (Circ. Agenzia Entrate 7 maggio 2001 n. 44/E);
      Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli, fondatore CasaNoi. Contatti per consulenza mutui

  22. Buongiorno, nel 1994 dopo il decesso di mio padre, nella dichiarazione di successione sono stato inserito con mia madre e mia sorella tra gli eredi della casa dove fino ad oggi ho vissuto con mia madre. In caso di acquisto da parte mia di una nuova casa nello stesso comune (dove risiedo e lavoro stabilmente) con le caratteristiche previste dalla legge posso ottenere le agevolazioni prima casa?

  23. Salve, mio marito per successione insieme ad altre due persone, ha ricevuto una proprietà. Abbiamo deciso di comprare la nostra prima casa, ora volevo sapere se la proprietà ricevuta da mio marito risulterà come seconda casa ? Possiamo usufruire di tutte le agevolzioni per l’acquisto della prima casa? La ringrazio per la sua cortese attenzione. Cordiali saluti.

    1. Gentile Silvana,
      rispondo ai due quesiti:
      PRIMA CASA – ACQUISTO
      – essere comproprietari di abitazione pervenuta per successione, non esclude la possibilità di richiedere le agevolazioni all’ACQUISTO di un’abitazione.
      PRIMA CASA – DOPO L’ACQUISTO
      – ai fini IMU il/i proprietari ha/hanno diritto all’esenzione solo per l’abitazione principale: quella dove vive il nucleo familiare. Al massimo una esenzione per famiglia
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  24. Salve, nel 2001 ho ricevuto una quota del 25% di tre immobili, du cui una e’ la casa di mia madre, comproprietaria al 75%, uno e’ un appartamento momentanamente chiuso e l’altro e’ un ristorante quindi un’attivita’ commerciale. Ora vorrei acquistare una casa di mia unica proprieta’ che si trova nel comune dove gia’ risiedo adesso, posso usufruire del bonus prima casa? Grazie.

    1. Gentile Vitas, immagino che queste comproprietà ti siano pervenute per donazione o successione.
      Ciò premesso, puoi richiedere le agevolazioni all’acquisto della prima casa.
      Infatti:
      – non sei proprietario esclusivo (al 100%) di abitazione nello stesso comune dove acquisti
      – non possiedi altra abitazione acquistata con le agevolazioni prima casa (le tue comproprietà ti sono pervenute per successione o donazione)
      – hai già la residenza nel comune dove acquisti.
      IMU
      Quale futuro proprietario, ricorda che per avere esenzione IMU prima casa devi trasferire la residenza nella casa di acquistata
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  25. SALVE, NEL2012 ho ricevuto in donazione la nuda proprietà di un immobile composto da un appartamento rustico interamente da sistemare ed un appartamento in cui risiedono i miei genitori che si sono riservati l’usufrutto. L’immobile in questione si trova in Sicilia. Io con il matrimonio sono andata ad abitare in Lombardia dove attualmente risiedo con mio marito. Mio marito anni prima del matrimonio ha acquistato un appartamento usufruendo dei benefici fiscali prima casa. Adesso vorremmo acquistare una nuova casa e pensavamo di intestarla a me per usufruire dei benefici prima casa, ma ci chiedevamo se fosse possibile farlo visto la nuda proprietà in mio possesso. Io e mio marito siamo in comunione dei beni.
    Grazie per la risposta

    1. Gentile Maria,
      possedere immobili pervenuti in donazione non esclude la possibilità di richiedere agevolazioni all’ACQUISTO. Unica eccezione è quando si possiede la piena proprietà di abitazione nello stesso comune; ma non è questo il suo caso.
      Lei può quindi richiedere le agevolazioni fiscali all’acquisto, a condizione che abbia o trasferisca la residenza nel comune entro 18 mesi dal rogito. Suo marito acquista invece con imposta piena.
      In comunione dei beni di fatto acquistate tutti e due; l’imposta viene ripartita: su metà del valore (o prezzo nel caso di acquisto soggetto ad iva) – pagherete imposta piena; sull’altra metà applicate imposta ridotta.
      Per un acquisto esclusivo a suo nome dovete modificare il regime patrimoniale dei beni tra voi coniugi (separazione dei beni).
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  26. Mi è stata donata una casa dai miei genitori, ho usufruito delle agevolazioni fiscali ma non posso trasferirmi perché è da ristrutturare

    1. Gentile Rosa,
      Gentile Rosa, è necessario che tu abbia o trasferisca la residenza nel COMUNE (non necessariamente nella casa ricevuta in donazione) entro 18 mesi dal rogito.
      In caso contrario incorri nella DECADENZA DALLE AGEVOLAZIONI FISCALI e sei tenuta a pagare la differenza d’imposta + sanzioni (30%) + interessi.
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  27. Buongiorno, nel 2005 ho acquistato un immobile al 50% con mio marito, l’ immobile è stato adibito a prima casa, abbiamo stipulato anche un mutuo e detratto gli interessi. Successivamente, a seguito della morte di mio padre, ho ereditato il 33% di un altro immobile che si trova nello stesso comune, le restanti quote (33 a mia madre e 33 a mia sorella) poi con mia sorella abbiamo fatto una permuta e attualmente io sono proprietaria di questo immobile al 66% il restante 33 è di mia madre. Ho deciso di ristrutturare questo immobile e chiedere anticipazione del TFR per il 75% (anticipazione per ristrutturazione) ma mi chiedono di fornire dichiarazione sostitutiva di atto notorio asseverata da pubblico ufficiale da cui risulti la non titolarità di alcun diritto reale relativamente a altre abitazioni nello stesso comune. Nel mio caso è giusto che mi facciano questa richiesta visto che la casa è in quota ed è ereditata? Grazie

    1. Gentile Elisa, nella dichiarazione da sottoscrivere devi dichiarare che sei titolare di diritti reali di proprietà su due abitazioni nello stesso comune specificando esattamente i due immobili, relativi diritti e provenienze. Non puoi dichiarare una cosa diversa. Se la finalità è ottenere anticipo TFR cerca di motivare la richiesta. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  28. Salve, avrei bisogno di un’informazione su agevolazione prima casa richiesta in un successione e successiva vendita dell’immobile. Il mio cliente diventa unico erede della casa dove abita col padre (ora de cuius), dapprima erano comproprietari al 50/100 ciascuno. Il figlio ha la residenza in quella casa. Dopo un mese o due venderà la stessa casa: in sede di successione può avere l’agevolazione prima casa in quanto non ha altre proprietà in tal senso, anche se dopo uno due mesi la venderà? grazie

  29. Se si acquista una casa insieme, ma per lui è una prima casa mentre per lei è una seconda casa, come si calcolano le tasse?

    1. Gentile Roberto, ogni acquirente paga le imposte sui diritti acquistati secondo i propri requisiti soggettivi. Nel caso prospettato di acquisto al 50% di due soggetti, sulla metà del valore catastale (o del prezzo in caso di iva) verrà applicata l’imposta piena; sull’altra metà l’imposta ridotta. Puoi facilmente effettuare il calcolo co il CalcolaImposte di CasaNoi. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  30. sono nudo proprietario di un appartamento che abito dal 1986 congiuntamente al mio nucleo familiare(moglie e figli) . detto appartamento è stato a me ceduto da mio padre allo stato rustico, ho provveduto a mie spese alla realizzazione e finitura dell’immobile.ora che mio padre è deceduto risulto al catasto come nudo proprietario mentre mia mamma, che abita in un altro immobile risulta usufruttuaria come risulta da testamento. nello stesso testamento mio padre dichiara di lasciare a me tutti i diritti da lui vantati sul detto immobile.Posso io far valere ai fini IMU detto immobile che abito tutt’ora e che ho sempre abitato come prima casa? GRAZIE

    1. Gentile Franco, la norma prevede che l’IMU sia a carico dell’usufruttuario. Da quanto scrivi, il diritto di usufrutto di tua madre deriva da testamento. Pertanto non vedo quali diritti potresti far valere. Se per tua madre la casa non ha alcun interesse e anzi genera solo imposte da pagare perché non vi risiede, valuta la convenienza di una donazione del diritto di usufrutto da tua madre a te (dovrai sostenere spese notarili più imposte: prendi informazioni da un notaio). In questo modo diventi pieno proprietario e hai diritto all’esenzione IMU perché utilizzi la casa come abitazione principale. non interessa Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  31. Buonasera,
    Io e il mio compagno stiamo costruendo una casa avendo acquistato un terreno edificabile nel 2016.
    Io sono proprietaria al 100% di una casa in un comune diverso del nuovo immobile acquistata nel 2011 con agevolaZione posso comunque usuifruire dell’iva al 4% anche se già usufruito in passato?premesso che la casa attualmente è in vendita.
    Il mio compagno invece nel 2013 è diventato proprietario al 25% di una casa tramite successione con agevolazione prima casa,(la casa è in un comune diverso) lui può usuifruire dell’agevolazione anche se già usuifruita?
    Grazie
    Cordiali saluti
    Sonia

    1. Gentile Sonia:
      – tu non puoi chiedere iva ridotta al 4% perché sei proprietaria di abitazione acquistata con i benefici fiscali. Devi prima vendere.
      – il tuo compagno invece può chiedere l’iva ridotta: essere comproprietario di abitazione pervenuta per successione non esclude la possibilità di chiedere le agevolazioni prima casa, ancorché per la successione sono state applicate imposte “prima casa”.
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  32. salve, ho avuto per successione il 50% di una casa, con beneficio prima casa. Successivamente ho acquistato un’altro appartamento godendo del beneficio prima casa. Ora, mio fratello vorrebbe trasferirmi (gratuitamente) la proprietà dell’altro 50% della casa ereditata da noi. Potrei ancora una volta godere del beneficio prima casa trattandosi del completamento del 100% della casa su cui già mi è stato riconosciuto il beneficio? Farebbe differenza se come vendita o come donazione?

    1. Gentile Silvana, non puoi chiedere le agevolazioni per questa donazione poiché sei titolare di diritti di proprietà di altre (due) abitazioni acquistate con le agevolazioni all’acquisto (una) e con le agevolazioni in sede di successione(l’altra). Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  33. salve,ho acquistato senza mutuo una casa nel 2010 pagandola 50mila euro con bonifico.
    Nel 2015 mi sono sposato in separazione di beni,e adesso vorremmo acquistare un nuovo appartamento usufruendo delle agevolazioni sul mutuo per la prima casa.
    Io ne posso usufruire avendo già una casa intestata,ma senza aver mai fatto mutuo?
    se no,mia moglie invece può intestare il nuovo appartamento e usufruirne?grazie in anticipo

    1. Gentile Giovanni, tua moglie:
      a) può acquistare con le agevolazioni fiscali prima casa (se ha tutti i requisiti soggettivi)
      b) può contrarre il mutuo prima casa se ha i requisiti del punto a), pagando imposta sostitutiva dello 0,25% anziché del 2,00% dell’importo del mutuo
      c) potrà detrarre gli interessi del mutuo acquisto se adibisce la casa a dimora della famiglia (abitazione principale) entro 12 mesi dal rogito. Leggi la nostra Guida sulla detrazione interessi.
      d) potrà avere esenzione IMU dopo l’acquisto nel periodo in cui la casa ha i requisiti di abitazione principale (nota bene esenzione IMU è applicabile solo per una casa per famiglia. Non sono consentite 2 esenzioni IMU a coniugi anche se hanno proprietà e residenze distinte).
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  34. Salve, avrei una domanda per i vostri esperti.
    Sono sposato in comunione dei beni. Tra pochi mesi provvederemo con mia moglie ad acquistare un appartamento (vendendo contestualmente il nostro, di proprietà di mia moglie da prima del matrimonio). Verrebbe quindi acquistato come prima casa.
    Alcuni anni fa, dopo il matrimonio, ho ricevuto in donazione il 50% (il restante 50% è di mia sorella) di un appartamento sito nello stesso comune nel quale acquisteremo la nuova casa. Nell’atto di donazione è specificato che mia sorella richiedeva le agevolazioni prima casa (io rimasi nella casa coniugale mentre mia sorella andò nell’appartamento donato).
    La domanda è: possiamo usufruire con mia moglie delle agevolazioni prima casa per il nuovo acquisto o converrà procedere alla separazione dei beni prima del rogito?

    Grazie per l’attenzione.
    Michele

    1. Gentile Michele, possedere una comproprietà pervenuta per successione non esclude la possibilità di richiedere le agevolazioni all’acquisto a titolo oneroso. Potete tranquillamente chiederle, a condizione che vendiate la casa acquistata con le agevolazioni e che rispettiate il requisito della residenza nel comune entro 18 mesi dal rogito. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  35. Buonasera,
    il mio caso è particolare e vorrei essere certo di quanto letto ma anche sentito dire. Purtroppo a causa di morte sto diventando proprietario in un comune di una proprietà (unico erede). Non avendo già case vorrei approfittare delle agevolazioni prima casa per questa successione. Mia intenzione, lavorando lontano da questo comune, è di acquistare una casa più vicina al lavoro, quindi acquisto in un nuovo comune. Potrei io procedere prima alla successione e poi all’acquisto prima casa sfruttando in entrambi i casi delle agevolazioni fiscali prima casa? (se si vale anche il viceversa? cioè prima acquisto e poi successione?) Ovviamente il tutto rispettando i dovuti cambi di residenza in tempi abbastanza brevi tra di loro. Attualmente sono residente nel comune della casa che riceverò in successione.
    Grazie per l’informazione fornitami

    1. Gentile Silvano, come illustrato nel post, puoi chiedere entrambe le agevolazioni se la successione precede l’ACQUISTO. Viceversa non è possibile usufruire della agevolazione per l’acquisto gratuito (donazione e successione) se si è, in precedenza, usufruito dell’agevolazione per un acquisto a titolo oneroso. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  36. Buonasera,
    in riferimento alla possibilità di usufruire del bonus prima casa vorrei chiedere un chiarimento a riguardo della mia situazione.
    Possiedo una casa ricevuta tramite successione nel 2002. La casa attualmente è affittata a canone concordato e pago imu per questo immobile. Io sono proprietaria ma la casa è gravata da usufrutto per 1/6 da parte della mia ex suocera.
    Oggi vorrei acquistare una casa nello stesso comune della casa di cui già sono proprietaria. Andrò a mettere la mia residenza in quest’ultimo immobile.
    Posso per questo acquisto (a titolo oneroso) usufruire del bonus prima casa?

    grazie mille

    1. Gentile Antonella, a mio parere puoi richiedere le agevolazioni all’acquisto prima casa, in quanto:
      – non sei proprietaria ESCLUSIVA di altra abitazione nello stesso comune (c’è usufrutto per 1/6 di altra persona)
      – non possiedi altri immobili acquistati con le agevolazioni (la tua attuale proprietà è pervenuta per successione)
      – hai già il requisito della residenza nel comune
      Dopo l’acquisto avrai diritto all’esenzione IMU per la nuova casa quando vi avrai trasferito la residenza (abitazione principale). Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  37. ciao, ho una domanda da fare,
    ho ricevuto in successione dopo la morte di mio padre  il 33 % della casa dove abito attualmente con mia madre( il resto 33% a mia sorella e 33% a mia madre),
    ora sono in procinto di comprare un abitazione nello stesso comune, ho comunque diritto alle agevolazioni per aquisto di prima casa?ho devo prima cedere la mia quota?
    grazie

  38. salve, ho necessita’ di un vs.aiuto.
    in breve il quesito: sono sposato dal 2010 in comunione dei beni, nel 2000 ho ereditato dalla morte di mio papa’ la nuda proprieta’ di due appartamenti con l’usufrutto lasciato a mia madre.nel 2014 mia madre e’ morta e e’ stato fatto il ricongiungimento dell’usufrutto con la nuda proprieta’. ora uno dei due appartamenti e’ stato venduto e l’altro e’ in affitto con cedolare secca. io e mio moglie vorremmo comprare una casa all’asta attualmente ancora in fase di costruzione nello stesso comune di dove ho l’appartamento di mia proprieta’ e vorremmo usufruire delle agevolazioni prima casa mai usufruite prima da nessuno dei due. come posso fare? a chi va intestata la casa x usufruire delle agevolazioni? se si intesta mia moglie posso usare i soldi ricavati dalla vendita del mio appartamento per pagare la casa in asta o e’ necesssario fare un mutuo a mia moglie che xo’ non ha reddito e farei io da garante? scaricherebbe una parte degli interessi mia moglie anche senza reddito?sono confuso…grazie

    1. Gentile Gianluca, tu non hai diritto alle agevolazioni all’acquisto perché sei già proprietario esclusivo di abitazione nello stesso comune. Tua moglie, da quanto scrivi, immagino non abbia proprietà e quindi può chiederle. Acquistate entrambi (al 50%) perché siete in comunione dei beni. Puoi calcolare la differenza di imposta tra prima e seconda casa: usa il CalcolaImposte di CasaNoi. Informati se l’operazione è soggetta ad iva o imposta di registro. Penso sia soggetta ad iva perché immobile in costruzione. La differenza di imposta è di 6 punti sul prezzo di acquisto. (iva 10% seconda casa; 4% prima casa). Passando alla separazione dei beni, tua moglie può acquistare da sola. Per il mutuo, siete voi a decidere come finanziare l’operazione. Se acquista tua moglie, la Banca richiederà che tu intervenga come co-mutuatario perché tua moglie non ha reddito. Ai fini IMU avete comunque una sola esenzione per l’abitazione principale, poiché siete una sola famiglia. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

      1. salve Giuseppe, grazie per la gentile risposta. Le confermo che mia moglie non ha immobili e non ha mai usufruito di alcuna agevolazione. l’immobile in asta ha l’iva confermatomi oggi dal curatore. Acquistando l’immobile cointestandolo a entrambi mia moglie usufruisce per il 50% delle agevolazioni? nel caso facessi invece la separazione e acquista mia moglie l’immobile da sola e quindi avere il 100% delle agevolazioni puo’ usare i soldi provenienti dalla vendita dell’appartamento di mia proprieta’? Lei cosa mi consiglia? grazie ancora x la disponibilita’ dimostrata

        1. Gentile Gianluca, quanto scrivi su imposte / intestazione è corretto. Tieni presente comunque che l’intestazione di un immobile non è mai un fatto banale. A volte conviene pagare imposte piene ed evitare artificiose intestazioni e mantenere un’equa distribuzione del patrimonio familiare tra i coniugi. Ti consiglio di parlarne con un professionista (al limite anche il legale / notaio curatore e/o incaricato alla vendita), anche per quanto riguarda l’utilizzo di denaro di un coniuge per un acquisto esclusivo da parte dell’altro coniuge. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli

  39. Buonasera.
    Mia madre è proprietaria del 67% della casa dove abita (50 al momento dell’acquisto più 1/3 del 50% di mio padre quando è deceduto i restanti 2/3 ai 2 figli)
    Essendo la casa dove abitavano i miei genitori mia mamma come coniuge superstite ha il diritto di abitazione su tutta la casa.
    Ora vorrebbe acquistare un altra casa dove andare ad abitare nello stesso comune dove si trova la prima
    La può acquistare con agevolazione prima casa ?
    Ho capito che anche se in sede di successione ho richiesto per lei agevolazione prima casa ciò non è preclusivo in caso di successivo acquisto di immobile, ma potrebbe essere una causa di preclusione il fatto che detiene il diritto di abitazione sulla casa dove abitava con mio padre?

    1. Gentile Emanuela
      PER LE AGEVOLAZIONI ALL’ACQUISTO DELLA NUOVA CASA
      devi verificare dal rogito originario, dove tua madre ha acquistato il 50%, se ha richiesto o meno le agevolazioni. Se le ha richieste non ne ha diritto. Viceversa si.
      Preciso che:
      le agevolazioni chieste in sede di successione non impediscono di chiederle per il nuovo acquisto; essere titolare di diritto di abitazione non costituisce un problema.
      PER LE TASSE SULLA PROPRIETA’
      Potrà avere esenzione IMU solo per la casa dove risiede e dimora. Per l’altra dovrà pagare imposte piene.
      Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

      1. Buongiorno, mio figlio (unico) abita nell’appartamento ristrutturato della casa di propietà ( 75% io e 25% lui avuta in successione dopo morte di mio marito, e poi intestato a lui) Alla mia morte, la parte che riceverà in successione sarà per lui seconda casa ? ( con imposte maggiori) o si unificherà alla parte ricevuta precedentemente?
        Grazie in anticipo

  40. Buonasera, dopo la morte di mia madre ho ereditato per successione 1/12 di un’appartamento. 2/12 sono di proprietà delle mie due sorelle (1/12 l’una, ottenuto sempre per successione, come me), gli altri 9/12 sono di mio padre. Adesso vorrei acquistare e diventare proprietaria dell’intero immobile io da sola. Ho l’accordo coi miei familiari, non ci sono problemi tra noi, ma dovrei richiedere un mutuo per l’acquisto. Tralasciando il fatto che acquisterei come prima casa, perchè non ho altre proprietà (se non piccole quote di altri immobili ottenuti sempre per successione), ho problemi a richiedere un mutuo, non per la mia situazione personale (sono giovane, ho lavoro a tempo indeterminato e nessuna pendenza), ma mi è stato detto che le banche sono restie a concedere mutui per l’acquisto di immobili in queste situazioni. Pare che sia un problema acquistare da familiari quote ottenute per successione. Ma perchè? Mi viene risposto che è un problema di legislazioni. E’ vero? Mi hanno proposto un mutuo per liquidità, ma non credo che sia una soluzione conveniente, vorrei solo acquistare la mia prima casa. Come posso risolvere la cosa?
    Grazie per l’attenzione e per il vostro blog, lo trovo davvero interessante.

    1. Gentile Valentina, ci sono Banche che finanziano tranquillamente l’acquisto di comproprietà tra fratelli. Nel tuo caso il mutuo ti serve sostanzialmente per saldare tuo padre, e questo induce a pensare si tratti per tuo padre o per te di una necessità di liquidità “mascherata”. Ma a volte la realtà è diversa. Tuo padre – ad esempio – potrebbe donarti la sua quota ma per equità con le altre due figlie non lo può fare, e preferisce vendere a te per ridistribuire poi il ricavato tra le figlie. Se così fosse, è importante presentare la pratica al meglio, facendo capire che: 1) si tratta di acquisto abitazione dove andrai a vivere; 2) non ci sono esigenze di liquidità (avete ditte? attività? debiti?) 3) tuo padre utilizzerà il ricavato per le altre due figlie. Personalmente conosco Banche che intervengono in questi casi, ma dipende da diversi fattori (importo, ubicazione immobile presenza di soggetti fallibili), etc. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  41. Buon giorno, io e mio fratello nel 2000 abbiamo ereditato da nostra madre la quota di 1/3 di una casa nel comune dove abbiamo la residenza, usufruendo dell’agevolazione prima casa, ora siamo proprietari di 1/2 ciascuno di quella casa. Ora 2017 riceviamo in eredità dalla nonna la quota di 1/2 ciascuno della proprietà di un altro appartamento sempre nello stesso comune.
    Avendo già usufruito della agevolazione prima casa nel 2000 possiamo ancora richiedere l’agevolazione per l’immobile che riceviamo ora in eredità ?
    Grazie.

    1. Gentile Ivo, non potete richiedere nuovamente le agevolazioni in sede di successione, poiché siete proprietari (titolari di diritti di proprietà) di altra abitazione per la quale avete usufruito delle medesime agevolazioni. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  42. Salve, è possibile acquistare una casa al mare con i requisiti prima casa pur avendo una casa ereditata dai mie genitori deceduti nel 2012? Aggiungo che la casa, nel corso degli anni ha subito una trasformazione, sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione, suddivisa regolarmente in due mini appartamenti, dove io ne sono proprietario e residente in uno con mia figlia, mentre l’altro in affito. Concludo con una ulteriore notizia credo importante, al momento della successione ero conproprietario di una casa con la mia ex moglie, venduta gennaio 2017.

    1. Gentile Mario, possedere una o più abitazioni pervenute per successione non esclude a priori l’opportunità di richiedere le agevolazioni all’acquisto della prima casa. Unico caso di esclusione è possedere in via esclusiva un’abitazione ereditata nello stesso comune dove acquisti. Per ottenere l’agevolazione dovrai avere o trasferire la residenza nel comune dove ricade la casa da acquistare entro 18 mesi dal rogito. Nel tuo caso specifico (acquisto casa al mare), trasferire la residenza mi pare una forzatura. Ti ricordo – infine – che ai fini IMU avrai l’esenzione solo per la casa di proprietà dove hai la residenza e dimori abitualmente con il tuo nucleo familiare (abitazione principale). Un cordiale saluto. Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  43. Buonasera a tutti ho bisogno del vostro aiuto e faccio la domanda. Nel novembre 2012 e morta mia mamma e nel 2013 abbiamo fatto la domanda per la successione risultando che ho 1/4 della casa e 3/4 mio papà perchè mia sorella si è tolta. Adesso sto comprando casa in un altro comune mo ho già la domanda per agevolazione prima casa in quella dove risiedo adesso come funziona per la nuova casa che compro? riesco ad avere anche nella nuova casa la agevolazione prima casa? e se rimango non mi tiro via dalla casa ereditata devo pagare due case? grazie

    1. Gentile Enrica, possedere una comproprietà pervenuta per successione non esclude le agevolazioni all’ACQUISTO. Puoi tranquillamente chiedere le agevolazioni fiscali per l’acquisto della nuova casa. Dovrai però prendere la residenza entro 18 mesi. Come proprietaria sei tenuta a pagare l’IMU, usufruendo dell’esenzione IMU solo per la casa dove risiedi e dimori abitualmente (abitazione principale). Saluti. Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  44. E’ impossibile vendere come nuda proprietà una unità abitativa di cui di possiede i 5/6 1/ 6 è proprietà del fratello che non vuole dividere? del suo appartamento io sono proprietaria di 1/3

    1. Tecnicamente non è impossibile ma difficilmente viene acquistata da una terza persona una quota. Se non trovate accordo, hai la possibilità di rivolgerti al giudice e chiedere lo scioglimento della comunione (=comproprietà) per via giudiziale. Saluti Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  45. Buonasera . Ho acquistato una casa con agevolazioni fiscali prima casa (dove attualmente vivo e ho la residenza) .
    Venderò questa casa a gennaio 2018 , ma ne comprerò una a dicembre 2017 , usufruendo ancora delle agevolazioni fiscali prima casa, (dichiarando che appunto venderò l’attuale casa in cui vivo dove, ho goduto delle agevolazioni fiscali prima casa) a gennaio 2018 .
    Domanda: devo ri-comprarne poi un’altra ? In quanto vendo a gennaio nel 2018 e devo ricomprare entro 12 mesi dalla vendita per non perdere le agevolazioni fiscali prima casa ?? oppure “vale” quella comprata a dicembre 2017 ?

  46. Buonasera, mio padre con un atto di donazione sta dando mezzo usufrutto a mia mamma, mezza nuda proprietà a me e mezza nuda proprietà a mia sorella di un immobile. La mia domanda è questa: avendo sia io che mia sorella già usufruito in precedenza delle agevolazioni prima casa, può mia mamma chiedere tale agevolazione e ne usufruiamo tutti come beneficiari visto che ho letto e cito testualmente: Per ottenere l’agevolazione prima casa in caso di successione o donazione è sufficiente che uno degli eredi o beneficiari possieda i requisiti? anche se i diritti che andiamo ad acquisire sarebbero diversi, cioè mia mamma avrebbe mezzo usufrutto e noi figli mezza nuda proprietà? La ringrazio cordialmente

    1. Gentile Gaia, grazie alla posizione di tua madre beneficiate tutti dell’agevolazione fiscale. Maggiori informazioni potete chiederle al notaio che redige l’atto. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  47. Buon giorno, sono proprietaria di un immobile ereditato 17 anni fa in un comune “z” dove non ho usufruito dell’agevolazione prima casa.
    Ho ereditato da poco 1/3 di proprietà di una casa in un comune “x” e del diritto di abitazione su questa ultima (usufruendo delle agevolazioni prima casa nella successione)
    Vorrei acquistare una abitazione nel comune “x” usufruendo dell’agevolazione prima casa. Posso?
    Ed in un altro comune?
    (Ovviamente nella casa con il diritto di abitazione ci andrei a pagare l’imu)

    1. Gentile Mamma di Roberto, puoi richiedere le agevolazioni all’acquisto perché: 1) il possesso di abitazioni pervenute per successione non esclude il diritto alle agevolazioni acquisto prima casa, anche se sono state pagate imposte ridotte in sede di successione; 2)non sei proprietaria esclusiva di altra abitazione nello stesso comune; 2) non sei titolare di diritti di proprietà, usufrutto, etc su altra abitazione – in tutto il territorio nazionale – acquistata con le agevolazioni fiscali. Da quanto scrivi il requisito della residenza nel comune è già soddisfatto. Se vi trasferirai la residenza e dimora abituale della tua famiglia, avrai diritto all’esenzione IMU riservata ai proprietari per l’ “abitazione principale”. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

      1. Buona sera… In una agenzia del posto mi hanno detto che non é possibile fare questo… Ora spiego il perché…
        Il fatto che io abbia il diritto di abitazione su di un immobile nello stesso comune dove voglio acquistare un secondo immobile, comporta il fatto che non possa acquistarlo con le agevolazioni prima casa.
        Questo va contro a quello che lei mi disse a settembre dello scorso anno tramite il messaggio a cui sto rispondendo.
        Hanno ragione loro o lei?
        Grazie

  48. Buongiorno sono proprietario di una casa acquistata senza agevolazione prima casa in un comune “x”. Da poco ho ereditato 1/6 di nuda proprietà di un immobile dopo la morte di mio padre nel comune “y”. Proprio in questo comune “y” vorrei acquistare una casa usufruendo delle agevolazioni prima casa. Posso?

    1. Gentile Roberto, puoi richiedere le agevolazioni all’acquisto perché: 1) non sei proprietario esclusivo di altra abitazione nello stesso comune; 2) non sei titolare di diritti di proprietà, usufrutto, etc su altra abitazione – in tutto il territorio nazionale – acquistata con le agevolazioni fiscali. Ti ricordo che dovrai trasferire entro 18 mesi dal rogito la residenza nel comune dove ricade la casa acquistata. Se vi trasferirai la residenza e dimora abituale della tua famiglia, avrai diritto all’esenzione IMU riservata ai proprietari per l’ “abitazione principale”. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  49. Buongiorno sono comproprietario per un 17% di un immobile caduto in successione nel 2009. Mio padre (é la sua unica proprietá) ed io vi risiediamo. Io sono in procinto di acquistare casa insime alla mia ragazza, nello stesso comune. Posso richiedere l’agevolazione prima casa? E mio fratello (anche lui comproprietario x la mia stessa quota) essendo in affitto in altro comune deve pagare l’imu sulla casa di mio padre??

    1. Gentile Alessandro, hai diritto a richiedere le agevolazioni all’acquisto di abitazione (essere comproprietario di abitazione pervenuta per successione non è motivo di esclusione). Tuo fratello è tenuto a pagare l’IMU sulla sua quota di comproprietà. Non può neanche percorrere la strada del comodato al padre per avere una riduzione del 50% IMU, perché risiede in un altro comune. Un cordiale saluto Giuseppe Palombelli Ceo CasaNoi

  50. Non sono ancora residente a Trieste , quindi l’unica cosa che dovrò fare é portare la residenza entro 18 mesi .
    La ringrazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *